Una donna porno-romantica

Il suo diario-manuale tratta l'eros con ironia. Senza pudori. E ha un successo travolgente. E in famiglia? L'hanno presa bene. Il fratello è con lei. La mamma l'appoggia. Ma per far superare lo shock al padre
ha dovuto scrivergli: «Sono ancora la tua bambina. Anche se...»

di Giusy Cascio - 26 Aprile 2007

Nel 2003, quando ha aperto il blog, Caterina Cutolo era una perfetta sconosciuta. Oggi è una celebrità: il suo libro Pornoromantica, un manuale-diario di educazione sessuale, molto molto esplicito, pubblicato da Fazi editore, è il caso letterario del momento. Mentre il suo sito questa settimana ha superato i 700 mila contatti. Romana, 33 anni, una laurea in Sociologia in tasca, capelli corti e zaino in spalla, sta girando le librerie d'Italia, prese d'assalto dai fan, maschi e femmine dai 15 ai 50 anni.  Ma lei non si sente una star. "Per andare da Daria Bignardi alle Invasioni barbariche ho messo il primo golf  che ho trovato nell'armadio" esclama al telefono da casa sua al Pigneto, il quartiere popolar-chic della Capitale.

Ma come, sei l'esperta di sveltine e sesso anale e fai la modesta?

"Non sono un'esperta. Ai lettori non do consigli, ma opinioni".

Su che cosa?

"Di tutto, dal corteggiamento alle dimensioni del pene e della vagina. Ma gli argomenti che coinvolgono di più i lettori sul blog e il pubblico in libreria sono la masturbazione femminile, il sesso orale e anale e soprattutto le défaillances maschili".

In quei casi cosa è meglio fare?

"Riderci su. Il sesso va preso con leggerezza, con la giusta dose di ironia".

Un esempio?

"Se lui vuole il sesso orale, che almeno lo chieda recitando una poesia in rima baciata".

Qualcuno ti giudica volgare.

"Se una donna fa allusioni o battute spinte è considerata una puttana, l'uomo un figo. All'inizio facevo fatica a essere così esplicita, ora ci ho preso gusto. E la gente apprezza".

Proprio tutti? In famiglia come l'hanno presa?

"Gli zii dicono che ho preso dal nonno, Raffaele Cutolo".

Il camorrista?

"No, dai! L'autore napoletano di romanze come Dove sta Zazà...".

E i parenti stretti?

"Mio fratello mi segue nel Pornotour nelle librerie. Mamma mi sostiene con dolcezza. Papà ho dovuto prepararlo allo shock con una lettera: "Rimarrò la tua bambina, anche se parlo di p... (ops,  si può dire su Donna Moderna?)".

No, non si può dire, e se fossi in te starei attenta a non urtare la sensibilità dei cattolici, che dici?

"Non voglio offendere nessuno, ma certe posizioni della Chiesa mi irritano. Per esempio considerare l'amore una questione di addizioni e sottrazioni: se aggiungi i Dico, togli alle famiglie. L'amore è infinito e democratico, ce n'è per tutti".

Come ama una vera donna?

"Deve essere "sposa": l'amore richiede dedizione totale al partner (e questo è il lato romantico). Ma deve saper essere anche "porca" e prendersi ciò che più desidera (e questo è il lato porno)".

E l'uomo ideale chi è?

"Quello disposto a imparare come si dà piacere a una donna, quello che non si concentra solo al di sotto del proprio ombelico. E  fedele, non approvo i tradimenti".

Eppure tu ne hai cambiati di partner...

"Uno per volta, però, per carità".

Ora con chi vivi?

"Con la mia micia Gnaca. Il nome non vuol dire nulla, ma suona bene, come gnocca".

Non tergiversare, ti sto chiedendo se sei innamorata.

"Non riesco proprio a dirlo: l'unica cosa di cui ho davvero pudore è parlare della mia vita sentimentale attuale".

Ok, ci salutiamo con i tuoi prossimi progetti. Hai un sogno?

"Magari un musical tratto dal libro, con Paola Cortellesi protagonista".

Nel frattempo?

"Continuerò a lavorare come barista, servendo cocktail. Anzi ora ti invento il Donna Moderna: tre parti di vodka, una di succo di mirtillo, liquore all'arancia q.b. e una spruzzatina di sciroppo di fragola. Cin cin!".

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
attualita/una-donna-porno-romantica$$$Una donna porno-romantica
Mi Piace
Tweet