Social e la bellezza autentica

Per Donna Moderna le donne vere sono importanti, sono un punto di forza e ci caratterizzano da sempre. Ora il concetto di bellezza autentica è un trend che sta prendendo piede tra i media in tutto il mondo. 

Anche nei social. Sono sempre di più le star, da Sharon Stone a Julia Roberts, da Cindy Crawford ad Alicia Keys che non hanno paura di mostrarsi come sono, nella vita quotidiana anche al naturale, postando foto senza ritocco.  Perché si può essere belle come si è. Con i nostri difetti, le rughe se ci sono e i segni di stanchezza. Insomma: basta Kim Kardashian copiamo invece tutte Gwyneth Paltrow che nel giorno del suo 44esimo compleanno ha salutato gli oltre 200mila follower con un sorriso smagliante, senza un filo di trucco. E al Donna Moderna Beauty Experience proprio la bellezza autentica è stata la protagonista di un beauty talk con Vittorio Masciarelli, fashion and beauty consultant Garnier, e Luana Porfido, corporate communication di Fujifilm, che ci hanno dato i consigli per essere naturali e spontanee. Anche quando ci si scatta una foto.

Come apparire autentiche: i consigli di Vittorio Masciarelli

Primo: chiediti cosa ti rende unica. Ti accorgerai che quelli che consideri i punti deboli possono diventare i tuoi punti forti.  Chi è stata una delle più fotografate sulle passerelle di Cannes? La modella Winnie Harlow, inconfondibile con le sue macchie di vitiligine! Quindi studia i tuoi difetti e, invece di nasconderli o temerli, valorizzali. Sono loro a renderti unica.

Secondo: privilegia la spontaneità. Una volta la bellezza si misurava in centimetri, si basava sulla simmetria perfetta. Ora piacciono le donne che sorprendono con qualche dettaglio irregolare, asimmetrico, non studiato. Piace la spontaneità. Persino quando si scatta un servizio di moda, le immagini più belle, oggi, sono quelle prese nel backstage, dove una modella si lascia scappare un sorriso non previsto o un’occhiata più intensa. È la forza dell’istante catturato al volo. Sono scatti da istantanea, quelli che oggi utilizziamo più volentieri: perché sono spontanei.

Terzo: punta sulla luce giusta. È un consiglio che vale sempre: perché luce è uguale a bellezza. Quindi il make up deve riflettere la luce. Come? Usando prima di tutto un buon primer, sul quale applicare poi il fondotinta o la cc cream e il blush, con il quale creare i chiaroscuri. Fanno eccezione le ragazze: a loro basta una bb cream che renda l’incarnato perfetto. Ma ricorda che la pelle, alla base, deve essere sana e idratata: lo stile di vita è importante.

A proposito di luce giusta. Per scattarti una foto, la più spettacolare è quella del mattino: fredda, fa sparire ogni difetto della pelle, a partire dalle occhiaie, e illumina il viso alla perfezione.

Quarto: mai sottovalutare la colorazione dei capelli. Quando si tratta di valorizzare la bellezza naturale è più importante della piega. Valuta quali sono i tuoi colori di base (freddi o caldi? occhi chiari o scuri? Pelle diafana o ambrata?) e scegli i riflessi intonati. rivilegia il simile con simile (cioè se in te prevalgono i toni caldi, scegli una colorazione calda e viceversa) in modo da non togliere luce all’incarnato. Solo a 20 anni puoi anche giocare sui contrasti accostando alla pelle calda un riflesso freddo sui capelli. Dopo una certa età asseconda i colori naturali e schiariscli leggermente, di un tono o due. In  pratica, fai come Liz Taylor: ha sempre avuto chioma corvina e si è sempre vestita con colori freddi, per far risaltare i suoi famosi occhi viola.

Quinto: sempre con il rossetto. Il lipstick rende più femminili. Colore? Il rosso è il passepartout, sta bene a tutte, dà grinta e rivela  coscienza di sé. Il rosa parla di una donna che vuole piacere, disposta ad essere accondiscendente. Il viola rende protagoniste. Ricorda: dopo i 50 mai scegliere un rossetto mat: segna le labbra


Come apparire autentiche: i consigli di Luana Porfido

Primo: mostrati per quella che sei. Il fotoritocco, quello che omologa i lineamenti e rende standard il viso, non va più di moda. Al massimo possiamo intervenire sulla luce per rendere migliore la foto e quindi mettere in risalto la bellezza. Perché oggi  bellezza vuol dire mostrarsi per quello che si è. Così tornano a piacere le foto istantanee, quelle che fermano i momenti non artefatti, spontanei, cosa che lo smartphone non permette. L’istante catturato è anche il più bello, quello che ricorderemo più volentieri.

Secondo: scatta senza pensieri. Non metterti in posa: se hai deciso di scattare vuol dire che sai che il momento è giusto. Nelle istantanee il difetto, il capello fuori posto, la risata che scappa, il caos diventano dettagli di bellezza. È l’imperfezione a rendere perfetto lo scatto.

Terzo: buona la prima. Con il digitale si scatta a raffica: Kim Kardashian si fa 300 selfie per scegliere quello perfetto. Se vuoi essere spontanea usa l’istantanea: vedrai che il criterio cambia. Anche perché le istantanee hanno un vantaggio: premiano sempre. La macchina fotografica rende più morbida la texture della pelle, è più indulgente, smorza le rughe, perdona i difetti. Per questo puoi star tranquilla: è “buona la prima”. Con un effetto wow garantito.

Riproduzione riservata