Vero o falso? Basta con i soliti dubbi sulle diete 

I grassi vanno eliminati? La mozzarella è magra? Quando va mangiata la frutta? Ecco le risposte che cercavi, insieme ai consigli per mangiare sano e leggero, ai trucchi per i momenti di crisi e alle ricette della maionese light

di Silvia Calvi  - 29 Maggio 2007

Lo yogurt fa bene all'intestino

I batteri contenuti nello yogurt tradizionale non sopravvivono a lungo nell'organismo: vengono attaccati dai succhi gastrici e digeriti. Oggi, però, in commercio si trovano anche gli yogurt "probiotici", che utilizzano altri tipi di batteri (tra cui il Lactobacillus acidophilus e il Bifidobacterium), più resistenti all'azione dei succhi gastrici. Solo quest'ultimi sono in grado di arrivare vivi nell'intestino.

La mozzarella è un formaggio magro

Con il suo 19,5 per cento di grassi (24,4 in quella di bufala) e il 18,7 per cento di proteine (16,7 per cento in quella di bufala) è impossibile definirla dietetica. Una mozzarella di latte vaccino da 125 g fornisce ben 316 calorie (quella di bufala 360), per cui va mangiata al posto della porzione di carne o pesce. In più, essendo un formaggio a pasta cruda, è meno digeribile dei formaggi a pasta cotta come il grana.

Lo zucchero di canna è più leggero di quello bianco

Entrambi hanno lo stesso valore nutrizionale: 392 calorie per 100 grammi.

Le uova sono "pesanti" per il fegato

Le uova, nonostante il loro contenuto di grassi e di colesterolo, non vanno demonizzate. Contengono, infatti, un particolare tipo di grassi. Si tratta dei fosfolipidi, che non richiedono l'intervento dei succhi biliari e, quindi, non sottopongono il fegato a un superlavoro. Inoltre forniscono lecitina, una sostanza che agevola il lavoro epatico.

Meglio mangiare piatti più abbondanti a pranzo piuttosto che a cena

Le calorie del pranzo si smaltiscono molto meglio perché si hanno a disposizione molte ore per bruciarle con il lavoro o l'attività sportiva. Non solo. È scientificamente provato che il metabolismo rallenta dal tardo pomeriggio in poi.

Per dimagrire, servono i cibi light

C'è chi li sceglie nella vana speranza di perdere qualche chilo senza soffrire troppo. E chi, abituato alla sera a vedere la televisione a suon di biscotti, li mangia per sentirsi meno in colpa. Eppure, alcuni cibi light consentono un risparmio calorico spesso irrisorio. È il caso, per esempio, dei grissini: la differenza di calorie tra 100 g di grissini normali e 100 g di quelli "alleggeriti" è di 26 calorie... pari a circa mezza banana! Stesso discorso vale per i biscotti e i dolci senza zucchero che, in molti casi, hanno le stesse calorie di quelli normali. Per quanto riguarda patatine e maionese "alleggerite", il risparmio calorico su 100 g di prodotto è piuttosto modesto: 33 calorie per le prime e 280 per la seconda (cioè 28 per cucchiaio). Morale? Meglio consumare i cibi tradizionali riducendo le quantità.

Consumare la frutta dopo i pasti fa gonfiare la pancia

L'ideale sarebbe mangiarla a colazione e come spuntino di metà mattina o di metà pomeriggio, quando lo stomaco è vuoto, condizione che favorisce il massimo assorbimento delle vitamine. Se consumata con altri alimenti, la frutta provoca una fastidiosa produzione di gas perché rallenta l'intero processo digestivo. Solo in qualche caso è consigliato consumarla dopo i pasti: una fetta di ananas o di papaia alla fine di un pranzo o di una cena proteici, per esempio, facilita la digestione per la presenza di bromelina e di papaina, due enzimi che favoriscono la demolizione delle proteine.

Per friggere leggero, bisogna usare poco olio

Per far assorbire meno olio possibile, bisogna usarne molto e ben caldo. Quando immergiamo un alimento succedono due cose: le molecole della superficie formano una crosticina impermeabile e, dall'interno, esce del vapore. Che, da una parte, ostacola la penetrazione del grasso, dall'altra abbassa per alcuni istanti la temperatura. Quando nella padella c'è poco olio, ci vuole più tempo per ripristinare la temperatura iniziale, la crosta non riesce a formarsi rapidamente e l'olio penetra nel cibo, rendendolo una bomba calorica.

La cottura al vapore è la più sana

Questo tipo di cottura è l'ideale per preservare il patrimonio vitaminico dei cibi, a partire dai vegetali. Le vitamine idrosolubili (in particolare quelle del gruppo B e la C), infatti, non si disperdono nell'acqua, ma rimangono dentro l'alimento. La cottura al vapore garantisce anche la minima dispersione di sostanze aromatiche, per cui anche il sapore dei cibi risulta migliore.

Ci sono oli meno calorici e più leggeri

L'olio è un grasso puro, privo di acqua. E tutti gli oli danno circa 900 calorie per 100 g. Attenzione a quelli che vengono definiti dietetici sull'etichetta: non significa che sono meno calorici, ma che hanno proprietà benefiche per la salute. È il caso, per esempio, dell'olio di soia, utile per controllare il colesterolo, e dell'olio di semi arricchito di vitamine.

Si vive meglio eliminando i grassi

I grassi devono costituire circa il 25 per cento dell'alimentazione quotidiana perché svolgono funzioni importantissime. Forniscono le vitamine liposolubili (A, D, E, K) e ne favoriscono l'assorbimento da parte dell'organismo. In più, partecipano alla sintesi degli ormoni e costituiscono una riserva di energia concentrata.

Il cibo scondito sazia meno

Chi mangia sempre cibi sconditi e privi di grassi avverte molto di più lo stimolo della fame. Chi, invece, aggiunge un filo di olio o un fiocco di burro a crudo può contare su un maggior senso di sazietà. Il merito è dei grassi che, richiedendo una digestione laboriosa, permangono più a lungo nello stomaco.

Così mangi sano e leggero

CAPPUCCINO

Quello amaro dà 80-100 calorie e tanto calcio. Non abbinarlo alla spremuta: l'acido citrico rende meno assorbibile questo minerale.

CARNE DI MAIALE

Non è vero che è la carne più grassa: 100 g possono dare da 140 a 260 calorie. Merito dei mangimi per i maiali, oggi più light.

PASTA FROLLA

Un'idea furba per alleggerire le tue torte salate? Al posto della sfoglia, usa la pasta di pane: su 100 g, sono 270 calorie contro 370.

3 trucchi per i momenti di crisi

YOGURT

Se la dieta ti rende nervosa, mangia uno yogurt bianco intero. Ti dà solo 81 calorie e, in più, stimola

la serotonina. Così l'umore risale.

SOTTACETI

Vuoi evitare di esagerare se esci a cena? Sgranocchia, prima di uscire, dei sottaceti: saziano con poche calorie (20 per 100 g).

LIMONE

Hai un'improvvisa voglia di dolce? Metti in bocca una fetta di limone: l'effetto sulle papille gustative spegne la tentazione.

Maionese: due ricette light

Il trucco: yogurt e senape

Per alleggerirla, preparatela con un tuorlo, il succo di un limone, un cucchiaio di senape. Unite poi 100 grammi di ricotta, un pizzico di sale e un albume montato a neve. Un cucchiaio di questa salsa fornisce 45 calorie contro le 70 della versione classica.

Se, invece, volete preparare una salsina simile alla maionese nell'aspetto e altrettanto gustosa, fate bollire per un minuto 200 ml di acqua con un cucchiaio di amido. Fatela raffreddare e poi unitevi due cucchiai di aceto bianco, due di olio, 200 ml di yogurt magro e un cucchiaio di senape delicata. Un cucchiaio di questa preparazione (strana, ma buonissima, soprattutto sul pesce) fornisce solo 40 calorie.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/Diete/vero-o-falso-basta-con-i-soliti-dubbi-sulle-diete$$$Vero o falso? Basta con i soliti dubbi sulle diete
Mi Piace
Tweet