Arriva il freddo, copri la pancia! 

Lo confermano gli studi scientifici, la saggezza popolare ha ragione. Se l'intestino è protetto, ammalarsi è davvero impossibile

di Rossana Cavaglieri  - 27 Settembre 2007

Un intestino che funziona male non causa solo coliti e stitichezza. Diventa la ragione principale per cui in inverno ci si ammala spesso. «Le recenti ricerche scientifiche hanno scoperto che proprio nella pancia si concentra una buona metà delle cellule difensive. Il loro compito? Proteggere l'organismo dall'attacco di virus e batteri» spiega Rossella Iantorno, medico e coautrice di "Disbiosi e immunità" (Tecniche Nuove). «Se, però, l'intestino non lavora regolarmente, se è infiammato o disturbato da un'alimentazione disordinata o da abitudini scorrette, il suo equilibrio si altera». E il compito di tenere alta la barriera difensiva viene meno. Ecco, allora, come  comportarsi  per prevenire i malanni di stagione.

DEPURARE

Con le erbe

Nei cambi di stagione il corpo è già costretto al superlavoro per adattarsi al nuovo clima. E se l'intestino è in disordine le difese si abbassano. «Bisogna ripulirsi dalle tossine e rendere così più efficaci gli anticorpi» spiega Giuseppe di Fede, direttore dell'Istituto di medicina biologica di Milano. L'ideale è un purgante vegetale. Basta preparare una tisana con frangola, rabarbaro cinese, menta piperita, elicriso e arancio amaro (20 g ciascuna) da bere alla sera per una settimana. Oppure c'è una tintura madre più forte (vietato in gravidanza): Rhamnus cathartica 30 gocce la sera.

RIEQUILIBRARE

Con i probiotici

La flora intestinale, formata da almeno 500 specie di batteri, è uno dei punti forti delle nostre difese: inattiva le sostanze tossiche e produce antibiotici naturali. «Non sempre, però, ci si ricorda che dopo aver depurato l'intestino è necessario ricreare equilibrio nella flora batterica» dice di Fede. «Come? La strada più rapida e semplice è prendere per un mese degli integratori di fermenti lattici (come il lactobacillus rhamnosus o il bifidobacterium casei) in alta concentrazione».

RINFORZARE

Con l'omeopatia

Il terzo passo, dopo aver disintossicato e riequilibrato l'intestino, è aiutare il fegato: il benessere di uno dipende da quello dell'altro. «Servono tre mesi di cura con estratti di erbe come il tarassaco, il carciofo o il cardo mariano: 30 gocce di tintura madre ogni giorno» spiega la dottoressa Rossella Iantorno. Infine, si passa a potenziare le difese con un rimedio omeopatico antivirale: un tubo di Oscillococcinum in granuli, monodose, da prendere una volta alla settimana per tutto l'inverno.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/In-forma/arriva-il-freddo-copri-la-pancia$$$Arriva il freddo, copri la pancia!
Mi Piace
Tweet