Due molecole speciali 

Uno degli errori più diffusi è quello di interrompere i controlli con il passare degli anni. In realtà, fra le donne over 50 il tumore più frequente è proprio quello al seno. E la metà dei casi si verifica dopo i 65 anni. Per questo è importante non abbandonare l'abitudine di sottoporsi, anche a questa età, alla mammografia. Si calcola che, se tutte le donne italiane di oltre 50 anni la  eseguissero ogni due anni, sarebbe possibile salvare 1.600 vite all'anno. Oltre a sottoporsi di routine agli esami, però, è fondamentale anche tenere sotto controllo alcuni fattori di rischio specifici della Terza età. Vediamo quali

di Gaia Cimoli  - 29 Aprile 2005

Contro il tumore al seno si usano farmaci particolari, i cosiddetti antiestrogeni. Si prescrivono dopo l'intervento per evitare le recidive, ma si comincia a prendere in considerazione la possibilità di darli in via preventiva anche a donne con forti fattori di rischio.

Contengono infatti molecole che bloccano l'azione degli ormoni estrogeni, i quali hanno un ruolo cruciale nella stimolazione delle cellule tumorali. Il capostipite di questi farmaci è il tamoxifen: secondo alcuni test, può ridurre del 65 per cento il pericolo di ammalarsi nelle donne a rischio.

L'altro medicinale si chiama anastrozolo. Entrambi svolgono un'azione simile, con una differenza. "Il tamoxifen presenta meno rischi" spiega Decensi. "L'anastrozolo è sotto esame per gli effetti collaterali sul lungo periodo. Il sospetto, infatti, è che aumenti il rischio di osteoporosi e di infarto".

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/In-forma/due-molecole-speciali$$$Due molecole speciali
Mi Piace
Tweet