Raffreddore: e se fosse allergia? 

I sintomi sono gli stessi: naso chiuso, occhi che lacrimano, un fastidioso mal di testa. Quello che sembra un malessere di stagione, infatti, può rivelarsi un'allergia. Ecco come distinguerli...

di Laura M. Bosisio  - 15 Dicembre 2008

I sintomi sono gli stessi: naso chiuso, occhi che lacrimano, un fastidioso mal di testa. Quello che sembra un malessere di stagione, infatti, può rivelarsi un'allergia. Ecco come distinguerli

Bruciore alla gola, naso chiuso, mal di testa, sensazione di spossatezza. Inspiegabilmente ti trovi a dover passare qualche giorno sotto le coperte. Eppure sei stata attenta a non prendere freddo. Forse, però, il tuo malessere non è una forma influenzale ma un'allergia ai pollini, i sintomi delle due, infatti, sono molto somiglianti.

L'allergia ai pollini (chiamata più propriamente rinite allergica) causa naso chiuso, secrezioni nasali molto chiare, addirittura trasparenti, bruciore alla gola e lacrimazione. È dovuta a una risposta eccessiva del nostro organismo al contatto con sostanze estranee: vengono prodotte immunoglobuline che contengono istamina, ed è proprio questa sostanza irritante che causa la rinite o - in altri casi - la congiuntivite.

Negli ultimi anni, il numero delle persone che soffrono di allergie è aumentato, soprattutto a causa dell'inquinamento, che provoca un'impennata della concentrazione dei pollini, e del cambiamento climatico che anticipa la fioritura di alcune piante. Il nostro organismo, poi, abituato a vivere in ambienti più puliti rispetto al passato, può riconoscere sostanze innocue come pericolose e attivare meccanismi di difesa. Per sapere se veramente hai sviluppato un'allergia, chiedi informazioni al tuo medico e fai lo skin prick-test: si tratta di far penetrare sotto la pelle una piccola quantità di estratto allergenico. Se nel giro di 15/20 minuti la pelle appare arrossata e gonfia, è opportuno approfondire con una visita specialistica.

Per alleviare i sintomi, in genere si ricorre agli antistaminici. È utile anche cercare di venire in contatto il meno possibile con il polline. Se guidi l'auto, tieni i finestrini chiusi e cambia spesso il filtro, ed evita di andare in bici o in moto. Proteggi le tue vie respiratorie con una sciarpa o un foulard. Per decongestionare le vie respiratorie, poi, fai uno o due lavaggi nasali al giorno con una soluzione apposita a base di acqua di mare: ti permettono di rimuovere il muco e gli allergeni intrappolati in esso e quindi di attutire la reazione allergica.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/In-forma/raffreddore-e-se-fosse-allergia$$$Raffreddore: e se fosse allergia?
Mi Piace
Tweet