Rimedi verdi per digerire meglio 

Gli stravizi delle feste sono un piacere per il palato e uno stress per il fegato e lo stomaco. Ma si possono superare con dolcezza

 - 13 Dicembre 2006
Tag: in forma

Ogni anno i buoni propositi sono gli stessi: non farsi tentare da panettone, montebianco e spumante. Ma resistere, si sa, è difficile. E lo scotto da pagare spesso è una collezione di disturbi: senso di pesantezza, mal di stomaco, pancia gonfia. Per concedersi qualche peccato di gola e non rovinarsi le feste, l'ideale sono i rimedi dolci. «L'organo bersaglio degli stravizi è il fegato, che è costretto a lavorare di più. Il primo passo, quindi, è disintossicarlo con il Cardo Mariano: 25 gocce di tintura madre in poca acqua prima dei pasti, per due settimane» consiglia il dottor Alessandro Targhetta, esperto in medicine naturali. Vediamo, insieme a lui, come risolvere i disturbi tipici delle abbuffate.

CONTRO I BRUCIORI DI STOMACO

I rimedi. Cibi fritti o molto grassi appesantiscono lo stomaco e provocano i classici bruciori. Per calmarli, l'ideale sono i rimedi omeopatici specifici. Contro l'acidità che sale fino alla gola, associata a digestione lenta, la soluzione è Nux vomica. Se, in più, si hanno crampi e un gonfiore così forte da togliere il fiato, ci vuole Carbo vegetabilis. Scelto il rimedio, si prende alla 9 CH, cinque granuli dopo ogni pasto per due settimane.

Il consiglio in più
Per stare subito meglio è perfetto un decotto di Altea: contiene mucillagini che formano una pellicola protettiva sulla mucosa dello stomaco. Basta lasciare a macerare in acqua fredda, per quattro ore, un cucchiaio di radice di Altea sminuzzata e filtrare. Poi, si bevono due tazze al giorno, per una settimana.

SE C'È NAUSEA E MAL DI TESTA

I rimedi. Le abbuffate, e soprattutto i bicchieri di troppo, possono dare nausea e mal di testa. Tutti sintomi che si affrontano bene con preparati omeopatici da scegliere in base alle caratteristiche dei disturbi. Per esempio, se non si può nemmeno sopportare la vista del cibo ci vuole Colchicum 9 CH. Mentre, se la lingua è ricoperta da una patina biancastra, l'ideale è Antimonium crudum 9 CH. Quando, invece, si ha nausea e abbondante salivazione, ma la lingua è pulita, è meglio Ipeca 9 CH. Le dosi sono cinque granuli, due volte al giorno dopo i pasti, per due settimane.  

Il consiglio in più
Un rimedio che  dà subito sollievo per il mal di testa è un bel massaggio sulle tempie con due gocce di olio essenziale di menta.

QUANDO LA PANCIA È GONFIA

I rimedi. Cioccolata e dolci fanno fermentare il cibo nell'intestino e il risultato è la pancia gonfia. La soluzione è un estratto di erbe, il Ginepro in macerato glicerico, che ha proprietà digestive e antifermentative: ne bastano 50 gocce in poca acqua, prima di pranzo e cena, per due settimane.  

Il consiglio in più
Per un'azione più efficace si possono aggiungere dei rimedi omeopatici. Come Lycopodium 9 CH se la pancia è più gonfia sotto l'ombelico, oppure China 9 CH se il fastidio è in tutto l'addome. Le dosi sono cinque granuli dopo i pasti per tre settimane.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/In-forma/rimedi-verdi-per-digerire-meglio$$$Rimedi verdi per digerire meglio
Mi Piace
Tweet