Al sole senza rischi per la pelle 

Oltre che dai raggi UV, proteggiti dai raggi infrarossi, godendoti l'energia del sole: a tutto il resto pensa la nuova gamma di solari Garnier, Ambre Solaire Advanced Sensitive

Credits: 

Garnier

 

Non più solo protezione dai raggi UVA e UVB: la nuova frontiera della protezione solare scherma anche dai raggi infrarossi, quelli responsabili della sensazione di calore sulla pelle. L’impatto dei raggi infrarossi è solo immediato, ma nel lungo periodo riducono la quantità degli antiossidanti aumentando la formazione dei radicali liberi. La conseguenza si traduce in un invecchiamento prematuro con la comparsa di rughe, macchie, assottigliamenti cutanei e perdita di tono. E se pensiamo che il 50% della luce proviene dai raggi infrarossi, si comprende l’importanza di proteggersi sempre dal sole. Con gli adeguati filtri, l’abbronzatura “arriverà” lo stesso, anzi sarà più bella e duratura, e soprattutto uniforme.

Durante e subito dopo l'esposizione al sole, la protezione solare evita tutti quei fastidi decisamente dolorosi come scottature, arrossamenti e bruciature; con il passare degli anni mantiene la pelle giovane e sana, difendendola da rischi più ampi, come il melanoma e i tumori della pelle.

Questa precauzione è ancora più valida per i bambini, a causa della loro pelle più sottile e fragile, che non ha ancora formato armi adeguate per difendersi dalle aggressioni esterne. Si stima che fino al 50% dell’esposizione al sole avviene nei primi 18 anni di vita e può creare problemi che poi si “pagano” da adulti, visto che la pelle è un organo che ha memoria.

Per questo motivo Ambre Solaire di Garnier ha messo a punto Advanced Sensitive UV + Infrarossi. una gamma di solari arricchita di filtri anti infrarossi, specificatamente studiata per la pelle chiara e sensibile, di adulti e bambini. Contiene un ingrediente innovativo, frutto di una scoperta di un microorganismo marino che vive in condizioni estreme, cioè negli ambienti ad alto calore e alta concentrazione di tossine riscontrabili nei pressi dei vulcani sottomarini e delle correnti idrotermali più profonde.

Questa creatura microscopica, nota come Thermus Thermophilus, sopravvive producendo enzimi protettivi che tollerano queste condizioni estreme. Isolando questi enzimi, è stato possibile produrre il Venuceane, un principio attivo che contrasta i rossori causati dagli infrarossi, migliora l’idratazione e prevenire l’alterazione del collagene, provocata dall'esposizione solare.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/abbronzatura-perfetta/garnier-ambre-solaire-advanced-sensitive$$$Al sole senza rischi per la pelle
Mi Piace
Tweet