Al sole... Se hai la pelle chiara 

Carnagione bianca e delicata? Tanti consigli e idee preziose per una tintarella a prova di sguardi in totale sicurezza. Dalle creme per i primi giorni in spiaggia al doposole per il mantenimento dell'abbronzatura

di Laura D'Orsi
Credits: 

Shutterstock

 

Primi giorni di sole

Per ridurre il più possibile il rischio di scottature, prima delle vacanze prepara la pelle con un presolare: «questi cosmetici contengono sostanze come riboflabina e tirosina, che accelerano la produzione di melanina. Così, la pelle è più protetta» spiega Magda Belmontesi, dermatologa.

Sotto i raggi solari

I primi giorni, usa filtri altissimi. «Appena si sente che la pelle tira un po', meglio indossare maglietta e capellino» dice la dermatologa «E, per prevenire arrossamenti e congestione dei capillari, è utile spruzzare spesso sul corpo dell'acqua minerale fredda e ghiaccio».

La pelle chiara del viso ha bisogno di attenzioni in più perché, in genere, è sensibile. Fin dai primi giorni d'esposizione bisogna usare un solare idranutriente, per evitare che si disidrati. E con filtri che proteggano anche dall'eccessivo riscaldamento, per prevenire la couperose.

- Sugli scogli

Le scogliere sono una grande attrazione: c'è meno gente e sono ben ventilate. Attenzione però, perché le onde, infrangendosi sugli scogli, vaporizzano nell'aria piccole gocce che si depositano sulla pelle e creano un effetto lente che amplifica i raggi UV. Per proteggersi, è bene applicare il solare ogni mezz'ora.

- Quando c'è vento

Il vento è un nemico delle pelli delicate. «Favorisce la disidratazione e, quindi, predispone a irritazioni e screpolature. Che, a loro volta, aumentano la vulnerabilità epidermica nei confronti dei raggi solari» spiega la dermatologa. Per evitare che la pelle si secchi troppo, usa un solare denso e cremoso.

- Sotto le nuvole

Le nuvole filtrano i raggi solari, ma solo se il cielo è completamente coperto si ha una vera riduzione degli UV. Quando non è sereno, proteggiti abbassando il filtro, per esempio da 30 a 20, ma mettilo ugualmente, soprattutto su spalle e décolleté, che sono le zone più esposte.

- Se vai in barca

L'acqua riflette come uno specchio le radiazioni UV, potenziandole fino al 90 per cento. In barca, ma anche sul materassino che galleggia vicino a riva, usa un solare con fattore di protezione altissimo. Applicalo anche sulle orecchie, le palpebre, il retro delle ginocchia e il collo del piede.

- Il consiglio in più

Soprattutto se hai gli occhi chiari, non dimenticare gli occhiali da sole con filtri UV per te sono un accessorio indispensabile. Ma non basta. Anche dietro alle lenti usa una crema specifica per la zona oculare, magari con filtro non altissimo, stendendola su palpebre, sopracciglia e zigomi.

Dopo l'esposizione

Dopo la doccia, indispensabile per togliere il sale dalla pelle, bisogna mettere un doposole molto ricco e idratante. «Dovrebbe contenere sostanze lenitive come l'aloe, nutrienti come il burro di karité e gli acidi grassi Omega 3 e 6, antietà come le vitamine C ed E» dice la dermatologa.

- Coccola il viso

«La pelle chiara si arrossa facilmente anche se si usano solari protettivi» dice la dermatologa. «Soprattutto se fa molto caldo». Il rimedio è tenere in frigorifero un doposole con sostanze antirossore e antietà. E metterlo freddo sul viso come se fosse una maschera, tenendolo in posa per 20 minuti.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/al-sole-se-hai-la-pelle-chiara$$$Al sole... Se hai la pelle chiara
Mi Piace
Tweet