A chi sta bene la frangia?

  • 1 11
    Credits: Mondadori Photo
  • 2 11
    Credits: Mondadori Photo

    Frangia dritta e piena

    La frangia piena è indicata soprattutto per le fronti alte poiché da un lato permette di riempire uno spazio ampio, dall'altro lato corregge un'attaccatura troppo alta. «Se i tratti del viso sono regolari, è più facile che la frangia piena e folta doni di più» - dice l'hair stylist. Ricorda che il risultato finale del taglio nel suo complesso deve essere il più possibile armonico.

  • 3 11
    Credits: Mondadori Photo

    Una frangia "alleggerita"

    Se l'effetto della frangia piena dovesse non piacere, perché magari rende il viso un po' troppo "coperto", si può optare per una frangia "sfrangiata", cioè alleggerita solo nella parte finale delle punte oppure all’interno, sfilando qualche ciuffetto.

  • 4 11
    Credits: Mondadori Photo

    Se la fronte non è molto alta o ampia

    La frangia ideale per chi ha la fronte bassa è quella realizzata con pochi capelli. In questi casi, nella "costruzione" della frangia è bene partire dal centro della sommità del capo per creare un "velo" che copra sì la fronte ma con delicatezza. «Immagina un triangolo che dall'attaccatura dei capelli si allarga fino alla larghezza delle sopracciglia. Per bilanciare la fronte poco spaziosa bisogna, quindi regolare il punto di partenza della frangia, in base alla spaziosità (poca) della fronte e all'attaccatura dei capelli (bassa) - dice l'hair stylist.

  • 5 11
    Credits: Mondadori Press

    Per dare carattere al volto e per personalizzare un taglio l'ideale è proporre una frangia sfilata che venga poi pettinata di lato.

    Proposta di hair styling perfetta per chi non è convinta di portare la frangia, ma vuole avere la sensazione di avere un semplice ciuffo (certo, la questione è sottile e spesso solo linguistica...).

    Naturalmente l'idea è personalizzabile anche su capelli lunghi e medi.

    (Foto Backstage Sfiltata Emporio Armani)

  • 6 11
    Credits: Mondadori Photo

    La sottofrangia

    È una frangettina cortissima, stile Audrey Tautou nel film "Il Meraviglioso mondo di Amelie". Si tratta di una tecnica di taglio utilizzata spesso per per correggere l'attaccatura dei capelli non proprio regolare. Serve per rendere più ovale il viso, in modo da ottenere un risultato estetico che tenda alla perfezione. Può essere realizzata anche sui capelli ricci che però andranno stirate con metodi di stiratura chimica.

  • 7 11
    Credits: Mondadori Photo

    Voglia di cambiare

    Se la frangia dovesse stancare, ci si può sbizzarrire giocando con i ciuffi di capelli. Basta armarsi di gel o altri prodotti di hair finish, e lasciare spazio al proprio estro creativo.

  • 8 11
    Credits: Olycom

    Occhiali e frangia vanno d'accordo?

    C'è chi pensa che gli occhiali siano un limite per portare la frangia. Eppure c'è chi si piace con il binomio frangia più occhiali, e si crea uno stile personalizzato.

    Anche in questo caso è una questione di gusto e di auto-percezione di sè.

    Certo, bisogna essere più precisi nel tagliare la frangia, perchè l'effetto potrebbe essere esteticamente troppo pieno: affidandosi ad un bravo parrucchiere non si corre pericolo.

  • 9 11
    Credits: Mondadori Photo

    La frangia di lato

    Una frangia lunghetta, portata di lato, è uno dei tanti modi per personalizzare il proprio taglio, cambiando ogni giorno pettinatura.

  • 10 11
    Credits: Mondadori Photo

    Sui capelli ondulati

    Anche i capelli naturalmente mossi possono portare la taglia: hanno solo bisogno di essere "domati" con i prodotti di styling. In questo caso, la frangia movimenta un taglio di capelli semplice oppure a dà un'aria di novità ad un look che può risultare noioso.

  • 11 11
    Credits: Mondadori Photo

    Come regolare la frangia

    Meglio evitare il fai-da-te: si rischia di essere imprecise e di tornare di corsa dalla propria parrucchiera di fiducia per riparare i danni.

    Quando regalarla? «È un fatto puramente soggettivo: dipende dal grado di sopportazione individuale dei capelli su naso e occhi. C'è chi resiste per giorni e c'è chi invece la regola di continuo. Di solito è la si regola all'incirca 1 volta al mese».

    Si taglia su capelli asciutti o bagnati? «Meglio bagnati, poichè si ha meglio l'idea della compattezza dei capelli, con il risultato di essere più precisi. In caso di tagli "completi", spesso la frangia è l'ultima cosa che viene tagliata, soprattutto quando la cliente non è sicura di voler cambiare e non ha deciso prima della seduta di hair styling se portare o meno la frangia» - concludono Roberta Pasquali e Pier Giorgio Vespignani di Tagliati per il Successo.

/5

La amiamo, la odiamo: ma a chi sta veramente bene la frangia?

C'è chi si vede bene solo con la frangia, e chi non la porterebbe nemmeno se convinta con tanto di foto dimostrativa sul fatto che valorizza il proprio viso! Ma chi non ha mai portato almeno una vota nella vita la frangia?

A dispetto di ciò che comunemente si crede, in genere la frangia sta bene a quasi tutti i tipi di volto. Spesso è un fatto di gusto individuale ma anche di "autopercezione della propria immagine" davanti allo specchio. C'è chi si vede benissimo con la frangia e si sentirebbe "nuda" senza; e chi, invece, fa molta fatica ad accettare il proprio volto incorniciato da un "velo" che copre la fronte.

Secondo l'hair stylist Roberta Pasquali, «la frangia può correggere alcuni difetti della forma del volto, conferendo per effetto ottico un ovale perfetto. A volte è proprio la frangia che valorizza certe "irregolarità" (come la fronte bassa o troppo alta, la attaccatura dei capelli imperfetta, gli zigomi molto ampi, ecc) e dà armonia al viso».

A chi sta bene

Sfatiamo un mito: la frangia non è appannaggio esclusivo di chi ha un naso alla francese, spesso sta bene anche a chi ha un naso importante. «In realtà, è una questione di come ci si percepisce. Ci sono donne che, pur avendo lineamenti marcati, si piacciono con la frangia, e proprio per questa sicurezza in se stesse, risultano più affascinanti» - prosegue l'hair stylist.

A volte invece è l'occhio degli altri che preferisce vedere una determinata donna con la frangia, che paradossalmente si sente a disagio con la fronte coperta.

Come tenere in ordine la frangia

Il classico brushing con spazzola e phon è il sistema più pratico per tenere in ordine la frangia. In alternativa si può usare la piastra.

«Di solito è sempre meglio usare uno specifico prodotto per lo styling - precisa l'hair stylist - che lisci i capelli, sia condizionante e combatta l'effetto increspante dell'umidità. In questo modo si regala una finitura impeccabile alla frangia, che permette di essere ordinate per tutta la giornata o di allungare i tempi della durata della messa in piega.

In caso di capelli crespi, è indicato invece lo stiraggio chimico in salone. Ciò permette di avere una frangia liscia e ordinata per almeno 3-4 mesi»

Come regolare la frangia

Meglio evitare il fai-da-te: si rischia di essere imprecise e di tornare di corsa dalla propria parrucchiera di fiducia per riparare i danni.

Quando regolarla? «È un fatto puramente soggettivo: dipende dal grado di sopportazione individuale dei capelli su naso e occhi. C'è chi resiste per giorni e c'è chi invece la regola di continuo. Di solito è la si regola all'incirca 1 volta al mese».

Si taglia su capelli asciutti o bagnati?«Meglio bagnati, poichè si ha meglio l'idea della compattezza dei capelli, con il risultato di essere più precisi. In caso di tagli "completi", spesso la frangia è l'ultima cosa che viene tagliata, soprattutto quando la cliente non è sicura di voler cambiare e non ha deciso prima della seduta di hair styling se portare o meno la frangia» - conclude Roberta Pasquali.

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te