Bordeaux, il rosso scuro adatto alle more 

Un colore che conquista perché capace di rinnovare la chioma ma con meno "impegno" del tradizionale rosso fiammante

di Alessandra Montelli

È la versione "fredda" del rosso perché nel cuore della sua cromia contiene pigmenti blu, che ne spengono un po' l'ardore del fuoco. Ma giusto un po', visto che il bordeaux fa pur sempre parte delle tinte vive e fiammanti.

Con i suoi riflessi tendenti al porpora, il colore bordeaux ravviva i castani da medi a scuri, donando carattere a tutta la figura. E in genere dona sia alle carnagioni chiare che scure. Tutto dipende dalla tonalità scelte: il bordeaux spazia infatti dal malva all'amaranto, dal cremisi al carminio schiarendosi di volta in volta. Le versioni più fantasiose riguardano i cherry bombre che si avvicinano ai toni del ciliegia.

«Per stare bene con i capelli bordeux, è importante scegliere il punto di colore che riesca a mettere in risalto la luce naturale del viso - spiega Salvo Filetti, hair designer e fondatore di Compagnia della Bellezza. Il taglio giusto, inoltre, valorizza la tinta che altrimenti rischierebbe di essere un po' ardita o al contrario, anonima.

«Tra le nuance più cool della gamma dei bordeux c'è il chocolate mauve che è il colore del momento. Arriva da New York e sta facendo impazzire i social per il suo risultato cromatico ricercato ma naturale. Ideale per le more e castane, è una colorazione dalla base calda castano cioccolato che si arricchisce di sfumature che variano dai toni del bordeaux al viola fino alle nuance del melanzana e del malva».

Il bordeaux a chi sta bene

Questa tonalità di bordeuax su base castano cioccolato, sta bene alla donna mediterranea dalla carnagione olivastra o comunque scura. Le tinte invece più violacee, invece, donano alle pelli più chiare, comprese le pallide e le eteree.

Il taglio giusto per i capelli bordeaux

È perfetto per i tagli di mezza lunghezza come i bob (caschetti ndr), lob (caschetti lunghi) e pixie long (i capelli alla maschietta non cortissimi).

Per quanto riguarda, il tipo di capelli invece, il bordeaux si adatta molto bene a chi ha i capelli mossi oppure alle messe in piega con boccoli e beach waves: le onde enfatizzano ancora di più i giochi di luce.

Come evitare che sbiadisca

Per mantenere il bordeaux sempre "vivo", usa shampoo e balsami per capelli colorati. E ogni 10-15 giorni usa maschere coloranti, arricchite di pigmenti rossi, che rivestano il capello di una guaina protettiva...colorata. Non sono sono delle colorazioni, ma creme trattanti che mentre nutrono il capello donano riflessi tono su tono che vanno via allo shampoo successivo. In commercio ci sono varie colorazioni di rosso, compresi i bordeux e mogano. Si usano con i guanti per evitare che il colore impregni unghie e dita.

«In salone, chiedi di risciacquare i capelli con leggere "docce pigmentate" per riaccendere il punto di colore desiderato! In alternativa, informati con il tuo parrucchiere sull'uso dei tonalizzanti adatti alla tua tinta bordeaux» - conclude l'hair stylist.

Guarda la gallery per scegliere la tonalità di bordeaux che preferisci!

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/capelli/capelli-bordeaux$$$Bordeaux, il rosso scuro adatto alle more
Mi Piace
Tweet