Capelli: la cascata di riccioli è tremendamente alla moda

  • 1 4
    Credits: Mondadori Photo

    COS’È

    «Ciocche mosse e ricci corposi e voluminosi, come asciugati all’aria: sono i curly hair di moda questa stagione, perfetti su tagli medi e lunghi» spiega Mirko Schifone, parrucchiere. «In stile anni Settanta, come si usa adesso, si portano con la riga centrale, non troppo geometrica ma profonda, e qualche scalatura ai lati del viso per esaltare le onde naturali. La versione “grunge”, con tanto di frangia ribelle che enfatizza i riccioli, è perfetta con i capelli alle spalle».

    Nei colori vincono naturalezza e luminosità: Ok ai toni caldi, dal castano al cioccolato, al nocciola, con le punte sfumate per dare luce e movimento.

  • 2 4
    Credits: Mondadori Photo

    COME SI REALIZZA

    «Se hai i capelli già mossi e vuoi un effetto “bedhead”, cioè spettinato, basta un po’ di spuma o uno spray al sale marino» suggerisce l’esperto. «Per un riccio più definito, anche con i capelli lisci, c’è la tecnica della “pizzicata”: dividi i capelli umidi in piccole ciocche e, rialzandoli alle radici, disegna delle piccole onde. Blocca ognuna con dei becchi d’oca, poi asciuga con un diffusore o all’aria e, infine, scompiglia con le mani».

    Hai i capelli molto lunghi? Sì alle onde morbide da sirena. «Per ottenerle usa il ferro triplo: non farlo scivolare sulla ciocca, ma pressalo, dalla radice alle punte».

  • 3 4
    Credits: Mondadori Photo

    A CHI STA BENE

    «Non è uno styling adatto a tutte» avverte Schifone. «In versione vaporosa fino alle spalle è da evitare se si ha il viso troppo tondo o quadrato: ne enfatizza la forma. No anche per chi ha i capelli lisci e grossi: le parole d’ordine sono leggerezza e movimento.

    Consigliato invece a chi ce li ha sottili perché, con qualche scalatura a lato, ne aumenta il volume. E a chi ha il viso ovale o un po’ spigoloso, con gli zigomi pronunciati e la fronte alta: il “curly” dà equilibrio ed armonizza i lineamenti».

  • 4 4
    Credits: Mondadori Photo

    CON COSA SI PORTA

    «Se vuoi un look anni Settanta, un po’ gipsy, punta su un trucco nude» consiglia Giulia Ghebrekidan, make up artist. «Per lo sguardo, via libera al mascara in quantità, di giorno, e a uno smokey leggero, nelle sfumature del marrone, di sera. Poi, bocca in primo piano, sensuale e un po’ selvaggia. Sì al marsala, al vinaccia e al bordeaux, ma sempre mat».

    L’outfit ideale? Tuniche hippie e abiti in stile folk, oppure stampe dai toni autunnali e patchwork ricercati su tessuti morbidi e fluidi.

/5

Vivace e ribelle: prova la chioma “curly”. Ma non pensare a uno stile troppo definito. Piuttosto, morbido e scalato. Da gestire anche a casa

CHE FINE HA FATTO LA PERMANENTE ?

Negli anni Ottanta era un must per star come Cher o Julia Roberts. E oggi? «È superata perché contiene formaldeide, che danneggia il capello e lo rende fragile, anche a distanza di un anno» afferma il parrucchiere Mirko Schifone. L’alternativa? Puoi arricciarti i capelli con il ferro caldo. Se invece sei già mossa di natura, come Valeria Golino, prova i trattamenti naturali come quello al caviale. «Nutrono in profondità, ravvivano il riccio ed eliminano il crespo» dice l’esperto. Ma durano solo 2-3 settimane.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te