I segreti di bellezza di Marilyn Monroe: una diva senza tempo e simbolo di un’epoca

Credits: Getty Images
/5

Capelli corti biondo platino, ciuffi vaporosi e punte morbide. Un make up innocente che diventa sensuale ed esplosivo all'occorrenza: Marilyn Monroe è il simbolo della femminilità e dei grandi contrasti: da un lato l'irresistibile sex appeal dall'altro l'ammaliante innocenza

Prima ancora che sui social si assistesse a un tripudio di chiome platinate, lei faceva già tendenza. Capelli biondissimi e boccolosi, sguardo ingenuo sottolineato da eyeliner e mascara, bocca scarlatta e corpo morbido e sinuoso: il mito di Marilyn Monroe rivive ancora oggi nelle tendenze beauty più cool grazie al suo stile bon ton e sexy allo stesso tempo.

Quel sex appeal innocente

Marilyn è da sempre uno dei simboli della femminilità costituita dai grandi eccessi e contrasti: da un lato l'irresistibile sex appeal e la sensualità innati, dall'altro l'ammaliante innocenza che lasciava tutti sconcertati. Anzi, sono in molti a pensare che questo suo look innocente e talvolta angelico la renda ancora più sexy. Pensa che alcuni teorici del costume hanno in passato studiato le proporzioni del volto di Marylin, concludendo che i suoi lineamenti rispondano ai canoni di perfezione teorizzati dal 'nostro' Leonardo da Vinci, lo studioso per eccellenza dell'armonia del volto.

Il biondo Marilyn

Sarà per questo che ancora oggi è considerata una delle donne più belle al mondo? Il biondo dei suoi capelli, ad esempio, è ancora oggi cercato e imitato da molte celeb, e non era nemmeno il suo colore naturale! Si narra che Marilyn abbia provato ben nove sfumature di biondo prima di ottenere quel platino che passò alla storia. Il passaggio avviene quando Emmelline Snively, la direttrice della Blue Book Modeling Agency, le consiglia un taglio corto e di ossigenare i suoi ricci castano-ramati. 

Un make up travolgente

Il viso di Marilyn era saggiamente truccato accentuando la sua aria infantile. Che significa, tanto mascara per allungare le ciglia, rossetto brillante su labbra ben disegnate, guance di velluto e incarnato luminoso. Le polveri? Solo chiare e satinate. Il segreto dell'attrice era quello di applicare un base di vasellina sul viso prima di stendere il fondotinta e di giocare con la matita marrone e quella bianca per illuminare lo sguardo.

Le frasi più belle di Marilyn Monroe

Marilyn Monroe è famosa, oltre che per le due gocce di Chanel n°5 prima di andare a letto, anche per aver lasciato a noi donne alcune 'perle' legate alla bellezza: mantra, consigli, segreti da seguire per splendere come lei.

"A tutte le donne che pensano di essere grasse perché non entrano in una "taglia zero" dico: siete bellissime! É la società ad essere brutta."

"Bellezza e femminilità sono senza tempo, non possono essere "artificiali". Come il glamour, non si fabbrica."

"Voglio invecchiare senza fare lifting. Voglio avere il coraggio di essere leale con il volto che mi sono scelta."

"Volere essere qualcun'altro è il lato peggiore della persona che si è."

"I difetti sono affascinanti, la pazzia è geniale. Ed è meglio essere totalmente ridicoli che totalmente noiosi!"

"Ogni donna ha bisogno di qualcuno che le rovini il rossetto e non il mascara."

"Non so chi abbia inventato i tacchi alti. Ma tutte le donne gli devono molto."

"Non prendo mai il sole, voglio sentirmi bionda dappertutto."

"Le donne sono dotate di due armi formidabili: il trucco e le lacrime."

"Arrendersi non significa sempre essere deboli; a volte significa essere forti abbastanza da lasciar perdere."

  • 1 12
    Credits: Getty Images
  • 2 12
    Credits: Getty Images
  • 3 12
    Credits: Getty Images
  • 4 12
    Credits: Getty Images
  • 5 12
    Credits: Getty Images
  • 6 12
    Credits: Getty Images
  • 7 12
    Credits: Getty Images
  • 8 12
    Credits: Getty Images
  • 9 12
    Credits: Getty Images
  • 10 12
    Credits: Getty Images
  • 11 12
    Credits: Getty Images
  • 12 12
    Credits: Getty Images

Biografia: da Norma Jean a Marilyn Monroe

Nata il 1 giugno 1926 a Los Angeles da Gladys Baker, una montatrice cinematografia, e Stanley Giffert, produttore e regista, Norma Jeane Baker Mortenson, era questo il suo nome (scelto in onore dell'attrice Norma Talmadge), venne data in adozione a sole sei settimane perché abbandonata dal padre e con la madre ricoverata in un ospedale psichiatrico a causa della depressione e, da quel momento, iniziò il suo calvario perché passò gran parte della sua infanzia tra case-famiglia, orfanotrofi e genitori affidatari.

Nel 1942 il primo velocissimo matrimonio con James Dougherty, un operaio aeronautico da cui divorzia quattro anni dopo, quando la rivista Yank le offre l'opportunità di posare come modella: le foto appaiono su 33 copertine nazionali. Si tratta di un vero e proprio primato! Nel 1946 si trasferisce ad Hollywood, firmando un contratto importante con la Fox e cambiando nome in Marilyn Monroe. Risale al 1949 l'incontro con Johnny Hyde, suo mentore e amante, colui che la fece apparire nuda nel più 'scandaloso' calendario di quei tempi.

Nel 1954 Marilyn sposa il famoso giocatore di baseball, Joe DiMaggio, da cui divorzia nel giro di un anno: un fallimento che le lascia una ferita profonda e incancellabile, come ammetterà lei stessa, tanto che dopo la separazione Marilyn si trasferisce a New York per studiare all'Actor's Studio. È qui che conosce l'affermato commediografo, Arthur Miller, l'affascinante intellettuale che le fa perdere la testa: è un colpo di fulmine e si sposano immediatamente. I tempi degli scandali sono ancora lontani.

I film più famosi

Era il 1948 quando Marilyn canta la sua prima canzone in un film, Orchidea Bionda, anche se è nel 1950 che recita il suo primo ruolo serio in Giungla d'asfalto, lanciando un mito. Le bastano un paio di anni per essere proclamata l'attrice più popolare al mondo e il suo nome è stato per oltre un decennio il più pronunciato ai botteghini. Il film Quando la moglie è in vacanza (chi non lo ha visto almeno una volta?) si rivela un successo strepitoso. Per non parlare della pellicola A qualcuno piace caldo. A quel punto Marilyn Monroe è già una vera e propria icona di stile e di bellezza

Marilyn, i Kennedy e le polemiche sulla morte

È stato il cantante Frank Sinatra a presentare all'attrice i fratelli Kennedy e, per qualcuno, a segnare un destino ormai annunciato. Al Madison Square Garden quando partecipa alla festa di compleanno del presidente, tutti conoscono il loro rapporto. Ma la bella Marilyn frequentò molto di più il fratello Bob, che fu anche il suo ultimo amante.

La Monroe è stata infatti trovata morta nella camera da letto della sua casa di Brentwood, a Los Angeles, il 5 agosto 1962, a 36 anni. Completamente nudo e con la cornetta del telefono ancora in mano, il corpo privo di vita della giovane attrice fu scoperto dalla governante: si dice abbia chiamato la Casa Bianca ma che l'Fbi fece sparire tutte le registrazioni.

E ora non ti resta che guardare online (se non lo hai ancora fatto) il famoso video in cui una giovane e sensuale Marilyn canta (davanti a più di ventimila persone) "Happy Birthday" all'allora presidente degli Stati Uniti John Fitzgerard. La bionda californiana può piacere o meno, ma è indubbio che questo momento è entrato nella memoria storica di un'intera nazione!


Scelti per te