Le regole del taglio perfetto

  • 1 7
    Credits: Shutterstock

    C'è chi va dal parrucchiere tutte le settimane e si confida con l'hair stylist quasi fosse un grande amico e chi invece fa visita al parrucchiere solo in occasioni speciali. C'è chi segue le fasi lunari e taglia i capelli il giorno prima della luna piena e chi invece non si fida delle credenze popolari ma si affida solo a mani esperte. Ma esiste una regola del taglio perfetto? Ogni quanto tempo bisogna tagliare i capelli? E infine, c'è un periodo preciso oppure il lasso di tempo tra un taglio e l'altro varia in base al tipo di capello?

    Sentiamo cosa ne dice l'esperto!

  • 2 7
    Credits: Shutterstock

    Ci sono tanti luoghi comuni radicati nella nostra mente ma non tutti sono veritieri. Volete un esempio? È assolutamente falso che tagliando i capelli questi ricrescano alla velocità delIa luce: "I tuoi capelli crescono di circa un centimetro, un centimetro e mezzo al massimo al mese. È sicuramente utile spuntarli ma questo di certo non accelera il processo di ricrescita", chiarisce l'hair stylist Nicola Di Lecce.  

  • 3 7
    Credits: Shutterstock

    "Una delle cose più antipatiche di una chioma lunga sono senza dubbio le lunghezze rovinate e sfibrate: le doppie punte hanno il potere di rendere sciatto qualsiasi hairstyle. Anche il più curato e raffinato. Prima di pensare a colore e acconciatura quindi occorre che il taglio sia fresco. Quando si presentano le doppie punte infatti, c'è poco da fare: bisogna spuntare i capelli di quattro centimetri per eliminarle", continua l'esperto.

  • 4 7
    Credits: Shutterstock

    "Se avete i capelli lunghi e sottili, quando si allungano, può capitare di riscontrare un antiestetico effetto piatto in cima alla testa e allo stesso tempo voluminoso e disordinato sulle lunghezze: significa che è arrivato il momento di puntare su un taglio scalato in grado di regalare immediato volume alla vostra chioma", chiarisce Di Lecce.

  • 5 7
    Credits: Shutterstock

    "Al contrario, se il vostro è un taglio corto un po' boyish, alla maschietto, oppure un caschetto ben disegnato, dovete ricordavi di ciò che abbiamo detto poco fa, e cioè che i capelli crescono di circa 1,5 centimetri al mese", sottolinea l'hairstylist, "ogni cinque settimane occorre sistemarlo con quella che si chiama da sempre 'spuntatina' che, invece, in situazioni normali va data ogni otto, dieci settimane mentre per il taglio vero e proprio potete aspettare anche quattro mesi".

  • 6 7
    Credits: Shutterstock

    "Ogni donna vuole una chioma sana, forte e con un taglio perfetto", racconta Nicola Di Lecce, "non avete idea di quante volte mi sia sentito dire questa frase. Ma tagliare la vostra capigliatura non ha nulla a che vedere con la loro natura: è vero che sembrano più consistenti dopo il passaggio delle forbici ma questo avviene solo perché si eliminano le parti più sottili".

  • 7 7
    Credits: Shutterstock

    Un taglio fresco contribuisce all'idea di avere bei capelli. Ma non è necessario tagliarli tutti i mesi per dimostrarlo: è sufficiente tagliare le punte ogni 3-4 mesi e se invece hai i capelli molto fini con le punte che tendono ad assottigliarsi velocemente è necessario un appuntamento dal parrucchiere ogni 2 mesi.

/5

Hai una chioma che si assottiglia man mano che cresce, le doppie punte o i tuoi capelli sono ruvidi e spezzati? È arrivato il momento di tagliarli. Parola di esperto

Vento, sole, pioggia, caldo e freddo, così come i trattamenti utilizzati per modellare la capigliatura o colorarla, danneggiano a lungo andare la struttura del capello. Nel lungo periodo, i danni possono essere davvero rilevanti. Come fare a capire se la tua chioma ha bisogno di un aiuto?

"Osserva i capelli sciolti e prova a considerarne la densità sia alla radice che alle punte. Se la tua chioma si assottiglia man mano che cresce, hai le doppie punte o i tuoi capelli appaiono ruvidi e spezzati allora è arrivato il momento di tagliarli", spiega Nicola Di Lecce, hairstylist.  

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te