Bob: i tagli a caschetto del 2016 

Le proposte dei saloni e delle sfilate del taglio più classico per eccellenza

di Alessandra Montelli

B-O-B: 3 lettere per indicare un taglio ormai leggendario, nato più di 100 anni fa, e che ogni anno torna sulla scena, rinnovandosi. Non solo, il caschetto ("casco", traduzione letterale di "bob", appunto) comprende quasi sempre tutte tendenze capelli, in modo trasversale. Se va di modo il lungo o il cortissimo, è difficile la lunghezza media - sopra o sotto le orecchie - venga definitivamente abbandonata dalle collezioni.

Ed è ciò che accade nel 2016, anno in cui si registra innanzi tutto un ritorno del bob anni '60, tondo e pieno con frangia, con una struttura tendenzialmente a scodella. I carrè del nuovo anno sono dritti e abbastanza strutturati, con qualche eccezione che va nella direzione dello shag, il taglio cioè molto scalato, con lunghezze a più "strati" lungo il perimetro della testa.

In passerella hanno sfilato inoltre bob di tutte le lunghezze, corti e lunghi, fino a sfiorare il collo. Accompagnati da frangia corta o media da portare aperta a tendina.
Resta stabile il wob, cioè la declinazione ondulata del bob (wob = neologismo coniato dall'unione di waves, onde, e bob).

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/capelli/tagli-capelli-2016-bob$$$Bob: i tagli a caschetto del 2016
Mi Piace
Tweet