A primavera il corto si porta così

  • 1 12
    Credits: Mondadori Photo

    Sono pratici, versatili, grintosi e, se realizzati ad arte, fanno ringiovanire anche di qualche anno. I tagli XXS questa primavera vanno fortissimo. Sei indecisa su quale è più adatto a te? Sfoglia la nostra gallery con i corti-cortissimi delle sfilate primavera-estate 2016: troverai sicuramente il look giusto per alzare il tuo tasso di glamour.

  • 2 12
    Credits: Mondadori Photo

    Riccio

    È il taglio più nuovo e glamour di questa stagione. E fa felice tutte quelle che hanno boccoli "a molla" e che non sanno come gestirli.

    Molto corto dietro e sui lati (le orecchie devono essere libere), lascia invece un po' di volume e di riccioli sulla sommità della testa: falli cadere sulla fronte a mo' di mini frangia.

    Sta bene se hai un viso spigoloso, con zigomi e mento squadrati.

  • 3 12
    Credits: Mondadori Photo

    Alla maschietta

    Il boy cut del momento, in stile Twiggy, è rasato sui lati e dietro e leggermente più lungo davanti (si parla di centimetri, mai più di 2). L'ideale è portarlo spettinato, con il ciuffo di lato. Questo taglio non ha controindicazioni: sta bene a tutte, ricce a parte.

    L'importante è valorizzare gli occhi con sopracciglia in ordine e un trucco marcato.

  • 4 12
    Credits: Mondadori Photo

    Morbido

    Gli hair stylist lo chiamano taglio "boule", ovvero tondo. È sfilato su nuca e tempie e ha un piccolo ciuffo-frangia da portare spettinato.

    È facile da mantenere e sta bene con i capelli mossi: deve avere volume e movimento.

    Come look ti convince? Gioca con la tinta: se sei under 30, scegli un platino con riflessi argento. Se li hai superati, punta su un castano dai riflessi miele.

  • 5 12
    Credits: Mondadori Photo

    Militare

    I fashionisti lo definiscono alla Ruth Bell, dalla modella inglese (su Instagram come @ruthnotmay per non confondersi con la gemella May) che ha ha conquistato le ultime passerelle.

    Il taglio è rasato e perfettamente pari. È un azzardo, ma se hai coraggio e un viso regolare potresti stare benissimo.

    Per evitare di dover tingere i capelli in continuazione, resta fedele al tuo colore.

  • 6 12
    Credits: Mondadori Photo

    Anni '60

    Moschino per questa primavera fa sfilare un caschetto in versione “tomboy” (al maschile).

    Sfilato dietro e all'altezza delle basette, questo taglio è bombato sulla sommità della testa e ha un ciuffo che può essere portato come frangia lunga, aperta e spettinata, ma anche come bandeau laterale.

    Valorizzalo con un trucco rétro: eyeliner a coda di rondine e bocca disegnata.

  • 7 12
    Credits: Mondadori Photo

    A scodella

    Se hai i capelli mossi e vuoi cambiare look, questo taglio fa per te.

    Corto, soprattutto di lato, arrotondato e abbastanza femminile, sta molto bene a chi ha il viso piccolo e tondo, ma anche a chi ha gli occhi grandi perché li mette in risalto nel modo giusto, senza eccessi.

    Portalo piuttosto spettinato, mai stirato, con la frangia pari e magari un mono orecchino vistoso.

  • 8 12
    Credits: Mondadori Photo

    Punk

    Non facilissimo da portare (e da mantenere), questo look è uno dei più glamour. Sia per il taglio, corto e ingellato sui lati con un doppio ciuffo, sopra morbido, effetto ragnatela, e sotto rigido tipo mini frangia.

    Sia per il colore, che mescola ad arte il “greige”, nuova tinta di moda questa primavera, a qualche ciocca biondo platino.

    Osalo, magari in una versione più soft, se hai tratti maschili, carnagione chiara e occhi azzurri.

  • 9 12
    Credits: Mondadori Photo

    Boyish

    Il taglio “stile ragazzo” è spesso considerato una pettinatura da ribelle, ma non è così. Con pochi accorgimenti, diventa subito molto sofisticato e chic.

    Come? Mantieni alcune lunghezze sul davanti, anche se i capelli sono più corti sui lati e dietro. Porta il tutto ciuffo indietro e fermalo con un gel effetto bagnato.

    Temi che la tua acconciatura manchi di femminilità? Gioca con gli accessori aggiungendo qualche forcina femminile, un fiore fresco o uno smokey eyes sensuale.

  • 10 12
    Credits: Mondadori Photo

    A tutto volume

    Spesso chi ha capelli ricci, teme di accorciarli perché potrebbero diventare ribelli e indomabili.

    Non avere questa paura e osa un taglio così: scalato sulle tempie e sulle orecchie e pieno sulla fronte e al centro della testa.

    L’effetto “zucchero filato” è il suo bello, soprattutto se lasci cadere una ciocca di lato, come fosse un ciuffo. Unica accortezza, elimina il crespo: i ricci “a molla” stanno bene se super elastici e luminosi.

  • 11 12
    Credits: Mondadori Photo

    Midi

    Un po’ più corto del classico wob (arriva appena sotto le orecchie), questa pettinatura è ultra versatile e la puoi portare con la riga al centro + il cerchietto (come in sfilata) o laterale + un fermaglio.

    Sarà giusto per te se hai il viso regolare, oppure ovale. Attenzione a quello tondo: in questo caso devi trovare la lunghezza giusta, un po' più lunga e asimmetrica per non mettere in evidenza la guance paffute.

  • 12 12
    Credits: Getty Images

    Il taglio giusto per il tuo viso

    Amatissimi dalle star, i corti si prestano a mille interpretazioni, dalle più ribelli a quelle bon ton, ma vanno sempre adattati alla forma del volto per valorizzarne le proporzioni. Ecco come: se hai tratti marcati, come quelli di Paz Vega, accorcia dietro e di lato ma lascia un ciuffo morbido che addolcisca l'insieme. Sul viso triangolare, tipo Nicole Richie, stanno bene capelli che arrivano alle orecchie e leggermente scalati per spezzare l'andamento geometrico dei lineamenti.

    I tagli alla garçonne sono perfetti, invece, per i volti ovali, vedi Kate Mara, che possono giocare anche con onde e righe asimmettriche.

/5

Cortissimo! Già alla ribalta da qualche stagione, le chiome “short” si accorciano ancora. Lasciati ispirare da queste proposte sexy e coraggiose

Questa primavera vanno di moda i tagli corti, da quelli rasati e super maschili, a quelli un po’ più morbidi e bon ton. Sei tentata di provarne uno?

Prima di sbagliare, fai alcune considerazioni per sapere (prima) se ti staranno bene.

Conosci la regola del righello?

Si chiama anche "legge del 5,5", ha a che fare con la matematica, ma applicata al look. Il 5,5 è semplicemente una misura, in centimetri, e serve a essere sicura che il tuo viso sia adatto a un taglio di capelli corti.

La inventarono Giles Robinson, senior stylist presso John Frieda UK & Internationals e il parrucchiere delle celeb John Frieda, analizzando l’hairstyle delle star.

La vuoi provare? Metti un righello sotto uno dei due lobi e poi con una penna segna dove arriva il mento. Se da questo segno alla base del tuo lobo ci sono cinque centimetri e mezzo o meno, allora il tuo viso è perfetto per un nuovo look alla maschietta. Se c’è qualcosa in più, non è detto che non valga la pena darci un taglio, ma riflettici meglio. Forse staresti meglio con un long bob.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te