Cellulite: cosa c’è di nuovo

Credits: Corbis
1 12

LE FORMULE CHE VENGONO DAL MARE

Non tutti possono fare come Salma Hayek che si è appena fatta costruire una spa con percorso talassoterapico nella sua villa di Hollywood. L’attrice sa bene che contro la cellulite non c’è niente di meglio che sfruttare l’azione drenante e sciogligrasso di acqua marina, alghe e sale.

Puoi provare anche tu, con una versione semplificata: versa nella vasca un chilo di sale marino integrale e un etto di alga bruna in polvere (la trovi in erboristeria). Rimani in immersione per un quarto d’ora. La temperatura dell’acqua ideale è tra i 27 e i 30 gradi, così ti tonifichi. Subito dopo, applica una crema a base di alghe, come il fucus, per prolungare i benefici del bagno.

/5

Colpisce l’85 per cento delle donne ed è il tormentone di tutte: ragazzine e over “anta”, sportive e pigrone, snelle e curvy

In vista della prova costume, ti proponiamo le strategie vincenti e mirate per mettere ko la pelle a buccia d’arancia e mostrare un corpo da urlo.

Sfoglia la gallery e scoprile tutte!

● Il momento migliore per applicare la crema anticellulite? Secondo la cronobiologia, la disciplina che studia i ritmi del nostro organismo, è intorno alle 10 di mattina. A quest’ora il microcircolo è più attivo e i principi snellenti agiscono meglio. Se invece devi prenotare una seduta di fanghi o di linfodrenaggio, fissala alle 16. Quando cioè i gonfiori cominciano a manifestarsi, così il trattamento sarà più efficace.

● Prima di acquistare un prodotto anticellulite, controlla la lista degli ingredienti e scegline uno che contenga olio essenziale di limone. Queste sostanze, com’è stato dimostrato in uno studio recente, trasportano i principi attivi in profondità e velocemente.

● Secondo una ricerca della Cleveland Clinic, negli Usa, le persone con una corretta postura sono percepite come sexy, più magre e con meno cellulite. Ed è stato dimostrato che le donne che accentuano o al contrario appiattiscono le curve della colonna vertebrale spesso hanno le culotte de cheval. Quindi, raddrizza spalle e schiena e la buccia d’arancia non sarà più il tuo tormentone.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te