Cinque cose da sapere sui tuoi occhi 

Per mantenere lo sguardo in perfetta forma ci sono cose che devi fare e altre che è bene evitare. Te le sveliamo in queste pagine

di Michela Duraccio  - 01 Dicembre 2005

Ammiccano, studiano, parlano. Spesso seducono e intrigano. Gli occhi sono la parte più comunicativa del viso, ma anche la più fragile. E, se non viene curata con le attenzioni e i prodotti giusti, tutta la zona che li circonda rischia di invecchiare presto. I motivi ve li sveliamo in queste pagine.

Perché non si può

L'avrete letto sulle etichette di tanti prodotti: “evitate il contorno occhi”. La ragione? «L’epidermide è molto sottile» spiega Antonino Di Pietro, dermatologo «e le sostanze concentrate contenute in maschere e impacchi rischierebbero di penetrare a fondo rilassando troppo la pelle. Senza contare che, se entrassero negli occhi, li irriterebbero». Per regalare loro un trattamento intensivo, tuttavia, le alternative non mancano. «Potete appoggiare sugli occhi un dischetto di cotone appena tamponato con una crema alle vitamine A, C o E e tenerlo in posa 2 o 3 minuti» suggerisce Maria Bruna Zorzi, estetista. «Potete passare sulla zona un cubetto di ghiaccio avvolto in un fazzoletto di cotone o la metà di un acino di uva che ha un immediato effetto tonificante e antietà».

Perché è bene mettere creme specifiche?

«Per tre motivi» dice il dermatologo. «Il primo è che questa zona, meno ricca di ghiandole sebacee, tende a disidratarsi di più del resto del viso e perciò ha bisogno di attenzioni mirate. Il secondo è che qui la circolazione è più lenta e, quindi servono sostanze tonificanti in grado di riattivarla e poco grasse per non aumentare la ritenzione. Infine, i prodotti formulati apposta per questo punto del viso hanno il pH giusto (tra 6.8 e 7.2) e sono testati oftalmologicamente: in pratica, anche se entrano a contatto con l’occhio, non lo irritano».

Perché appaiono presto le rughe?

«La circolazione rallentata e il sistema linfatico meno attivo provocano l’accumulo di radicali liberi, cioè proprio delle sostanze responsabili dell’invecchiamento» spiega il dermatologo. «A questo si aggiunge la mimica facciale: gli occhi si aprono, si chiudono, si strizzano per mettere a fuoco, si socchiudono mentre si aspira la sigaretta o davanti a una luce troppo intensa. Tutte queste contrazioni, questi cambi di espressione e movimenti continui delle palpebre accelerano la perdita di elasticità in una zona già povera di fibre elastiche. Così appaiono le zampe di gallina, il fascio di rughette che dagli angoli si irradia verso le tempie».

Perché si formano le borse e le occhiaie?

Anche se interessano lo stesso punto del viso, cioè la parte inferiore dell’occhio, borse e occhiaie hanno cause diverse. «Le prime sono gonfiori provocati dall’eccesso di pelle e di grasso delle palpebre inferiori» dice il dermatologo. «Le occhiaie, invece, sono macchie provocate dai capillari dilatati. In pratica, il sangue perde ossigeno, si arricchisce di anidride carbonica e affiora in superficie lasciando un alone bluastro». «Per attenuarle, esistono speciali cerotti al mirtillo e alla vitamina E, idratanti e decongestionanti» consiglia Maria Bruna Zorzi, estetista. «Usateli freddi di frigo, teneteli in posa 10 minuti e dopo massaggiate delicatamente la palpebra inferiore dall’interno verso l’esterno, picchiettandola con i polpastrelli».

Perché usare gli struccanti per occhi?

«Il latte e il tonico del viso spesso contengono tensioattivi irritanti» dice l’estetista. «Quelli specifici, con hammamelis o camomilla, sciolgono le sostanze grasse del make up senza bisogno di strofinare e, quindi, di “graffiare” una zona tanto delicata».

Sì «Provate il “palming” se sentite gli occhi stanchi» dice Maria Bruna Zorzi, estetista. «Con le mani a coppa sugli occhi (i polpastrelli toccano la fronte, i mignoli i lati del naso), restate 3 minuti al buio».

No «A dormire su un cuscino basso se la mattina vi alzate spesso con lo sguardo segnato

dalle borse» dice Antonino Di Pietro, dermatologo. «In questa posizione, la circolazione linfatica rallenta».

Ciglia in forma

Proteggono gli occhi e impediscono che entrino pulviscolo e altri corpi estranei. Le ciglia sono le sentinelle dello sguardo. «Ma, per averle sane, robuste e lucide, bisogna curarle, visto che i raggi ultravioletti e lo smog tendono a schiarirle e a indebolire la cheratina» avverte Maria Bruna Zorzi, estetista. Ecco qualche consiglio: «Non impastatele con troppo mascara, non traumatizzatele con continui sfregamenti, struccatele con cura ma delicatamente, lucidatele passandoci lo spazzolino intinto in un cucchiaino di olio di oliva e uno di vaselina, dalle radici fino alle punte: saranno anche più robuste».

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/cinque-cose-da-sapere-sui-tuoi-occhi$$$Cinque cose da sapere sui tuoi occhi
Mi Piace
Tweet