Gelato: tra buonumore e nutrimento 

Meno calorico di uno snack, alleato del buonumore, ricco di proprietà  nutritive. Bastano queste informazioni per evitare di rinunciare al gelato in nome di un  senso di colpa sulla linea?

 - 07 Novembre 2011
Credits: 

Photoshot

 

Contenente meno calorie di quanto si pensi, il gelato può essere mangiato senza grandi sensi di colpa per la linea. Soprattutto se si inserisce all'interno di un regime alimentare ben bilanciato e povero di grassi. Si tratta di un alimento completo che può sostituire il pranzo nelle giornate; e, in quantità modeste addolcire spuntini, merende e dopocena.

Secondo uno studio olandese, il gelato sarebbe un alleato del buonumore. E' stato osservato che quando si mangia un  gelato il volto raggiunge l'86% di felicità.
Alla dimostrazione statistica si aggiunge il fatto che il gelato è un alimento che ricorda l'infanzia: essendo uno dei dolciumi offerti quano si era bambini, da adulti il gelato viene assocciato a eventi gioiosi di per sè oltre che a pause pause.

Il gusto gradevole e la consistenza cremosa ne fanno un alimento che va oltre la funzione di nutrire. Il gelato contiene infatti ingredienti che favoriscono il buonunmore, come lo zucchero, i carboidrati, e persino le proetine dell'uovo. Il complesso delle proprietà di questi ingredienti aumentano alcuni neurotrasmettitori tra cui la serotonina e le endorfine.

Si tratta di un alimento che è appagante di per sè: le consistenze cremose sono più caloriche di quelle alla frutta che contengono più vitamine e sali minerali. Oggi sempre più produttori di gelato prestano attenzione ad esigenze particolari dei consumatori: viene prodotto il gelato per diabetici, con bassa percentuale di zucchero; quello per celiaci, con assenza di glutine. Persino gli intolleranti al latte possono non rinunciare al gelato, grazie alle preparazioni a base di latte di soia o di riso o di latte delattosato, cioè a cui è stato privato il lattosio.

Il gelato diventa così un comodo compagno delle pause che favorisce la conversazione con gli amici e apre un teatro della mente, fatto di gioiosità e di sodffisfazione dell'appetito sorto all'improvviso e altrettanto rapidamente placato.

Non dimentichiamo che la cioccolata contiene triptofano, che è un aminoacido anti-ossidante che favoriscce il buonumore sonno. Il cacao lo contiene.
Al di là della pausa ritemprante e salva umore, il gelato ha ottime proprietà nutritive, che lo rendono un alimento a cui non ha senso rinunciare. Nemmeno in inverno.

Le creme, ricche e golose, sono molto nutrienti perchè forniscono le proteine complete, i grassi e gli zuccheri del latte.

I gusti alla frutta invece forniscono meno calorie e di nutrienti: proteine e grassi sono praticamente assenti. In compenso aumenta il contenuto degli zuccheri.

Oltre a contenere proteine, zuccheri e grassi,  il gelato fornisce vitamine e sali minerali preziosi:

- Calcio: indispensabile per lo sviluppo osseo, è presente nella  quantità  di 160 mg per 100 g di gelato a base di latte e di 40 mg in  quello alla  frutta.
- Fosforo: stimola l'attività cerebrale e, nelle giuste proporzioni, facilita l'assimilazione del calcio. Inoltre, contribuisce a fornire energia alle cellule.
- Vitamina A: rende la pelle più bella, promuove il buon funzionamento della vista.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/dolci-coccole/gelato-nutrimento-buonumore$$$Gelato: tra buonumore e nutrimento
Mi Piace
Tweet