Emma Watson: da maghetta a icona di bellezza

/5

L'attrice britannica entrata nell'Olimpo hollywoodiano grazie ai romanzi del maghetto più amato del mondo, ci piace per il suo stile bon ton contemporaneo e per i make up sofisticati che puntano tutto sulle labbra

La dolce attrice britannica Emma Watson è balzata alle cronache Hollywoodiane grazie ai film ispirati ai romanzi del famoso maghetto occhialuto Harry Potter in una sorta di noir a tinte magiche e sulfuree. Emma era Hermione Granger, la giovane aspirante strega con la passione per i libri e le pozioni, figlia di "babbani" e migliore amica del misterioso protagonista.

Film

 

- Gli esordi e la fortuna con Harry Potter

Emma nasce a Parigi nel 1990, da due genitori avvocati (la madre è francese e il padre inglese), che divorziano poco dopo la nascita del fratello minore Alex. Comincia a recitare già da piccolissima, portando sul palco della scuola Arthur: The Young Years, Il Principe Felice di Oscar Wilde e Alice nel Paese delle Meraviglie.

Ma è il 2001 l'anno della svolta perché nasce il primo film ispirato ai romanzi di J.K. Rawling: Harry Potter e la Pietra Filosofale di Chris Columbus, ed Emma Watson, a soli 11 anni, trova un posto in questo fatato e fantastico universo, avvolto in un continuo gioco di maschere e travestimenti che investono l'intera collana, libro dopo libro. Costretta ad incresparsi e scurirsi i capelli (in origine sono biondi), si muove sulla scena calandosi perfettamente nel personaggio, accanto a Rupert Grint e Daniel Radcliffe. Un po' saccentona ma molto coraggiosa, Emma supera la prova d'attrice nonostante la poca esperienza.

- La streghetta e il maghetto

La febbre per il maghetto sale e le pellicole diventano campioni d'incasso al botteghino. Arrivano quindi Harry Potter e la Camera dei Segreti (2002), Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban (2004), Harry Potter e il Calice di Fuoco (2005), dove troviamo Hermione ormai adolescente, Harry Potter e l'Ordine della Fenice (2007), Harry Potter e il principe mezzosangue (2009), e le due parti dell'ultimo capitolo della saga: Harry Potter e i doni della morte - Parte I (2010) e Harry Potter e i doni della morte - Parte II (2011). Emma Watson naturalmente ha interpretato l'aspirante streghetta per tutti e dieci gli anni!

- Il dopo-Hermione

Conclusa la saga di Harry Potter l'attrice britannica ha bisogno di un bagno nella realtà. E di un nuovo taglio di capelli, visto che per contratto non aveva potuto tagliarsi i capelli per oltre un decennio!

Il primo esempio è un piccolo ruolo in Marilyn di Simon Curtis; a seguire troviamo il film di Stephen Chbosky Noi siamo infinito, in cui interpreta un'adolescente alle prese con la fine del liceo. Ci sarà poi il nuovo film di Sofia Coppola The Bling Ring, storia "tratta dalla realtà" di un gruppo di adolescenti annoiati di Beverly Hills che svaligiano le case dei divi: l'ex ragazzina prodigio è pronta per gli alti traguardi che l'attendono.

E nel 2015 arriva infatti la prova di 'maturità' ed Emma recita come co-protagonista con Daniel Brühl in Colonia, film che si muove tra il thriller, il sentimentale e lo storico. È invece del 2017 il fantastico La Bella e la Bestia che fa sognare grandi e piccoli e fa innamorare della dolcissima Belle.

Vita privata

 

- L'impegno nel sociale

Ma la Watson non è solo una bravissima attrice ma è molto attiva anche nel sociale. Da Hollywood alle Nazioni Unite il passo è stato breve, ed infatti è stata scelta da UN Women come "Goodwill Ambassador", ambasciatrice di buona volontà. Ecco a cosa le è servita la laurea alla Brown University: da tempo la Watson non nasconde più il forte impegno sociale sul fronte dell’istruzione per le ragazze del Bangladesh.

Nel suo incarico, l’attrice si dedica a costruire nelle adolescenti che si affacciano alla vita una nuova fiducia in se stesse, spesso difficile da raggiungere a quell’età, sia nel mondo occidentale che nei Paesi in via di sviluppo. "Avermi chiesto di fare questo lavoro mi mette in prima linea. Credo fermamente nei diritti delle donne e non posso immaginarmi un compito più entusiasmante", ha raccontato l'attrice.

Emma Watson poi è molto attenta anche all'ambiente e al mondo animale tanto da scegliere di 'indossare' (sia in fatto di abiti che di make up) solo brand che siano impegnati a livello sociale o eco-sostenibili e sensibili a temi come l’inquinamento, lo spreco energetico e lo sfruttamento.

- Stile di vita e fidanzato

Il suo stile negli anni è cambiato e da 'scapigliata' maghetta si è trasformata in una bellissima donna dal gusto raffinato, elegante e molto chic. Una donna attenta ad ogni sua scelta, lavorativa e privata.

Non vuole che la sua popolarità interferisca su amicizie e amori ed è per questo che, pur essendo fidanzata da qualche anno, nessuno ancora conosce il nome e il volto della sua dolce metà.

"Posso sedermi e rispondere a tutte le domande su Harry Potter che avete, ma non posso fare una foto. E non dirò mai con chi esco. Ho notato che a Hollywood si tende a legare spesso il partner alla promozione dei film, così diventa anche lui parte del circo mediatico. Io odio tutto questo, non vorrei mai che il mio compagno si sentisse obbligato a recitare o far parte di uno show" ha raccontato Emma Watson in una recente intervista.

Beauty look

 

L'incarnato è radioso al naturale ed è per questo che Emma Watson preferisce basi dalla texture leggere e impalpabili: il colorito è uniformato, ma senza mascherare le lentiggini e per le gote basta un make up delicato come una pennellata di blush nei toni del rosa chiaro per completare il gioco di chiaro-scuri.

Anche il trucco occhi è molto naturale e il nocciola dello sguardo è esaltato da polveri nude dalla finitura opaca e satinata con un mascara ultra black applicato sia sulle ciglia superiori che inferiori. Ma ecco che arriva il suo punto di forza: Emma ama puntare l'attenzione sulla bocca e sceglie di sfoggiare quasi sempre labbra colorate e rossetti intensi dal finish rigorosamente matte: rosso fuoco, ciclamino, bordeaux, fucsia e arancio.

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te