Smalto semipermanente in gravidanza: si può fare? 

È la domanda centrale intorno alle quale gravitano tanti dubbi: abbiamo cercato di scioglierli nella gallery

di Alessandra Montelli

Usare lo smalto semipermanente in gravidanza non è in sé pericoloso, ma può causare un indebolimento delle unghie, già particolarmente fragili a causa degli sbalzi ormonali causati dalla gestazione. Non è dannosa nemmeno la lampada UV o Led per la polimerizzazione del semipermanente. L'unica cosa da sapere è che, essendo già molto deboli, sopportano con più fatica il calore del tipico fornetto. Di conseguenza la superficie dell’unghia subirà uno stress maggiore che se non aspettaste un bimbo.

Nei mesi della dolce attesa le unghie reagiscono in modo diverso al contatto con le sostanze chimiche, perciò ostetriche e puericultrici consigliano in genere di moderare il ricorso allo smalto semipermanente, se non nelle occasioni speciali.

Un suggerimento importante è quello di rivolgersi solo a saloni estetici che fanno uso di marchi riconosciuti, e diffidare di smalti di dubbia proveniente.

Infine, da evitare completamente è l'uso del semipermanente nei mesi finali della gravidanza e in prossimità del parto, ma per queste e altre informazioni leggi la gallery in alto.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/gravidanza/unghie-semipermanente-in-gravidanza$$$Smalto semipermanente in gravidanza: si può fare?
Mi Piace
Tweet