Il balsamo sporca i capelli? 

Parrucchieri e dermatologi sono d'accordo. Per avere la testa in ordine, il lavaggio, da solo, non basta. Ci vuole un prodotto dopo shampoo. Eppure, sul suo uso restano ancora tanti dubbi. Ecco
le domande più frequenti e le risposte degli esperti

di Laura D'Orsi still life di Luca Donato

di Laura D'Orsi  - 18 Ottobre 2006

Risponde il parrucchiere

Il balsamo sporca i capelli?

«No. Il balsamo non sporca i capelli. Anzi, è nato proprio quando ci si è resi conto che lo shampoo toglie troppo sebo dalla testa» dice Stefano Milano, parrucchiere di sfilate. «Ci voleva quindi un cosmetico capace di svolgere le funzioni del grasso naturale, come eliminare l'elettricità statica e rendere brillanti i fusti».

Va messo sempre?

«Il balsamo è necessario dopo ogni shampoo» precisa l'hair stylist. «Non solo per rendere i capelli più docili al pettine, ma anche per proteggerli dalle aggressioni esterne, come l'aria calda del phon e lo smog. Inoltre, è uno dei modi migliori per mantenere uniforme la tinta, perché previene disidratazione e danneggiamenti».

Si può usare anche se i capelli sono grassi?

«Certo. I balsami per capelli grassi hanno una consistenza leggera e spesso sono in versione spray» dice il parrucchiere. «Non hanno bisogno di risciacquo, perché le sostanze che contengono sono ridotte in particelle microscopiche. Il loro segreto è nei componenti, che neutralizzano i residui di calcio e magnesio, colpevoli di appesantire la capigliatura».

Quanto ne serve?

«La dose giusta è un cucchiaino da caffè per i capelli corti, un cucchiaio da tavola per tagli medio-lunghi» spiega Milani. «Se c’è l'erogatore, basta una spruzzata o due, a seconda della lunghezza. Per le mousse, è perfetta una quantità che stia dentro il palmo della mano».

Meglio il balsamo classico o quello senza risciacquo?

«È una scelta personale» dice il parrucchiere. «I balsami senza risciacquo (tecnicamente si chiamano "leave-in") sono adatti per chi ha bisogno di un prodotto a effetto rapido. Contengono, in genere, oli minerali, vegetali e siliconi. Vanno applicati dopo lo shampoo, prima di tamponare i capelli con l'asciugamano».

Va lasciato in posa tanto o poco?

«C’è un caso in cui vale la pena di lasciare in posa il balsamo a lungo: prima di una decolorazione, per ridurre i danni dovuti alle sostanze chimiche e fissare meglio il colore» dice Milani. «Un paio di giorni prima si fa un impacco con un balsamo per capelli secchi, che nutre, tenendolo in posa almeno due ore, meglio tutta la notte».

Che differenza c'è con la maschera?

«La maschera va applicata al posto del balsamo, una volta alla settimana, quando i capelli sono molto secchi o sfibrati» chiarisce il parrucchiere. «E si lascia in posa una decina di minuti. Per aumentarne l'efficacia, si può avvolgere la testa in una pellicola trasparente e coprire il tutto con un asciugamano caldo. L'umidità e le proteine contenute nel prodotto gonfiano il capello e fanno durare di più la piega».

Risponde il dermatologo

Il balsamo sporca i capelli?

«Per avere i capelli leggeri basta scegliere il balsamo adatto al proprio tipo di testa» spiega la dermatologa Magda Belmontesi. «Ed è importante usarlo bene: non bisogna esagerare mai con la dose, tanto non è la quantità che rende i capelli più morbidi e brillanti. Va applicato sulla testa molto umida e risciacquato abbondantemente».

Va messo sempre?

«Sì, perché completa l'azione dello shampoo» spiega la dermatologa. «Quando viene applicato sui capelli, il suo pH alcalino apre le cuticole, ossia le piccole squame che ricoprono il fusto, in modo che i principi attivi possano penetrare. Durante il risciacquo, le cuticole si chiudono, le sostanze completano la loro azione e il capello è più sano».

Si può usare anche se i capelli sono grassi?

«Sì, perché i balsami studiati per chi ha questo problema non si limitano ad ammorbidire e lucidare il capello, ma aiutano a regolare la produzione di sebo e non appesantiscono» spiega la dottoressa Belmontesi. «Attenzione, invece, a gel e spume per rifinire la pettinatura. Se sono troppo aggressivi, possono seccare il cuoio capelluto che, per reazione, produce più grasso».

Quanto ne serve?

«Di balsamo ne serve poco, ma va sempre distribuito con un pettine a denti larghi» chiarisce Belmontesi. «Come si è osservato al microscopio, senza questa operazione il prodotto non riesce a coprire tutta la superficie dei capelli e, quindi, non chiude bene le cuticole, compattando i fusti».

Meglio il balsamo classico o quello senza risciacquo?

«La differenza tra i due prodotti è solo pratica» afferma la dottoressa. «Quello senza risciacquo è perfetto dopo la piscina o la palestra, oppure se ci si lava la testa tutti i giorni e i capelli sono secchi e svolazzanti. Inoltre, può essere applicato facilmente soltanto sulle punte, per eliminare l'effetto crespo, anche senza aver fatto lo shampoo».

Va lasciato in posa tanto o poco?

«Due o tre minuti sono sufficienti per avere capelli morbidi e setosi» spiega la dermatologa. «Prolungare la posa non serve perché non aumenta l'efficacia del prodotto. Per ottenere un risultato migliore, invece, è utile usare un getto di acqua fredda all'ultimo risciacquo. Così le cuticole si chiudono e i capelli diventano brillanti».

Che differenza c'è con la maschera?

«Le maschere sono trattamenti ad azione intensa. Si distinguono dal balsamo per la maggiore concentrazione di principi attivi e sono in grado di penetrare più in profondità nella struttura del capello» spiega la dermatologa. «Contengono sempre sostanze ricche di lipidi, che ripristinano la pellicola di acqua e grassi che riveste i capelli, oltre a proteine e vitamine, che riparano la cuticola e aumentano l'elasticità del fusto».

Donna moderna consiglia

Ecco come usare i prodotti se stai facendo un trattamento per capelli in fiale. Dopo lo shampoo, tampona la testa con un asciugamano. Friziona la lozione, lascia asciugare qualche minuto e, infine, applica un balsamo spray senza risciacquo.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/il-balsamo-sporca-i-capelli$$$Il balsamo sporca i capelli?
Mi Piace
Tweet