L'ansia si ferma...lì 

Le paure e le emozioni negative possono
trasformarsi in cellulite.
Perciò trova il tuo
equilibrio interiore. Oggi c'è un massaggio
davvero speciale. Che
scioglie ogni tensione nascosta: te lo presentiamo

di Beatrice Verde  - 26 Aprile 2005

Bene lo sport, bene i massaggi, benissimo un'alimentazione sana ed equilibrata. Ma la cellulite è anche una questione interiore. Le nostre paure, la rabbia inespressa, le emozioni bloccate collaborano a far crescere quei cuscinetti di cui ci lamentiamo tanto. E se davvero vogliamo dichiarare guerra alla buccia d'arancia, una buona crema non può bastare.

>>Mente e corpo in armonia

«A livello fisico, le cause sono soprattutto due: un cattivo funzionamento della microcircolazione sanguigna e lo squilibrio metabolico» spiega Gioia Sottocasa, direttore della Clinica olistica Lifegate di Milano. «Ma il modo giusto di affrontare la questione è chiedersi da dove nascono queste due precondizioni. La risposta è chiara: dal nostro equilibrio psicologico». Fino a quando nel corpo le energie scorrono in armonia, nella loro naturale alternanza di gioie e tristezze, ogni cellula funziona al meglio. Ma nel momento in cui si bloccano, ansie e tensioni fanno accumulare tossine.

«Quando la nostra mente è stanca e le emozioni sono negative, il fisico manda segnali di disagio; così come le ambizioni, i desideri e le passioni restano bloccati dentro di noi, anche i liquidi ristagnano sotto la pelle. Ed ecco la maledetta buccia d'arancia» spiega l'esperta. La soluzione, quindi, non sta solo nel fare sport e mangiare in modo corretto ma nello sfogare le emozioni.

>>Il tocco che rilassa

Se il segreto di una bella pelle sta nel nostro equilibrio interiore, il primo passo da fare è imparare a rilassarsi. Fra i tanti metodi proposti dagli istituti e dalle beauty farm, uno sta diventando sempre più apprezzato. È il massaggio cranio-sacrale, metodo messo a punto negli anni Trenta dal medico osteopata americano William G. Sutherland. Si tratta di  una delicata manipolazione che parte dall'osso sacro e arriva fino alla testa. Una tecnica così dolce che può essere praticata anche in gravidanza, una delle situazioni più a rischio di cellulite.

«Si lavora sul corpo seguendo il ritmo del fluido cerebrospinale (un movimento simile a quello cardiovascolare) che nutre e protegge il sistema nervoso centrale» ci spiega Anna Borrelli, naturopata e terapista specializzata in questo trattamento. «Con una delicatissima pressione dei polpastrelli, dapprima sul bacino, poi al plesso solare e, infine, al cranio, si induce un primo stato di relax, necessario per "ascoltare" il fluire del liquido che permette di individuare le tensioni.

Poi, attraverso il movimento di estensione e flessione delle ossa craniche, si localizza il cosiddetto "punto del silenzio" che indica il totale rilassamento. Quindi, con manipolazioni mirate, si sciolgono le energie bloccate», conclude l'esperta. Per un buon risultato sono necessarie almeno cinque (meglio dieci) sedute della durata di 50 minuti l'una. Ma chi l'ha provato dice che questo metodo è fantastico: se ti capita l'occasione, perché non tentare?

«Per sbloccare

le energie provate anche il massaggio ayurvedico che agisce sull'equilibrio

dei chakra» consiglia Anna Borrelli, naturopata.

No

«Combattete

la dipendenza da specchio. Scrutare la propria  immagine riflessa aumenta l'ansia da perfezione» consiglia l'esperta.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/l-ansia-si-ferma-li$$$L'ansia si ferma...lì
Mi Piace
Tweet