Profumi ‘legnosi’ per nasi esigenti

  • 1 6
    Credits: Corbis

    "Gli uomini potevano chiudere gli occhi davanti alla grandezza, davanti all'orrore e turarsi le orecchie davanti a melodie o a parole seducenti. Ma non potevano sottrarsi ai profumi! Poiché il profumo è fratello del respiro. E il profumo scendeva in loro, direttamente al cuore".  Così raccontava il drammaturgo tedesco Patrick Süskind nel suo romanzo Il profumo, poi diventato un film leggendario.

    Sì, perché a volte ci lasciamo affascinare da una fragranza senza neanche sapere a quale famiglia olfattiva appartenga. Forse non lo sapete ma ne esistono ben 7, tutte differenti tra loro e con tratti distintivi unici.

    Questo però non significa che, una volta scelta la propria 'famiglia', si debba continuare ad indossare fragranze della stessa: ci sono donne (e uomini) che si affezionano ad un profumo e amano quella scia per tutta la vita, senza mai tradirla. Altre invece, cui piace cambiare a seconda dell'umore, dell'occasione, del look e spaziano dall'agrumato al floreale, dallo speziato a legnoso, al cipriato.

  • 2 6
    Credits: Corbis

    Partiamo dalle sette grandi categorie dei profumi. Per farsi un'idea di ciò che 'a naso' può essere maggiormente nelle nostre corde. Quali sono le classi principali famiglie olfattive?

    Esistono gli agrumati i cui oli delle essenze sono estratti da bucce di agrumi come ad esempio l'arancia dolce, quella amara, il bergamotto, il cedro, il lime, il limone, il mandarino, il pompelmo giallo e quello rosa.

    I profumi ambrati fanno capo fondamentalmente all'ambra grigia. Simile alla cera e di consistenza appiccicosa, era addirittura conosciuta con il nome di 'oro nero'. Tutt'oggi l'ambra grigia è molto utilizzata in profumeria come elemento determinante per i bouquet orientali, chiamati così perché considerati particolarmente sensuali.

    Passiamo ora alle essenze chypre che giocano su percezioni di elementi pesanti e particolarmente persistenti tratti di solito da muschio di quercia, cisto-labdanum, patchouli e bergamotto. I profumi cipriati sono particolarmente femminili e raffinati.    

    Poi esistono i cuoiati (questi invece tipicamente maschili) i cui oli delle essenze sono estratti da elementi affini al cuoio per sensazione percettiva come pelli, legni, erbe aromatiche, tabacco, odore di affumicato.

    Quelli appartenenti alla classe olfattiva floreale, i cui oli delle essenze sono estratti da fiori, sono davvero innumerevoli visto che esistono tantissimi tipi di fiori in natura.  Le fragranze a base floreale, proprio per la loro dolcezza, regalano un'aria romantica.

    I profumi fougère (ne esistono ad oggi solo per uomini) utilizzano oli estratti da lavanda, bergamotto, legni, muschio di quercia, geranio, fava Tonka, angelica, pepe, cardamomo, ginepro e altri elementi.

  • 3 6
    Credits: Corbis

    Caratterizzati da note calde e opulente, i profumi legnosi sono sempre stati attribuiti ad un pubblico prettamente maschile. Solo negli ultimi anni l'universo femminile si è accostato a questi vibranti accordi.

    Oltre al famoso sandalo e al patchouly, al cedro e al vetyver, i profumi legnosi vedono protagonista il pino, le cui resine persistenti evocano il classico odore di foresta (le note sono estratte dal tronco, rami e foglie), in particolare dal tronco si estraggono oli molto densi il cui profumo persiste a lungo.

  • 4 6
    Credits: Corbis

    Nonostante la partenza dei 'legnosi' sia per lo più composta da note di lavanda o leggermente agrumate, l'intera famiglia olfattiva si può ulteriormente suddividere in otto ulteriori aree di appartenenza a seconda degli 'ingredienti' utilizzati per fermare il jus.

    Legnosa agrumata coniferosa: qui si trovano le note di legni dove l'essenza di pino gioca un ruolo importante con note di testa agrumate.

    Legnosa speziata: una nota legnosa viene riscaldata da note speziate molto marcate quali pepe, noce moscata, chiodo di garofano, cannella.

    Legnosa ambrata: il fondo è costituito da note calde come la vaniglia, le cumarine, il cisto-labdano, il patchouli e il sandalo.

    Legnosa aromatica: accordi di legni si sposano con lavanda o note di testa aromatiche come timo, artemisia, mirto, rosmarino, salvia.

  • 5 6
    Credits: Corbis

    Legnosa speziata cuoiata dove l'accordo legnoso speziato iniziale è rinforzato da note di cuoio e animali, quali betulla e castoreum.

    Legnosa marina: la parte legnosa-aromatica si armonizza con note marine

    Legnosa fruttata: nulla di più naturale che un perfetto mix di alberi e frutti.

    Legnosa muschiata: dove l'accordo legnoso è abbinato a un accordo muschiato e, in molti casi, vi possono essere anche note speziate, fruttate, aromatiche o ambrate.

  • 6 6

    Ed ecco una selezione di profumi appartenenti alla famiglia olfattiva dei 'legnosi'.

    Da sinistra, in senso orario, Coco Noir di Chanel, Sensuous di Estée Lauder, Prada Candy, Terre d'Hermès, Sì di Giorgio Armani e My Burberry.

/5

Caratterizzati dalle note calde e opulente come quelle del sandalo e del patchouly o secche come il cedro e il vetyver, queste fragranze, tipicamente maschili, oggi affascinano anche l'universo femminile

Si dice sempre di non regalare un profumo se non si conoscono i gusti della persona cui lo si deve donare. E questo perché il profumo è uno di quei prodotti che vengono scelti istintivamente, in base ai propri gusti e alle proprie preferenze, all'umore della giornata, allo stato d'animo. La fragranza che scegliamo infatti, anche senza volerlo, racconta moltissimo della nostra personalità.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te