Il vocabolario del perfetto hair stylist

Credits: Shutterstock
/5

Sentirsi belle passa anche  da una chioma fluente, corposa e sana. Ma attenzione a quello che ci propone il parrucchiere! Ecco quello che devi sapere per non farti trovare impreparata e cadere in 'tranelli' poco piacevoli.

Si sa, i nostri capelli sono il primo biglietto da visita. Sentirsi belle passa anche e soprattutto da una chioma fluente, corposa e sana: non c'è nulla di meglio che un paio d'ore in totale relax passate dal parrucchiere per farci dimenticare guai e problemi e regalarci il sorriso. E farci sentire alla stregua di una principessa.

Capire di cosa parla il tuo parrucchiere
Ma attenzione a quello che ci propone il parrucchiere! Soprattutto se non si tratta di un hair stylist di nostra fiducia. Ecco i termini più utilizzati dai professionisti e che devi conoscere per non farti trovare impreparata e cadere in 'tranelli' poco piacevoli.

Colore
Nel gergo dei parrucchieri, per colore si intende solo quello ad acqua, senza ammoniaca. Non rovina i capelli e dura da sei a otto shampoo. Quindi. se il tuo parrucchiere te lo propone, accetta a cuor leggero. Ma ricorda che va bene se i capelli bianchi da coprire sono meno del 25 per cento, altrimenti, ahi noi, dovrai affidarti a una colorazione permanente.

Chatouche o shatush
Anche se c'è ancora chi le chiama mèches californiane come negli anni Novanta per l'effetto della schiaritura che richiama quello dei capelli esposti a lungo al sole, in realtà il termine corretto è chatouche: l'hair stylist schiarisce solo le punte per regalare al capello l'aspetto del dopo-vacanza.

Colpi di luce o di sole
Sono delle schiariture su tutta la lunghezza del capello che ormai sostituiscono completamente le care e vecchie mèches. Sono molto sottili e il risultato è del tutto naturale.

Balayage
Oggi questa tecnica è molto fashion: viene schiarita solo la parte superficiale della testa, mentre i capelli sottostanti restano del colore naturale. È assolutamente da provare. E il bello è che puoi giocare con le sfumature più disparate, da quelle soft ton sur ton alle più eccentriche.

Flash
Si chiamano flash i colpi di luce fatti solo in alcune zone strategiche, come ad esempio alcune ciocche che circondano il viso, oppure i lati della frangia, o ancora una lunghezza asimmetrica. Si tratta di veri e propri riflettori puntati su un particolare da valorizzare. Insomma dei catalizzatori di fascino.

Permanente
Non tutti lo sanno, ma la permanente è assolutamente da evitare dopo l'hennè e dopo qualsiasi colore fai-da-te. Questo trattamento, infatti, può alterare il colore e potresti ritrovarti con antiestetiche striature di nuance che mai avresti pensato di poter vedere su di te. Devi dire no alla permanente anche se sei in 'quei giorni' perché la cute è più sensibile e facile alle irritazioni.

Stiratura
Si tratta dello stesso principio della permanete ma, al contrario, viene fatta sui capelli ricci o crespi per mantenerli lisci a lungo, addirittura anche fino a cinque mesi. Ma è un procedimento molto aggressivo e, a lungo andare, sfibra il fusto. Preferisci quindi lissage temporanei. E soprattutto devi dire di no alla stiratura se hai appena fatto il colore perché rischia di schiarirsi molto.

Brushing
Tranquilla non si tratta di qualche strana diavoleria ma della semplice lisciatura dei capelli fatta con spazzola e phon. Che, in realtà proprio così facile non è perché, se fatta male, può rovinare molto i capelli che si indeboliscono e riempiono di doppie punte.

Gonflettes
È un trattamento che magari avrete anche sentito chiamare 'permanente alle radici'. Il parrucchiere solitamente lo propone se la tua chioma ha uno scarso volume. Però occorre fare attenzione perché aumentando il volume della pettinatura, spesso bisogna cambiare anche taglio di capelli.

Decapaggio
Consiste nello schiarire i capelli di due toni e tingerli con un colore più chiaro di quello naturale: l'effetto è davvero molto glam ma costringe alla schiaritura mensile delle radici.

Decolorazione
È il trattamento (piuttosto aggressivo) che toglie completamente il pigmento colorato dei capelli. Si tratta di un intervento da valutare attentamente, perché il rischio è quello di ritrovarsi con capelli molto sfibrati e con la necessità poi, di doverli tagliare.

Extensions
Se ancora non ne hai sentito parlare, si tratta di capelli posticci che servono ad allungare e infoltire la capigliatura. Danno risultati molto naturali, però sono costosi (si parte da 200 fino ad arrivare a 500 euro, a seconda della lunghezza). Devi inoltre sapere che vanno tenute per un paio di mesi, poi devono essere tolte per lasciar riposare il cuoio capelluto. E, se lo desideri, applicate nuovamente.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te