Se l'hair stylist ti propone... 

... una chatouff, un balayage o un decapaggio, sai cosa rispondere? Per non farti trovare impreparata, leggi qui. Ti spieghiamo il significato. E ti aiutiamo a decidere se questi trattamenti fanno per te

 - 08 Febbraio 2006

Colore

«Nel gergo dei parrucchieri, per colore si intende solo quello ad acqua, senza ammoniaca. Non rovina i capelli e dura da sei a otto shampoo» spiega Stefano Milani, hairstylist della manifestazione Pantene Protagonist. Se il parrucchiere te lo propone, accetta a cuor leggero. Ma ricorda che va bene se i capelli bianchi da coprire sono meno del 25 per cento.

Chatouff
C’è anche chi le chiama “mèches californiane” perché l’effetto richiama quello dei capelli esposti a lungo al sole. Il parrucchiere schiarisce solo le punte per dare al capello l’aspetto del dopo-vacanza. «Il risultato è molto bello e naturale» assicura Milani.

Colpi di luce o di sole

Sono delle schiariture su tutta la lunghezza del capello che ormai sostituiscono le vecchie mèches. Ma con una differenza: sono più sottili e molto più naturali.

Balayage
Oggi è di gran moda. In pratica, viene schiarita solo la parte superficiale della testa, mentre i capelli sottostanti restano del colore naturale. È da provare.

Flash
I flash sono dei colpi di luce fatti solo in alcune zone strategiche, come le ciocche che circondano il viso, i lati della frangia, una lunghezza asimmetrica. «Sono come dei riflettori puntati su un particolare per valorizzarlo» dice Milani.

Permanente
«Non tutti lo sanno, ma la permanente è da evitare non solo dopo l’henné, ma anche se si è fatto un colore fai-da-te» avverte Milani. Questo trattamento, infatti, può alterare il colore e potresti ritrovarti con antiestetiche striature. Di di no alla permanente anche se sei nei giorni del ciclo. Non perché, come si diceva un tempo, “non prende bene”, ma perché la cute è più sensibile e facile alle irritazioni.

Stiratura
È una sorta di permanente che viene fatta sui capelli ricci o crespi per tenerli lisci a lungo, anche 5-6 mesi. Ma è molto aggressiva e sfibra il fusto. Preferisci i lissage temporanei. «Bisogna dire di no alla stiratura anche se si è fatto da poco il colore, perché potrebbe schiarirsi molto» precisa l’hairstylist.

Mèches
Sono delle striature più chiare fatte su tutta la testa, ma molto larghe e contrastanti rispetto al colore di base. Se il parrucchiere te le propone, vuol dire che non è aggiornato. Non lasciarti convincere.

Brushing
È la tecnica di lisciatura dei capelli fatta con spazzola e phon. Rifiutala se non sei certa di saperla rifare da sola per mantenere la piega. È un’operazione difficile e, se viene fatta male, rovina i capelli. Che possono indebolirsi e riempirsi di doppie punte.

Donna moderna consiglia qualunque sia l’intervento che ha fatto
il parrucchiere, chiedi anche di fare una tonalizzazione. Serve a rendere il colore più brillante e a enfatizzarne i riflessi. Si fa in 20 minuti e se ne va in due mesi.

Gonflettes
È un trattamento che viene chiamato anche permanente alle radici. Il parrucchiere può proportelo se il tuo problema è un volume scarso dei capelli. Si fa applicando i bigodini alla radice dei capelli e un prodotto che li gonfia. «Il risultato dura almeno otto settimane» dice Milani. Rispondi: «Forse». E pensa: aumentando il volume della pettinatura, spesso bisogna cambiare taglio.

Decapaggio
Consiste nello schiarire i capelli di due toni e tingerli con un colore più chiaro di quello naturale. Dopo, però, costringe alla schiaritura mensile delle radici.

Decolorazione
È il trattamento (piuttosto aggressivo) che toglie completamente il pigmento colorato dei capelli. «È un intervento da valutare attentamente, perché il rischio è ritrovarsi con capelli molti sfibrati e con la necessità, poi, di doverli tagliare» fa notare l’hairstylist Stefano Milani.

Extensions

Sono dei posticci che servono ad allungare e infoltire la capigliatura. Danno risultati molto naturali, però sono costosi (da  200 a 500 euro, a seconda della lunghezza). Inoltre, il fissaggio può risultare fastidioso. «Meglio provare prima con un paio di ciocche e vedere come si sopportano» suggerisce Milani. Pensaci su sapendo anche che vanno tenute per un paio di mesi, poi devono essere tolte per lasciar riposare il cuoio capelluto.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/se-l-hair-stylist-ti-propone$$$Se l'hair stylist ti propone...
Mi Piace
Tweet