Guance: mai più senza fard

  • 1 26
    Credits: Mondadori Press

    Il pennello giusto

    Per ottenere un 'effetto bonne mine' occorre il pennello giusto: niente quindi pennelli larghi e piatti né tanto meno quelli in versione triangolare, poiché sono utilizzati per scolpire gli zigomi piuttosto che riscaldarli in modo soffuso. Ecco perché il make up artist suggerisce l'utilizzo di un pennello bombato non troppo largo.

    Si parte dal centro delle guance, esattamente sotto lo zigomo e si sfuma verso le tempie e le orecchie in direzione diagonale.

  • 2 26
    Credits: Mondadori Press
  • 3 26
    Credits: Mondadori Press
  • 4 26
    Credits: Mondadori Press
  • 5 26
    Credits: Mondadori Press
  • 6 26
    Credits: Mondadori Press
  • 7 26
    Credits: Mondadori Press
  • 8 26
    Credits: Mondadori Press
  • 9 26
    Credits: Mondadori Press
  • 10 26
    Credits: Mondadori Press
  • 11 26
    Credits: Mondadori Press
  • 12 26
    Credits: Mondadori Press
  • 13 26
    Credits: Mondadori Press
  • 14 26
    Credits: Mondadori Press
  • 15 26
    Credits: Mondadori Press
  • 16 26
    Credits: Mondadori Press
  • 17 26
    Credits: Mondadori Press
  • 18 26
    Credits: Mondadori Press
  • 19 26
    Credits: Mondadori Press
  • 20 26
    Credits: Mondadori Press
  • 21 26
    Credits: Mondadori Press
  • 22 26
    Credits: Mondadori Press
  • 23 26
    Credits: Mondadori Press
  • 24 26
    Credits: Mondadori Press
  • 25 26
    Credits: Mondadori Press
  • 26 26
    Credits: Mondadori Press

    I colori idonei

    Il rosa tenue sta bene su tutti i visi, quello invece più vivace, quello tendente al fucsia e al ciclamino, per intenderci, si addice alle carnagioni più chiare perché rende sexy un viso che altrimenti sarebbe troppo pallido.

    Per le pelli scure occorre prediligere le tonalità browny e corallo più idonee per rendere più luminose le guance.

    I colori aranciati infine si accordano davvero a tutti i tipi di carnagione!

/5

Cosa occorre per un look acqua e sapone  ma curato e raffinato  allo stesso tempo? Una pennellata di colore sulle gote. Proprio come dopo una bella giornata di sole.

Leggerezza. Candore. E luminosità. C’è tutto questo in un look acqua e sapone elegantemente naturale e dall'allure “bonne mine”. Ti chiederai cosa significhi questo modo di dire francese: nulla di strano, anzi, è quell'aria rilassata che si riflette automaticamente su una pelle luminosa che brilla nei punti giusti soprattutto su gote ambrate come dopo una giornata di sole. Insomma, per ottenere quell'aria ingenua che fa tanto impazzire gli uomini occorre solo un tocco di fard (o blush, comunque tu voglia chiamarlo).

Intanto alcuni consigli. Dopo esserti assicurata di aver dissetato bene l’epidermide, si procede con la stesura di un velo superleggero di fondotinta, magari abbinato a un primer, così da uniformare l’incarnato. Altrimenti, se già alla parola “fondotinta” il tuo corpo vacilla e la mente si chiede da che parte incominciare, si può optare per un prodotto come la BBCream che mette d’accordo proprio tutti, dai make up artist più esperti alla neofita che si appresta ad utilizzare gli “attrezzi del mestiere” per la prima volta.

Se si desidera ottenere un allure fresca e solare senza però truccare pesantemente lo sguardo, occorre puntare su correttori e illuminanti: essenziali per nascondere le piccole imperfezioni intorno allo sguardo, agli angoli del naso, verso le tempie e sotto le labbra per accentuare la brillantezza del volto.

In questo make up che viene comunemente definito “nude look” c’è persino posto per un tratto più romantico sugli occhi: polveri perlate, chiare invadono la palpebra lasciandole un velo iridescente e delicato; e l’unica cosa che si noterà sarà il passaggio del mascara.

Questo tipo di make up, se utilizzato sapientemente, ringiovanisce il viso dai tre ai cinque anni! Almeno così dicono i più esperti beauty designer.

Sfoglia la gallery che ritrae le modelle nei backstage delle sfilate per scoprire i segreti del fard!

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te