I trucchi famosi delle star di tutti i tempi

  • 1 11
    Credits: Getty Images - Olycom

    Ci sono star mondiali che sono entrate nel mito, non solo per i loro film o la loro musica, ma anche per i beauty look. Copiati dalle donne di tutto il mondo, e ai quali si sono ispirati make up artist e fotografi.

    Nella gallery che segue non parliamo di moda in senso stretto (abbigliamento) ma nel senso di trucco.
    E se pensi che il contouring è una tecnica di recente introduzione, ti sbagli di grosso: è il più "vecchio" dei trucchi che ti mostriamo nelle prossime pagine. Scorri le foto per riconoscerti nelle dive e...chiederti se la tua mamma (o la zia) si truccava così!

  • 2 11
    Credits: Getty Images - Max Factor

    Il rossetto rosso di Marilyn Monroe

    Si dice che il suo truccatore di fiducia, Whitey Snyder, impiegasse ben 3 ore a rendere rosso fiammante la bocca di Marliyn, che doveva restare inalterata a cibo, bibite, chiacchiere, foto e - non da ultimo - baci senza e fuori da set.

    Max Factor, uno dei brand di trucco amati dalla bionda attrice, dedica un'intera collezione di rossetti a Marilyn Monroe:  quattro nuove tonalità di rosso adatte a qualsiasi carnagione, dalle più chiari alle più scure.

    Nella foto una ridente Norma Jean Baker (vero nome della diva) in uno scatto del 1954. Per rappresentare meglio l'immagine bucolica alla luce del sole, abbiamo scelto il rossetto Max Factor nella tonalità Sunset Red, un rosso tramonto.

  • 3 11
    Credits: Getty Images

    L'eyeliner di Sofia Loren

    Occhi allungati, verdi e a mandorla, in una parola "da gatta". Un tratto caratteristico della bella attrice partenopea, che testimonia il mix di varie discendenze, tipico di chi proviene da città di mare, a contatto con diverse etnie. Ecco che la bella Sofia Scicolone di Pozzuoli sembra una Venere greca, con quel non so che di orientale e gitano insieme.

    Per ricreare il suo look che ha fatto epoca, la famosa codina alla cat woman, prova They're Real! Push-up liner, un eyeliner-gel di Benefit Cosmetics, facile da usare, che permette cioè di creare linee ultra precise, compreso il famoso tratto a doppia che amava sfoggiare nelle occasioni mondane e non (sopra a sotto l'attaccatura delle ciglia).

    Questo eyeliner non ha un pennello, ma una speciale spatola in silicone, da cui fuoriesce il prodotto in modo automatico: è ciò che lo rende estremamente pratico e a prova di...mani tremanti!

    In esclusiva da Sephora.

    Nella foto, uno scatto della Loren del 1972.

  • 4 11
    Credits: Instagram @mina_officialfanpage - Gucci

    Lo smokey eyes di MinaQuanto a look beauty, la Tigre di Cremona è stata una delle sperimentatrici: ha sfoggiato con nonchalance carré, onde fluente, riccissimi da permanente e - sul fronte make up, che è ciò che ci interessa in questa gallery - sopracciglia iperdepilate, eyeliner ultra spessi, occhi truccati di argento e oro, ma più di tutto lo smokey eyes.Quegli occhi enormi, piangenti e profondi, resi ancora più malinconici dal trucco scuro, scurissimo: è questa la Mina che abbiamo bene impressa nella mente, anche quando è scomparsa dalla scena, e nelle rare apparizioni l'abbiamo vista di sfuggita con gli occhialoni fumé e i capelli rossi raccolti all'indietro in una treccia lunghissima.  Per creare l'iper copiato smokey eyes di Mina, ecco una palette di ombretti di Gucci, nella colorazione aquamarine: degli intensi nero-blu che rendono lo sguardo magnetico e misterioso.

  • 5 11
    Credits: Olycom - Mac Cosmetics

    Il trucco Cleopatra di Liz Taylor

    Il kolossal sulla famosa regina di Egitto è del 1963, e da oltre 50 anni non smette di ispirare per le sue scenografie, i suoi costumi e ovviamente i suoi look. Ombretto celeste opaco, applicato a tutta palpebra, definito dall'eyeliner spesso all'uso orientale.

    Per creare il trucco alla Cleopatra, che sarebbe poi diventato uno dei must degli anni '70, ci vogliono i pigmenti puri, ombretti cioè che creano delle vere e proprie "macchie" di colore sulle palpebre, in modo che restino inalterati. Più facili da usare di quello che si pensa, perché non richiedono una grande manualità nello sfumare le polveri. Da MAC Cosmetics.

    Nella foto: un celestino mat, come il trucco della diva americana e un verde acido leggermente iridato, giusto per dare un scintillio ad un make up occhi altrimenti troppo opaco.

  • 6 11
    Credits: Olycom - Smashbox

    Il contouring di Rita Hayworth

    Già negli anni 40 l'attrice di Gilda sfoggiava un viso con zigomi scolpiti, guance affinate, mento a punta e fronte più proporzionata. Erano gli albori dell'ormai famosissimo contouring, la tecnica per riequilibrare i lineamenti del viso.

    Per ricreare l'effetto cinema, il pratico kit 3in1 di Smashbox: aggiunge dimensione al viso con le polveri luminose, e ne definisce i contorni con quelle più scure.
    La palette contiene una pratica guida per diventare un'esperta di contouring, e il pennello adatto per scolpire i lineamenti.

    In vendita nelle profumerie Sephora - La Gardenia.

  • 7 11
    Credits: Getty Images - Estée Lauder

    Il rossetto corallo di Grace Kelly

    La principessa Grace amava il rossetto color corallo, da cui non si separava mai, qualunque fosse il look che indossasse, cioè se da giorno o da sera. Il suo lipstick preferito era, in particolare, il Coral Portofino N. 59 di Estée Lauder, oggi ancora in gamma (nella foto il classico Signature Lipstick dalla texture cremosa e dal finish satinato-brillante).

    La curiosità:

    la fondatrice del colosso americano della cosmesi (la mitica signora Estée) era un'amica della principessa di Monaco.

    Nella foto, uno scatto del 1956 dell'attrice "prestata" ai regali.

  • 8 11
    Credits: Olycom - Urban Decay

    Le sopracciglia di Brooke Shields

    Folte, spesse e un po' incolte: sono i 3 aggettivi che contraddistinguono il famoso arco sopra gli occhi dell'ex bambina adolescente prodigio, modella e attrice Brooke Shields (nella foto nel 1985). Era il decennio a cavallo degli anni '70 e '80 e non c'era nessuna Cara Delevingne a rubarle la scena, anzi, forse retrospettivamente possiamo dire che la modella inglese ha imitato le spesse sopracciglia dell'attrice di Laguna Blu.

    Per imitarle, da provare laa palette Urban Decay, un kit per colorare le sopracciglia e riempire i vuoti tra un peletto e l'altro.

    Contiene una mini pinza in metallo per strappare i peli in eccesso e due mini pennelli per pettinarli.
    Due le tonalità disponibili sono: una per castane-bionde e l'altra per more. .
    Inoltre, la cera, presente nel kit, fissa la linea delle sopracciglia senza appiccicare.

    in vendita in esclusiva da Sephora.

  • 9 11
    Credits: Getty Images - Stefano Saccani per Laura Mercier

    La cipria di Audrey Hepburn

    Sopracciglia ad ala di gabbiano a parte, uno degli stili di trucco che rende famosa la protagonista di Colazione da Tiffany è indubbiamente la sua pelle di velluto, un aspetto che si ottiene dapprima a casa, durante la sessione make up, con un'ottima cipria in polvere e poi nell'arco della giornata, grazie ai ritocchi con una cipria compatta.
    La cipria in polvere libera serve a fissare il trucco a lungo, e a dare quel tipico finish da pelle; la cipria compatta invece è indicata per mantenere il make up, assorbire le lucidità improvvise o rinfrescare le sensazioni di calore improvvise.
    Non è detto, però, che le pelli più secche sopportino la cipria compatta, che di solito si tiene in borsetta. Se la pelle è già "asciutta" per conto proprio, il velo di cipria tamponato a casa basta ad opacizzare per tutta la giornata.

    Per creare l'incarnato setoso di Audrey Hepburn, prova:

    Loose Setting Powder, una cipria impalpabile di Laura Mercier estremamente leggera. Semplice e setosa, contiene le migliori polveri di "cachemire" francese: un ingrediente esclusivo che riflette la luce, creando un effetto "senza difetti", che minimizza linee e imperfezioni.

    Il colore "transulcent" la rende adatta a tutti i tipi di carnagione; la sua texture finissima è perfetta per tutti i tipi di pelle, comprese quelle con pori dilatati (perché non li evidenzia) e quelle più aride (perché non aumenta la sensazione di pelle che tira).

  • 10 11
    Credits: Getty Images - Guerlain

    L'abbronzatura tutto l'anno di Ursula Andress

    È stata la prima Bond girl della serie dei film di James Bond, interpretati da Sean Connery. Di lei si ricorda in particolare, la scena super sexy in cui esce dal mare come Venere indossando un bikini bianco.

    Siamo agli inizi degli anni ’60: quel costume e quell'abbronzatura hanno fatto la moda di quel periodo. E l'immagine con cui abbiamo identificato l'attrice svizzera.

    Per creare un effetto abbronzato tutto l'anno, prova: Terracotta 4 Seasons, una selezione di quattro tonalità da mischiare fra loro per creare un'abbronzatura naturale, mat e su misura a seconda delle stagioni. Da Guerlain.

  • 11 11
    Credits: Getty Images - Lancome

    Le ciglia da bambola di Twiggy

    Oltre che per la minigonna, i capelli alla maschietta e l'aspetto da "grissino", la modella inglese Twiggy è famosa per il modo personalissimi di applicarsi il mascara, cioè in modo un po' grumoso e appiccicato. Come se fosse un'esperta liceale alle prime armi del trucco.

    Si parla della seconda metà degli anni '60 e inizio anni 70. Oggi quel modo di truccare le ciglia dell'arcata cigliare inferiore e posteriore, pettinandole con spessi strati di mascara è più attuale che mai, tanto che è stato copiato nelle ultime tendenze di trucco.

    Per un mascara che apra l'occhio, rendendolo da cerbiatta, prova: Grandiôse, il mascara dall'applicatore brevettato, a "Collo di Cigno™" che permettono di raggiungere tutte le ciglia. Da Lancôme.

/5

Hanno ispirato le donne di varie generazioni e Paesi del mondo, influenzando gli stili di make up che oggi non smettono di essere attuali (nonostante la moda che passa)

Dall'eyeliner a doppia coda di Sophia Loren allo smokey eyes di Mina (forse il primo della storia italiana), per restare in casa nostra, ecco una carrellata di dive che hanno fatto la storia del costume in fatto di make up. Non manca il contouring di Rita Hayworth, l'attrice nota per il suo ruolo in Gilda negli anni '40, la pelle vellutata di Audrey Hepburn e le sopracciglia di Brooke Shilelds.

Un capitolo a parte meritano i 2 rossetti iconici di Marilyn Monroe e Grace Kelly, ancora in vendita: più sensuale il primo (un rosso fuoco), più delicato il secondo (un corallo da vacanza), proprio perché i 2 colori esprimono 2 personalità di donne differenti, non per questo meno sensuali.

Nel corso dei decenni spicca il trucco di Elizabeth Taylor, nelle vesti di Cleopatra per il kolossal del 1963: occhi truccati di colori pastello, rigorosamente opachi, e contornati da una spessa linea di kajal all'uso orientale. Uno stile che influenzerà gli anni che verranno.

Restando nel decennio a cavallo tra i '60 e i '70, conquista una posizione di rilievo il mascara stropicciato della modella Twiggy: uno stile un po' bambola un po' bambina, quasi a voler stampare sul viso l'innocenza infantile.

Torna in alto e guarda la gallery delle dive di tutti i tempi che hanno fatto la storia del make up: siamo sicure che ti rivedrai in qualcuna di loro, perché in fondo i loro trucchi sono alla portate di tutte. Altrimenti non si spiegherebbe l'enorme successo mondiale che va oltre i decenni.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te