Contouring: sì, ma con quali pennelli?

  • 1 8
    Credits: Mondadori Photo

    I pennelli giusti per il contouring non devono essere troppo larghi perché sono più difficili da maneggiare. Per essere precisa e scolpire meglio le zone interessate usa quelloangolato. Utilizza il piatto, invece, per applicare l’illuminante nelle zone che desideri evidenziare.

    Nelle prossime pagine, i consigli del make up artist Luigi Tomio, make up director di Estee Lauder.

  • 2 8
    Credits: Mondadori Photo

    Per i pennelli da contouring, è meglio sempre usare quelli abbastanza piccoli. Questo ci consentirà di avere più definizione ed essere più precise. La forma non è così determinate: potete sceglierne uno a punta, angolato, tondeggiante, dipende sia dalla zona del viso che volete ‘trattare’, sia dalla vostra comodità.

    Il contouring consiste nell'applicare la terra nella parte destra e sinistra della fronte, facendo molta attenzione a sfumare per bene e a non tracciare linee troppo marcate, perché il trucco sta proprio nell'applicazione di leggeri strati di colore che daranno forma al vostro viso.

  • 3 8
    Credits: Estee Lauder

    La terra andrà applicata anche sopra la piega della palpebra mobile, oppure se sugli occhi è stato fatto un trucco con colori determinati, potete applicare il colore più scuro tra quelli scelti, in questo modo si darà profondità allo sguardo. Scendendo, dagli occhi la terra si passa sui lati del naso, questo servirà ad assottigliarlo e a creare un effetto ottico che tenderà a minimizzarlo. Lo stesso vale per le guance, applicando la terra nella parte sottostante all'osso dello zigomo partendo dal centro della guancia e andando a sfumare fino alle tempie. Per minimizzare una mandibola particolarmente pronunciata, la terra si applicherà ai lati del mento, sfumando verso le orecchie. Se si applica della terra sotto il mento, nella parte che lo divide dal collo, si potrà mascherare un eventuale doppio mento.

    Per applicare le terre nei giochi di chiaro-scuro è perfetto il nuovo pennello Sculpting di Estee Lauder.

  • 4 8
    Credits: Mondadori Photo

    L'illuminante, invece, andrà applicato al centro del nostro viso, per far cadere l'attenzione sulle parti più in vista, in modo da non far notare il lavoro ottenuto grazie alla terra. Si applicherà, perciò, al centro della fronte, per poi scendere sulla parte centrale del naso e al centro della parte che divide il naso dalla bocca. Se si dà poi alle labbra un colore deciso, questo servirà a metterle ancora più in risalto, facendole anche sembrare più carnose. Per dare un tocco di luminosità allo sguardo e non appesantirlo troppo con colori scuri, l'illuminante, o un ombretto bianco perlato, andrà applicato nella parte inferiore esterna del sopracciglio; e, per mettere in risalto il trucco degli occhi, stenderemo dell'illuminante anche nella parte sottostante all'occhio. Infine, per dare un ultimo tocco di luce e completare il nostro contouring, applichiamo l'illuminante sul mento e nella parte lasciata senza terra fra l'osso dello zigomo (sotto la terra) e la mandibola.

  • 5 8
    Credits: Mac cosmetics

    Principalmente il contouring si può realizzare in due modi: con prodotti in polvere (maggiormente consigliati per le pelli grasse) o prodotti liquidi (per le pelli secche o normali). Se utilizzate la prima tecnica, tutto ciò che abbiamo visto finora si fa dopo aver steso il fondotinta (compatto o in polvere), utilizzando terra ed illuminante in polvere da applicare con i rispettivi pennelli nelle zone viste sopra.
    Nel secondo metodo, invece, la terra e l'illuminante sono in crema, quindi più intensi, e si vanno a creare degli stacchi ben definiti che non possono assolutamente essere lasciati così. Infatti il tocco magico consiste nel prendere un pennello piatto (flatbuki) con cui prelevare il fondotinta liquido da applicare su tutto il viso andando a sfumare le linee di colore create. In entrambi i casi vi accorgerete di avere zigomi più alti, viso più magro e naso più sottile, senza avere linee definite e nette.

    Nella foto, il pennello 163 di Mac adatto a creare linee precise sul viso.

  • 6 8
    Credits: Douglas

    I pennelli più idonei per il contouring sono sicuramente i pennelli “obliqui” : pennelli le cui setole sono state tagliate con un piano trasversale . Altrettanto validi sono i pennelli cicciotti dalla punta affusolata o pennelli corti e larghi, ma di dimensioni ridotte. Molto importante è che le setole del pennello non siano troppo fitte, in modo che possiate lavorare, ma soprattutto sfumare bene il prodotto.

    Nella foto, un pennello per applicare e sfumare la terra e/o l'illuminant, il 114 della linea lusso di Zoeva, in esclusiva da Douglas.

  • 7 8
    Credits: Deborah Milano

    È bene ricordare che il segreto principale per realizzare un valido contouring, oltre all’utilizzo di prodotti specifici, è sfumare a lungo con i pennelli idonei. Il risultato deve risultare naturale e in questo modo si evitano stacchi di colore troppo netti che andrebbero a rovinare non solo il nostro make up, ma a creare un effetto antiestetico e pesante sul nostro viso.

    Nella foto: un pennello obliquo di Deborah Milano.

  • 8 8
    Credits: Sephora

    Inoltre è buona norma utilizzare il prodotto sempre in modica quantità sovrapponendolo di volta in volta in modo da evitare eccessi, e di ritrovarci poi a lottare magari per cercare di correggere il danno! Dosandolo invece in modo oculato possiamo regolarci meglio e andare con maggiore precisione a delineare le zone richieste. A fine operazione possiamo passare su tutto il volto un kabuki pulito in modo da uniformare meglio il tutto creando un effetto “aerografo” che donerà ancora piu’ naturalezza al nostro makeup!

    Nella foto: pennello bombato per applicare le polveri con precisione di Sephora.

/5

No ai pennelli grandi, sì a quelli piccoli che garantiscono precisione. I consigli del make up artist

Il contouring è una tecnica di make up che consiste nel contornare il viso per mascherare lineamenti pronunciati ed illuminarlo grazie alla tecnica del chiaro-scuro.

Cosa si usa per fare il contouring? Esistono vari metodi e diversi prodotti. Per ricreare i volumi si possono ad esempio usare due diverse tonalità di fondotinta, di correttore e naturalmente la terra.
È importante scegliere sempre una terra senza glitter, diversa da quella "abbronzante", che sia anche molto leggera e opaca, quasi una via di mezzo tra una cipria e una vera terra. Va usata sempre dopo aver fissato il fondotinta con la cipria, perché altrimenti si corre il rischio che si ‘attacchi’ alla pelle creando delle brutte macchie. Il colore non deve essere mai troppo aranciato, ma sempre abbastanza freddo, in modo che si amalgami bene con la nostra carnagione e non sembri finto.

● OVALE «Per “accorciare” un viso lungo, scurisci  con la terra gli zigomi e poi illumina la fronte, la zona sotto gli  occhi e il centro del mento» spiega Lisa Brugin. Se metti il blush  applicalo orizzontalmente, dal centro delle guance verso l’esterno.

● RETTANGOLARE   «Per rendere il viso meno spigoloso, metti la polvere scura sulla parte  alta della fronte, vicino all’attaccatura dei capelli, sotto gli zigomi  e sulle mascelle. Procedi poi con l’illuminante al centro del mento e  nella zona sotto gli occhi» spiega Brugin.

● TONDO «Prima scurisci le tempie, il profilo del mento e i contorni dell’ovale  e poi illumina il centro del mento e la zona sotto gli occhi» dice la  make up artist. Aggiungi il blush in diagonale.

● SQUADRATO Vuoi addolcire i tratti? «Applica la terra agli angoli della fronte e  sulla mascella. Stendi l’illuminante al centro del mento e sulla fronte e  il blush sulle guance» consiglia la truccatrice.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te