10 domande sullo smalto semipermanente 

Lo smalto semipermanente è un'ottima soluzione per mani sempre in ordine e per non trascurare la manicure neppure durante le vacanze. Ma come si applica? E quali sono i rischi? Ecco tutto quello che c'è da sapere

di Alessandra Montelli

Lo smalto semipermanente è un prodotto fotoindurente che, applicato sulle unghie come uno smalto tradizionale, assicura un aspetto curato e perfetto per almeno due settimane, aumentando, in modo impercettibile all’occhio, lo spessore delle unghie rendendole più resistenti e belle da vedere.

La peculiarità dello smalto semipermanente è la sua facilissima applicazione e la velocità con cui lo si rimuove, ma di contro, risulta meno indurente rispetto al gel, va rimosso con una frequenza maggiore e, benché esteticamente sia all’altezza di una ricostruzione gel, non offre la sua stessa resistenza e durata.

Solitamente la durata media di uno smalto semipermanente è di 3-4 settimane, passato questo tempo potrebbe scheggiarsi ma verrà sicuramente la voglia di cambiarlo a causa della ricrescita dell'unghia.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/unghie/smalto-semipermanente$$$10 domande sullo smalto semipermanente
Mi Piace
Tweet