Monica Bellucci, 50 anni in bellezza 

Un'icona. Della moda, della bellezza, dello stile e dell'italianità. La bella attrice umbra festeggia il 30 settembre i suoi primi 50 anni

di Alessia Sironi

Quello che colpisce di più della bella attrice umbra Monica Bellucci, a parte naturalmente la sua straordinaria bellezza è, da sempre, la sua pacatezza, la sua leggerezza e il suo modo ironico di affrontare il lavoro e la vita.

Monica (Anna Maria) Bellucci nasce a Selci, una frazione di Città di Castello, da Pasquale, autotrasportatore, e Brunella, casalinga. Studia al liceo classico con ottimi voti e fino a 19 anni, quando si trasferisce a Perugia per iscriversi alla facoltà di Giurisprudenza, la sua vita trascorre tranquillamente come quella di una qualsiasi ragazza di paese, anche se, naturalmente la sua bellezza non passa di certo inosservata.

Ma lei, timida e dolce, all'inizio non ne vuole proprio sapere delle luci della ribalta e si nega fino a quando lustrini e paillettes non la convincono a tentare la strada nel mondo della moda, dapprima facendo la spola tra Milano e Perugia e successivamente trasferendosi definitivamente nel capoluogo meneghino, grazie al contratto con l’agenzia Elite Model Management.

Così, in pochissimo tempo la discreta Monica diventa la diva Bellucci: una top model che posa per i più importanti fotografi come Richard Avedon e appare sulle copertine delle più importanti riviste patinate internazionali, una star internazionale che si è scrollata di dosso con gli anni quel fastidioso provincialismo di alcuni attori del nostro Paese, un titolo che oggi pochi italiani possono vantare.

Dalla moda - gli stilisti Dolce e Gabbana la eleggono donna immagine delle loro collezioni mediterranee, ndr - al cinema il passo è breve e Monica si butta su diversi generi: drammatici, commedie, film fantastici, di fantascienza, persino film in costume. E' proprio in questo ambiente che la modella conosce il suo primo marito, il fotografo Claudio Carlos Basso, dal quale si separerà circa un anno dopo il matrimonio. Il debutto come attrice invece avviene nel 1990 sotto l’ala protettrice di un grande regista, Dino Risi, che la scrittura per una fiction TV “Vita coi figli” accanto a Giancarlo Giannini.

La Bellucci, quella che abbiamo imparato a conoscere prima come protagonista di calendari e poi come interprete di film impegnati, è una donna, oltre che strabella, intelligente e saggia, una donna che sa prendere le cose con il dovuto distacco. Anche le critiche. E lei di critiche ne ha sempre avute tante: non era certo facile farcela, specie partendo dalla realtà italiana degli anni '90, ma lei ce l’ha fatta lo stesso. E questo è senza dubbio un successo.

Così, mentre la stampa non le risparmia critiche feroci, marchiandola come l’ennesima modella che vuole fare cinema, la Bellucci decide di cercare all’estero ruoli più adatti a lei e il destino le fa incontrare addirittura Francis Ford Coppola, il quale le offre la parte di una delle mogli di Dracula in “Dracula di Bram Stoker” (1992), con Keanu Reeves, Anthony Hopkins e Winona Ryder.

Da lì in poi è un film dietro l'altro e le porte di Hollywood si spalancano così come moltissime collaborazioni con i più quotati registi internazionali come il regista francese Gilles Mimouni che le chiede di affiancare ne “L’appartamento” (1996), con il quale ottiene una nomination ai César, quello che diventerà il suo secondo marito, il collega francese Vincent Cassel, che sposa nel 1999, dal quale avrà due figlie (Deva e Leonie) e col quale reciterà poi diverse volte ("Come mi vuoi”, “Dobermann”, “Compromis” e “Méditerranées”).

Ora, a 50 anni, si può permettere finalmente di dire quello che fino a qualche anno fa le era inconcepibile anche solo pensare: ”A 25 anni, se non erano ancora sposate, le nostre madri erano zitelle. Io quest’anno ne compio 50 e ho appena divorziato. Qualcuno penserà che sono pazza".

E a un noto quotidiano rivela: ”Mi sono sposata a vent’anni con Claudio Carlos Basso, il fotografo, e ci siamo lasciati dopo sei mesi. Una delusione. Con Vincent Cassel è durata diciotto anni. Ci siamo conosciuti sul set di un film, “L’appartement”. Un’attrazione irresistibile. L’addio è arrivato per una semplice ragione: era un rapporto che non aveva più ragione d’essere. Ci siamo evoluti in modo diverso, eravamo due storie parallele che non si incrociavano più”..."Oggi sono sola. Per la prima volta in vita mia non ho un uomo al fianco".

E allora, cara Monica, tanti auguri di buon compleanno e per la tua nuova vita che coraggiosamente hai deciso di intraprendere!

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/viso-e-corpo/buon-compleanno-monica-bellucci-50-anni$$$Monica Bellucci, 50 anni in bellezza
Mi Piace
Tweet