Cleopatra: 6 trucchi e segreti di bellezza che devi conoscere (e copiare)

Credits: Youtube
/5
di

Alessia Sironi

Latte d'asina per il corpo, acqua distillata di rose per il viso, olio di sandalo per i capelli e polvere di galena nera per il trucco: Cleopatra era l'invidia di tutte le donne d'Egitto. E resta ancora oggi una delle più imitate

Dici Cleopatra e non puoi non pensare al colossal del 1963 che vede protagonista la bella attrice dagli occhi viola Liz Taylor. Per tutti noi la regina d'Egitto è lei, quella che ci ha fatto vivere la palpitante storia d'amore con il suo bel Marco Antonio-Richard Burton e che ci ha svelato i più segreti di bellezza della sovrana che salì al trono a soli 18 anni. 

E così, benchè l'immagine di 'femme fatale' fosse stata in realtà cucita addosso a Cleopatra solo a partire dal tardo Rinascimento - si distingueva più per l'intelligenza e la simpatia che per la bellezza - noi continuiamo a ricordarla come una delle donne più seducenti e curate dell'antico Egitto. 

Quel che è certo è che nella società egizia era molto sentita l’esigenza di mantenere uno standard ottimale di salute e bellezza tanto che l’igiene personale era una esigenza che tra i nobili si traduceva in quattro bagni di pulizia quotidiana al giorno.

Non solo Cleopatra era quindi considerata molto attraente 'sexy' dalla maggior parte degli uomini del tempo, ma amava prendersi cura di se stessa utilizzando diversi trucchi (maschere, trattamenti e bagni) che ancora oggi molte donne le invidiano. 

Ma sapete qual è stato il miglior segreto della bellezza di Cleopatra? L'amore e l'adorazione per se stessa! 

  • Credits: Youtube
    Uno dei grandi segreti di bellezza di Cleopatra era la farina d'avena per purificare la pelle: l'avena non è solo in grado di detergere a fondo la pelle, rimuovendo le impurità ed esfoliando delicatamente, ma è anche idratante e molto nutriente. La regina egiziana mescolava la farina d'avena con latte tiepido prima di farsi massaggiare delicatamente il morbido composto su tutto il viso per tre minuti. 
  • Credits: Youtube

    Cleopatra amava fare il bagno nel latte fresco di asina: un toccasana per mantenere la pelle morbida, setosa e levigata. I suoi bagni di bellezza non sono certamente ripetibili, ma il segreto del latte è però da tenere a mente, perché ammorbidisce la pelle e la nutre: prova ad aggiungere un litro di latte nell'acqua della vasca da bagno!

  • Credits: Youtube

    All’epoca degli antichi egizi non esistevano certamente gel o cere modellanti, ma le donne avevano una vera e propria ossessione per la chioma. Ecco perché Cleopatra utilizzava il burro di cocco: un ottimo nutriente e disciplinante per i capelli. Non solo. Per sfoggiare una chioma brillante e lucida molto spesso si cospargeva il capo con oli aromatici come quello di sandalo, di cedro e di mirra, che rinforzano il bulbo pilifero favorendo la ricrescita dei capelli. 

  • Credits: Youtube

    Una delle maschere viso che abitualmente utilizzava la regina egiziana aveva grandi proprietà antisettiche, era in grado di sbiancare e illuminare la pelle del viso, e naturalmente idratare e ringiovanire la pelle. Se vuoi provare anche tu i suoi benefici ti basta mescolare 1 cucchiaio di latte, 1 cucchiaio di argilla bianca, 1 cucchiaio di miele e la spremuta di mezzo limone. Vedrai che risultati!  

  • Credits: Youtube

    Per fortuna oggi siamo in grado di comprare l'acqua di rose: pensate che fatica preparare tutti i giorni questo 'miracoloso' distillato per la pelle del viso. Cleopatra tonificava il volto con acqua di rose ogni mattina appena sveglia e la sera, per una pelle liscia e idratata naturalmente. In estate si faceva spruzzare l'acqua di rose sul viso anche durante il giorno per mantenere il make up intatto. 

  • Credits: Youtube

    Quello di Cleopatra è sempre stato uno degli sguardi più sensuali d'Egitto e il suo make up era invidiato da tutte le donne che imitavano i suoi trucchi e utilizzavano polveri naturali per tingersi capelli, unghie ed occhi. L’henné era utilizzato anche come fard per il viso, mentre unghie e palpebre venivano tinte con lo zafferano, il turchese o le polveri brillanti e preziose. Le sopracciglia enfatizzate con mandorle bruciate, mentre per tingere le labbra Cleopatra usava ocra rossa mescolata ad olio di mandorle. E come dimenticare il mitico Kohl realizzato con polvere di galena nera!

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te