Creme: come riconoscere i lipidi naturali 

Presta attenzione alla formulazione delle creme: i lipidi naturali nutrono e idratano, senza occludere la pelle. Impara a leggere l'etichetta

 - 13 Luglio 2012
Credits: 

Photoshot

 
Tag: naturali, creme, pelle

La base delle creme si ottiene mescolando acqua e lipidi. Naturalmente le proporzioni possono essere molto diverse. Se misceliamo una parte più piccola di acqua con una più importante di grassi, ne ricaveremo una crema ricca e consistente: otterremo la cosiddetta emulsione acqua in olio. Se invece a una base acquosa uniamo una percentuale inferiore di lipidi (emulsione olio in acqua), ne risulterà una crema più leggera. A seconda della nostra pelle scegliamo l’emulsione più appropriata. Di solito uno stesso prodotto viene proposto almeno in due versioni, una più ricca di lipidi e l’altra meno, proprio per soddisfare le esigenze di pelli diverse: a pelle più secca corrisponde la crema più grassa e viceversa.

Ma c’è lipide e lipide.
I più usati sono quelli che derivano dal ciclo petrolifero: la vaselina (o mineral oil), la paraffina i (paraffinum liquidum), i petrolati (petrolatum). Hanno il vantaggio di essere poco costosi, stabili e di non irrancidire. Però possono avere effetto occlusivo sulla pelle e alla lunga provocare irritazioni. Devono essere presenti in formula in piccole quantità: meglio quindi se non li trovati ai primi posti della lista degli ingredienti presente sulla confezione.
I lipidi naturali sono i cosiddetti oli vegetali nobili, come il burro di karitè (butyrospermum parkii), l’olio di jojoba (simmondsia chinensis oil), di cocco (caprylic trygligeride) o di macadamia.

Questi ingredienti non rappresentano solo la parte oleosa di tante emulsioni, ma sono anche principi attivi molto efficaci, che penetrano, nutrono e idratano. Nelle buone creme sono quindi ai primi posti della lista.
Esistono poi nuovi lipidi di sintesi (come i polideceni e le vaseline vegetali) che hanno tutti i vantaggi dei derivati del petrolio, senza averne gli inconvenienti. Ne verranno senz’altro creati di nuovi e saranno sempre più utilizzati.
In sintesi, le creme migliori sono quelle che hanno una base costituita da lipidi naturali di origine vegetale, biolipidi di sintesi e la minor quantità di petrolati. A questo proposito, ricordatevi che se leggete mineral oil non si tratta di un olio ecologico, ma di vaselina.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/viso-e-corpo/creme-lipidi-naturali$$$Creme: come riconoscere i lipidi naturali
Mi Piace
Tweet