Come prendersi cura della pelle a 50 anni: parola d'ordine esfoliare 

Vuoi sfoggiare una pelle luminosa e morbida anche passati gli 'anta'? La menopausa è un passaggio obbligato, ma puoi rinnovare la tua pelle con gli esfolianti che rimuovono le cellule morte dello strato superficiale del viso

di Alessia Sironi
Credits: 

Getty Images

 

Per noi donne la menopausa è un passaggio obbligato, che comporta sviluppi e cambiamenti importanti perché con essa l’attività ovarica e la conseguente produzione di estrogeni diminuisce notevolmente e questo porta a mutamenti non solo psicologici e metabolici ma soprattutto fisici.

Il nostro corpo si trasforma (di nuovo!), le forme si ammorbidiscono per via del rallentamento del metabolismo, e la pelle di viso e corpo si rilassa: la scarsità di estrogeni comporta infatti una forte riduzione della densità e della compattezza del derma, lo strato più profondo della pelle, che proprio da questo tipo di ormoni trae la sua naturale elasticità. Con la menopausa quindi la pelle diventa più sottile e cede verso il basso a causa della forza di gravità, assumendo un aspetto più spento e opaco.

Se vuoi una pelle luminosa, levigata e liscia, allora non puoi fare altro che affidarti agli esfolianti, quei cosmetici che aiutano a rimuovere le cellule morte presenti nello strato superficiale della pelle. Utilizzare uno scrub sul viso umido una volta alla settimana è indispensabile affinché non perda tonicità: l'esfoliante garantisce morbidezza e splendore alla pelle, rinnova il colorito, affina la grana e libera dalle impurità, spingendo le cellule a diventare più ricettive e permettendo ai trattamenti di agire più a fondo.

Ma ci sono scrub e scrub: occorre, nella scelta, considerare il tipo di pelle che uno ha. I microgranuli sfregati sul viso con movimenti circolari, infatti, eliminano sebo e impurità dalle pelli più grasse, ma sono sconsigliati quando la pelle è troppo secca perché causerebbero delle microabrasioni, magari impercettibili, ma in grado di irritare la cute in maniera eccessiva.

Ricordati di proteggete la pelle dopo l'esfoliante: i raggi solari infatti possono danneggiarla e rovinarla irrimediabilmente perché più sensibile in questo delicato momento. Se devi uscire dopo aver utilizzato lo scrub, prendi l’abitudine di 'indossare' la crema solare con un fattore di protezione non inferiore a un SPF30 (meglio ancora SPF50). Anche in città.

Lo scrub è un grandissimo alleato per la nostra bellezza, insieme a sieri e creme ci aiuta nella nostra 'battaglia' contro il tempo, ma è lo stress il nostro più grande nemico, quello che provoca le rughe e danneggia la pelle in generale. Ridere di più durante la giornata è un consiglio semplice ma efficace, perché riduce la produzione degli ormoni dello stress nel corpo e obbliga i muscoli della faccia a rilassarsi.

Infine, per ritardare i segni del tempo, prova ad eseguire questo esercizio di beauty-meditazione: la mattina e la sera, per un paio di minuti appena sveglia e quando ti infili sotto le lenzuola, chiudi gli occhi, visualizza tutti i muscoli del viso e immagina di distenderli uno dopo l'altro, finché li sentirai completamente rilassati.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/viso-e-corpo/cura-pelle-50-anni-esfoliare$$$Come prendersi cura della pelle a 50 anni: parola d'ordine esfoliare
Mi Piace
Tweet