Depilazione a prova di calze velate 

Tornano le calze velate, quindi anche d'inverno non puoi farti trovare impreparata. Quale metodo depilatorio usare? Ecco una carrellata dei diversi rimedi, da adottare in base alle esigenze.

di Alessandra Montelli

Il rasoio

Se vai di fretta, usa il rasoio, non dimenticando però che i peli ricrescono molto rapidamente (in media dopo 2 giorni).

La lametta non va mai usato da sola, ma sempre 'accompagnata' da mousse specifiche o da detergenti schiumogeni e delicati: ciò serve per agevolare lo scorrimento della lama, riducendo il rischio di tagli e irritazioni cutanee.

Per un effetto ‘a secco’ rapido e indolore, un’ottima soluzione è il rasoio elettrico, proprio come quello per radere le barbe maschili. A differenza della lametta, il rasoio elettrico rende il pelo meno robusto e folto. L'effetto migliore lo si ottiene se prima dell'operazione si cosparge la pelle con un po’ di borotalco.
Anche se richiedono frequenti ritocchi, i metodi depilatori con rasoio rappresentano la soluzione ideale se si hanno capillari visibili e pelle molto delicata.

Le creme depilatorie

Indolori e rapide, le creme depilatorie  promettono gambe lisce per un tempo leggermente maggiore rispetto alla lametta. La ricrescita dei peli non avverrà più dopo 2 giorni, ma dopo 4-5 giorni.

Le creme più comode sono quelle da usare sotto la doccia, poiché sfruttano il calore del vapore e il tempo di un’attività che si fa abitualmente. E’ meglio usarle però solo sulle gambe e non sulle cosce, poiché in questa zona i peli tendono a incarnirsi. E poi è oggettivamente più disagevole cospargersi le cose di crema depilatoria, anche sotto la doccia.

A causa della presenza di acido tioglicolico, prticolarmente aggressivo, è importante rispettare i tempi di applicazione del prodotto:  la permanenza sulla pelle per tempi superiori potrebbe provocare irritazioni.

Per un risultato migliore la crema depilatoria può essere eliminata con un guanto ruvido, praticando leggeri massaggi circolari.

La ceretta a caldo

E' il metodo ideale per una peluria folta e spessa. Tuttavia, il calore, determinando una vasodilatazione, rende la cera a caldo controindicato per chi soffre di vene varicose o di fragilità capillare.

La ceretta a freddo

Più semplice e più pratica rispetto alla cera a caldo, la cera a freddo è più indicata per chi soffre di fragilità capillare e ipersensibilità della cute al calore. La cera va spalmata nella direzione del pelo e successivamente vi va fatta aderire una striscia di tessuto.
Per rendere l'epilazione ancora più pratica, si possono utilizzare le strisce con un sottile strato di cera incorporata; la striscia, dopo un breve riscaldamento fra le mani, va applicata sulla zona da depilare e strappata energicamente.

Per risultati ottimali è bene utilizzare sulla parte da depilare un esfoliante in granuli: se la pelle è perfettamente pulita e liscia, infatti, le cere aderiscono meglio. Le gambe inoltre devono essere asciutte: in caso contrario le si può cospargere con un po' di talco.

L'epilatore elettrico

E' un apparecchio elettrico formato da una testina con dischetti o molle rotanti, che, con il loro movimento, imbrigliano i peli e li strappano dal follicolo. Prima di passare si suggerisce di fare un bagno caldo, per dilatare il bulbo pilifero e facilitare lo strappo del pelo alla radice.
E durante l'operazione è meglio non applicare nessuna crema sulle gambe poiché potrebbe ostacolare lo scorrimento dell'epilatore sulla pelle.

Dopo l'epilazione o la depilazione, non dimenticarti di idratare la pelle, meglio se con un olio o un latte per il corpo lenitivo. E' sconsigliato inoltre applicare sulle parti depilate saponi, deodoranti e spray profumati per le successive 24 ore.  

Se si soffre troppo il dolore, si può ricorrere alle creme pre-depilatorie: grazie alle proprietà emollienti ed idratanti preparano la pelle all'epilazione.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/viso-e-corpo/depilazione-inverno$$$Depilazione a prova di calze velate
Mi Piace
Tweet