Freddo: occhio a pelle sensibile e couperose 

Se la pelle è già sensibile con il freddo diventa ancora più fragile e, se sottoposta a continui sbalzi di temperatura, rischia di fare la sua comparsa la couperose. Con le basse temperature, infatti, le polveri nocive vengono assorbite in quantità maggiore, mentre i piccoli vasi sanguigni sono costretti a una continua ginnastica che li rende "visibili".

di Cristiana Gentileschi  - 12 Gennaio 2009

Come si presenta

Ha una superficie delicata, sottile. È secca ma morbida al tatto ed è estremamente fragile, irritabile, reattiva ed allergica. Nella sua evoluzione, una pelle ipersensibile può portare la comparsa di couperose, inestetismo cutaneo dovuto alla vasodilatazione del microcircolo sottoepidermico. La pelle con couperose si manifesta, a causa della fragilità dei vasi, con la dilatazione dei capillari che, sfibrandosi, formano una fitta rete violacea, visibile esternamente, in particolare sulle guance.

Cosa fare

L'obiettivo, in questo caso, è proteggere il microcircolo. «L'ideale è agire su più fronti» dice la dermatologa Magda Belmontesi. «Localmente con prodotti cosmetici  formulati per proteggere dalle aggressioni estrarne e che sollecitano le natali difese cutanee, come quelli ad alta concentrazione di bioflavonoidi, vitamina C ed E, che favoriscono la protezione del circolo sanguigno e la permeabilità dei capillari. Poi, già dal mattino, utilizzare un latte detergente specifico per una pulizia ultra-delicata. Evitare i normali saponi e i risciacqui con acqua troppo caldo o troppo fredda (l'acqua del rubinetto, ricca di calcare, può provocare irritazioni). Tonificare la pelle con un tonico senza alcool, ma addizionato con sostanze decongestionanti e lenitive. Infine, è fondamentale scegliere una crema specifica per pelli sensibili e con couperose. Mentre la sera, dopo aver ripetuto le stesse procedure di detersione , aggiungere una crema non grassa arricchita con sostanze restitutive e normalizzanti».

Il consiglio in più

Un buon aiuto arriva anche dalla giusta alimentazione. I cibi ad alto contenuto di vitamina P (come pomodori, riso e pasta) proteggono la circolazione, mentre quelli ricchi di selenio (si trova  nel tonno, nei piselli, nel salmone), potente antiossidante, sono perfetti per rinforzare il microcircolo. Ottimi anche i frutti di bosco (non facili da trovare in questa stagione). In caso, si può optare per un integratore alimentare a base di mirtilli.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/viso-e-corpo/freddo-occhio-a-pelle-sensibile-e-couperose$$$Freddo: occhio a pelle sensibile e couperose
Mi Piace
Tweet