Glutei: le curve che non guastano 

Chi l'ha detto che un fondoschiena abbondante
è un difetto? Jennifer
Lopez porta una 44/46 e il suo sedere è famoso
e ammirato. Il segreto sta tutto nelle proporzioni. E non pensare che tutto questo sia solo
un regalo di madre natura. Jennifer si cura. Perciò,
se credi di avere un "dietro" extralarge, fallo anche tu

di Maddalena Fossati  - 20 Aprile 2005

Hai un fondoschiena che si fa notare? Prima di disperarti, fai la prova specchio. Se il sedere è sodo, la vita è snella e le gambe sono toniche, questo non è un vero difetto. Ne è una prova Jennifer Lopez, detta JLo, la cantante e attrice americana che ha reso questa sua caratteristica un punto di forza e fascino. Tanto che non esita ad avvolgerlo in jeans attillatissimi o in mini mozzafiato facendo sospirare gli uomini di mezzo mondo. Qui ti diciamo come avere un sedere sexy come il suo.

>>Concentrati sui muscoli

Il primo requisito di un bel fondoschiena è che abbia i muscoli sodi ed elastici, un po' come quello delle atlete che corrono i cento metri. Nel loro caso, dipende sia dalla corsa, sia dagli squat, i piegamenti sulle ginocchia, eseguiti durante il loro allenamento quotidiano. Fanne anche tu 20 un giorno sì e uno no. La posizione di partenza è in piedi con le gambe leggermente allargate. Lentamente, fletti le ginocchia e "siediti" su uno sgabello immaginario, quindi torna su con altrettanta calma. Una utile minidifficoltà in più? Quando sei nella posizione "seduta", ruota il bacino e spingi in avanti la zona pelvica. «Per ottenere risultati più rapidi, ogni volta che si esegue lo sforzo bisogna concentrarsi sul muscolo che sta lavorando» dice Luca Marcheggiani, personal trainer e fisioterapista al Club Francesco Conti di Milano.

«Così, è come se si suggerisse al cervello dove c'è più bisogno di energia. Il sistema nervoso risponde portando più sangue e ossigeno ai muscoli; cioè nutrimento per affrontare la fatica». Dopo tre settimane, controlla i risultati. Vedendo come sono già positivi, non ti sarà difficile tenere duro fino all'estate.

>>Balla che ti rassodi

Uno dei peggiori nemici dei glutei perfetti è la vita sedentaria, che rende la pelle molle e rilassata. Fai la prova: metti una matita sotto la piega naturale del sedere. Se resta su è ora di correre ai ripari. Imitando Jennifer Lopez in Shall we dance, ovvero ballando. Scegli, però, la danza del ventre o quella africana (e non i balli di sala come nel film) perché sono le più indicate per tonificare il girovita e il fondoschiena. «Richiedono un impegno costante dei glutei e, con il loro movimento ritmico, richiamano il sangue proprio nella zona pelvica» sottolinea Luca Marcheggiani. Vai a ballare una o due volte alla settimana, in aggiunta alla ginnastica (che puoi fare a casa e ti porta via pochissimi minuti). Avrai i primi risultati visibili in un mese. I glutei non sono certo immuni dalla cellulite. Al contrario, in questa zona si formano facilmente ristagni di acqua nei tessuti. E, siccome in genere c'è anche del grasso, la pelle a buccia d'arancia qui è molto evidente. «Il rimedio migliore è usare i fanghi termali» consiglia Barbara Petito, direttrice del centro Icos di Milano. «Quando si applica la crema, infatti, si tende sempre a trascurare la zona posteriore a vantaggio delle gambe. Invece, con il fango non si può sbagliare.

Prova la maschera di fango

E l'apporto di principi attivi drenanti come il sodio, lo iodio e il bromo, che richiamano l'acqua in superficie, è assicurato». Se non hai problemi di capillari delicati, rendi ancora più attivo il fango termale scaldandolo a bagnomaria (non deve scottare). Poi, stendilo usando la mano o una spatola di legno. Avvolgi sedere e fianchi con il cellophane, metti sopra una salvietta abbastanza grande e sdraiati a pancia in giù sul letto. «Se ci si siede si comprime il fango e i principi attivi non penetrano nella pelle» avverte l'estetista.

>>Massaggiati con i guanti

Copriti con una copertina e aspetta circa 20 o 30 minuti. Poi lavati con una doccia tiepida. Se fai questo impacco per due o tre volte alla settimana, vedrai la pelle migliorare già dopo quattro applicazioni. Gli anni che passano incidono sulla tonicità del fondoschiena in modo un po' "maschile". Perché, proprio come la pelle dell'uomo resta liscia fin verso i 40 anni e poi, quasi all'improvviso, si riempie di rughe, i glutei femminili, fino ai 45 anni, non cambiano. Ma, con l'avvicinarsi della menopausa, si svuotano e cedono. Serve un massaggio. Fallo indossando un morbido guanto di ciniglia. Prima disegna con le dita dei cerchi partendo da sotto alle natiche e risalendo verso i fianchi. Ripeti più volte per lato continuando per cinque minuti. Fai lo stesso ma, questa volta, tenendo la mano piatta. «Così si stimola la circolazione e si favorisce la produzione di elastina, che dà maggiore elasticità alla pelle» spiega Petito.

Il tocco indispensabile per avere il sedere perfetto è idratare la pelle. Perché neppure i glutei più sodi sono sexy se l'epidermide non è vellutata. Se è ruvido, allora, rimedia così. La sera,  riempi la vasca con acqua calda a 39 gradi circa. «Mentre scorre, si versano dentro mezzo bicchiere d'olio di mandorla o di monoi (è quello polinesiano) e tre gocce di olio alla rosa mosqueta, che ha un effetto particolarmente nutriente» aggiunge Barbara Petito, estetista. Immergiti per almeno cinque minuti. Il risultato è immediato: uscendo, ti accorgerai che la pelle è molto più morbida perché l'olio non solo l'ha idratata, ma l'ha anche protetta dagli effetti del calcare sciolto nell'acqua.

>>

Agli uomini piace abbondante

«È vero: gli uomini amano le donne con il sedere voluminoso. E la psicologia spiega che è una preferenza genetica, perché è un richiamo sessuale di fertilità» dice Giulio Cesare Giacobbe, psicologo e psicoterapeuta a Genova. «Le donne, però, sono convinte del contrario per un curioso equivoco che ho scoperto facendo delle ricerche. Quando, negli anni 50, nacque il prêt-à-porter, i sarti capirono che se avessero messo delle maggiorate in passerella, gli uomini che accompagnavano le signore nello shopping (e che spesso pagavano i conti) avrebbero guardato troppo le modelle e poco i vestiti e non avrebbero acquistato nulla. Allora nacque il fenomeno dell'indossatrice magrissima. E l'idea, tipicamente femminile, che siano loro le donne più ambite».

>>La dieta per il girovita

Il sedere "importante" va bene. Ma non se

la pancia è tonda e le cosce grasse.

In questo caso, infatti, serve una dieta. «Un'alimentazione ricca di proteine e potassio ma povera di sodio aiuta a contrastare

la ritenzione idrica e dà maggior compattezza

ai tessuti» spiega Pia Bonanni, dietologa

a Milano. Due volte alla settimana, allora, mangia pesce, che contiene omega 3,

i grassi "buoni" che non diventano ciccia. Abbinalo a verdure da masticare

(danno un senso di sazietà) come il finocchio, il sedano. E bevi ogni sera una tisana

a base di semi di finocchio, che

aiuta a sgonfiare la pancia. Evita, invece, gli alimenti carichi di sale come insaccati

e formaggi: trattengono l'acqua nei tessuti.

>>

Jennifer fa power yoga

Per mantenersi in forma, Jennifer

Lopez trascorre almeno due ore al giorno

in palestra. La sua attività preferita

è il Progressive power yoga, ideato dal fitness-guru di Los Angeles Mark Blanchard. Si tratta di una ginnastica fatta di contrazioni muscolari prolungate.

Che sono tonificanti soprattutto per i glutei, perché la posizione di base di molti esercizi prevede che si stia in piedi,

con le gambe leggermente divaricate e

i muscoli in tensione. A ogni

movimento poi si abbina una respirazione profonda che apre i canali di

energia e permette di espellere le tossine. Questo migliora la circolazione e l'ossigenazione dell'organismo e contrasta la cellulite. Per saperne di più vai

al sito www.progressivepoweryoga.com.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
bellezza/viso-e-corpo/glutei-le-curve-che-non-guastano$$$Glutei: le curve che non guastano
Mi Piace
Tweet