Peli incarniti: 4 rimedi naturali

Credits: Shutterstock
/5

In caso di peli incarniti e altri fastidiosi inconvenienti legati alla depilazione e alla rasatura, prova questi semplici rimedi per risolvere il problema "alla radice"

La rasatura e la depilazione possono esporre la pelle al fastidioso problema dei peli incarniti. Ma perché si formano?

Il disturbo è dato dalla successiva ricrescita: trovando un passaggio epidermico ostruito, quale un poro occluso, il pelo cresce al di sotto dello strato superficiale della pelle.

In sé la condizione non è pericolosa e non comporta la necessità di uno speciale intervento, ma se trascurata potrebbe anche evolvere in follicolite, ossia prima in un’infiammazione e poi in una manifesta infezione del follicolo pilifero.

Cause

I peli incarniti si formano principalmente a causa di un’errata rasatura o di una non adeguata pulizia dei pori alla fine del trattamento.

In particolare se usi il rasoio, spesso sono le direzioni improprie del taglio – o l’abitudine di tendere la pelle per evitare di ferirsi con la lama – a determinare un’estremità molto acuminata del pelo che, ricrescendo, aprirà un varco innaturale sotto lo strato superficiale della pelle, senza trovare però via d’uscita

Se invece sei abituata a rimuovere i peli superflui tramite la ceretta, il disturbo si può presentare per una non adeguata pulizia della pelle. In questo caso il pelo, trovando il poro occluso da cellule morte o agenti esterni, si arrotola man mano su sé stesso senza mai spuntare all’esterno.

Da ricordare che anche l’uso frequente di indumenti troppo aderenti - che formano una barriera fisica alla fuoriuscita del pelo - o creme e altri cosmetici comedogenici, possono favorire la comparsi di peli sottocutanei.

Rimedi naturali contro i peli incarniti

Nella maggior parte dei casi, il trattamento dei peli incarniti è veloce, indolore e può essere eseguito tranquillamente a casa. Se il problema è invece più grave, ovvero si è formata una pustola infetta, è necessario vagliare il parere del medico o del dermatologo. In questi casi, infatti, si dovrà seguire una terapia farmacologica, a volte anche antibiotica.

Ma ora vediamo i rimedi più comuni e attuabili a casa per risolvere il problema.

- Rimozione fisica: il metodo più semplice per sbarazzarsi del fastidio di un pelo incarnito è la sua rimozione fisica. Armandosi di pinzette opportunamente disinfettate, o di un ago da cucito, si rompe lo strato più superficiale della pelle per scoprire l’estremità del pelo. Fatto questo, basterà afferrarlo con la pinzetta ed estrarlo, facendo attenzione a non spezzare ulteriormente il pelo. Al termine dell’operazione, la zona coinvolta andrà pulita e disinfettata con acqua ossigenata.

- Scrub: considerato come la gran parte dei peli incarniti si manifesti a livello molto superficiale, ricorrere a uno scrub o a un peeling meccanico può efficacemente risolvere il problema. Eliminando la pelle morta con una blanda azione abrasiva, si può riportare alla luce l’estremità dei peli sotto cute.

- Sale: il sale è un ottimo rimedio naturale esfoliante, poiché aiuta ad eliminare le cellule morte e ad aumentare per osmosi la circolazione superficiale. Applicare una soluzione di acqua e sale per qualche minuto sull’area interessata, potrebbe aiutare la fuoriuscita del pelo incarnito. Questo anche perché il sale tende a disidratare momentaneamente la pelle dato l’assorbimento dei liquidi, quindi ne riduce il volume agevolando l’operazione

- Zucchero bianco: la durezza tipica dei granelli di zucchero bianco lo rendono un perfetto rimedio per uno scrub d’emergenza. Basta creare una pasta morbida di zucchero e acqua e sfregare delicatamente sull’area affetta, quel tanto da rimuovere la pelle morta ed esporre una parte del pelo, da estrarre poi completamente con l’aiuto di una pinzetta.

Questi facili rimedi possono bastare, a meno che ovviamente non si sia trascurato il problema troppo a lungo e già ci siano i primi segni di una infezione profonda del bulbo pilifero. Bisogna infine ricordare che eseguire regolarmente uno scrub e mantenere una buona idratazione quotidiana sono strategie molto utili per prevenire ricadute.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te