Prima e dopo: Marta sceglie uno stile anni Sessanta 

La ragazza di questa settimana adora farsi fotografare. Ed eccola qui, che posa come una professionista. Con un cambiamento di look che mette in luce la sua femminilità

di Susanna Macchia  - 20 Aprile 2006

Marta ha esordito dicendo: «I capelli corti danno più personalità». E da qui è cominciato tutto. Cristian Sinopoli, hair stylist per Compagnia della Bellezza, le ha proposto una rivisitazione moderna del caschetto. E ha spiegato: «Per questa stagione vanno di moda i tagli con una forma molto pulita. Linee un po’ tondeggianti che ricordano le pettinature degli anni Sessanta». Marta accetta con entusiasmo. E dice di sì anche a una leggera schiaritura realizzata con un mix di colpi di sole su sfumature dal biondo miele al cenere. Ma rimane molto colpita quando il parrucchiere, prima di tagliare, le fascia la testa con uno scotch tutto colorato. «Il nastro adesivo è una nuova tecnica usata dai parrucchieri del nostri saloni» spiega l’hair stylist. «Lo scotch fissa le ciocche da tagliare e permette di creare scalature geometriche molto complicate». Ma non strappa i capelli? «No. È un nastro creato apposta per questo scopo. Quindi aderisce perfettamente sulle ciocche, ma non tira via nulla».

Quindi, tra scotch e forbici, nel giro di poco tempo, Marta ha una pettinatura completamente diversa (questo nuovo caschetto si chiama Betty B). Si guarda allo specchio e si piace. Poi dice con aria un po’ malinconica: «E pensare che avevo deciso di farmeli crescere». Ma alla malinconia subentra subito l’eccitazione e la curiosità di vedersi con i colpi di sole. A lei piace giocare con i colori. Tanto che confessa di essere una fan delle colorazioni fai-da-te. Giusto pochi giorni fa si era fatta uno shampoo colorante sui toni del rosso. Ed è per questo motivo che il parrucchiere sconsiglia una schiaritura più decisa. «I capelli trattati chimicamente non devono subire decolorazioni. Il rischio, oltre a un eccesso di stress per il fusto, è che non si ottenga il colore desiderato.

La reazione chimica tra la tintura e il decolorante può dare risultati inaspettati. Con sfumature decisamente innaturali». I colpi di sole di Marta sono quindi molto soft. Ma bastano a fare sì che il suo fidanzato Marcello, incontrato subito dopo il servizio fotografico, lì per lì non la riconosca. «Poi però gli è piaciuto sia il nuovo taglio sia il colore» ha confermato Marta. «Anche in famiglia le reazioni sono state tutte positive. Genitori, amiche e colleghi di lavoro hanno apprezzato. Anche la mia tata Marisa ha detto che sto bene. Quanto a me, non vedo l’ora di provare il nuovo taglio con cerchietti e fasce colorate da abbinare ai vestiti».

Marta Chiappini

20 anni di Ivrea (TO)

Studentessa al secondo anno di un corso in scienza dell’amministrazione, Marta sta anche facendo uno stage al tribunale di Ivrea. In futuro le piacerebbe diventare manager in un’azienda. «Perché» spiega «credo di avere buone capacità organizzative». Il suo sogno, però, sarebbe fare la fotomodella. Per hobby va in bici e frequenta un corso di ballo latinoamericano.

proponiti per un servizio »

guarda i servizi delle scorse settimane  »

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/viso-e-corpo/prima-e-dopo-marta-sceglie-uno-stile-anni-sessanta$$$Prima e dopo: Marta sceglie uno stile anni Sessanta
Mi Piace
Tweet