Come eliminare i punti neri con i cosmetici giusti

  • 1 10
    Credits: Shutterstock

    Dal detergente specifico alla maschera purificante, tutte le soluzioni cosmetiche per combattere i punti neri. Scegli il prodotto più adatto a te!

  • 2 10
    Credits: Garnier

    La maschera al carbone

    Skin Active intensive 3 in 1, speciale punti neri di GARNIER

    Prodotto specifico contro i punti neri a base di argilla nera. Può essere usato ogni giorno come detergente e scrub delicato oppure fino a 3 volte a settimana come maschera. Aiuta a disostruire i pori e a richiuderli, grazie all'azione arricchita di acido salicilico.

  • 3 10
    Credits: Nivea

    La soluzione "urto"

    Clear-Up Strip Zona T, Cerottini contro i punti neri di NIVEA

    Si applicano sul naso, si lasciano agire circa 10 minuti e poi si tolgono delicatamente. Lo strappo porterà via con sé i comedoni. Contiene Hydra IQ, Pantenolo e Vitamina E. Arricchito con Acido Citrico

  • 4 10
    Credits: Korff

    La detersione specifica

    Gel detergente purificante di KORFF

    Ha una texture fresca e non schiumogena: adatto sia per detergere in profondità che per struccare. Arricchito con estratto di Ganoderma Lucidum e zinco, contribuisce alla normalizzazione di pelli miste e grasse, mantenendole morbide ed idratate.

    Ideale per pelle mista e grassa.

    In farmacia.

  • 5 10
    Credits: PHILIPS

    La pulizia high tech

    VisaPure Essential di PHILIPS

    Spazzola di pulizia dotata di 2 testine (per pelle normale e per pelle sensibile). Rispetto alla pulizia manuale del viso è 10 volte più efficace. A parte si può acquistare la testina specifica per punti neri (nella foto).

    In esclusiva nelle profumerie Douglas.

  • 6 10
    Credits: Galenic

    Restringere i pori dopo la pulizia

    Purete Sublime, Lozione effetto pelle nuova di GALENIC

    È un tonico specifico contro le impurità e i punti neri, poiché contiene un principio attivo dalla tripla efficacia purificante, opacizzante e lenitiva: l’Acqua granitica dei Pirenei.

    Arricchisce la formula un complesso di chelati di Zinco dalle proprietà sebo regolatrici per un effetti anti lucido; la vitamina B5 dalle virtù riparatrici, rinforzata dall’azione lenitiva dell’acqua di Fiori di Hamamelis.

  • 7 10
    Credits: Clinique

    Lo scrub

    7 Day Scrub Cream Rinse-Off Formula di Clinique

    È uno scrub in microgranuli delicato ma efficace, che in casi di pelle asfittica può essere usato tutti i giorni. Ridurre l'uso in base alla necessità di esfoliare la pelle. L'abitudine regolare di usare uno scrub rende puliti i pori, e quindi riduce la tendenza a formare i punti neri.

  • 8 10
    Credits: La Roche Posay

    Azione local

    Effaclar A.I., trattamento localizzato delle imperfezioni di La Roche Posay

    Si applica localmente sulle zone più soggette a punti neri. Adatto anche per un uso periodico in determinati periodi di maggiore produzione di sebo. Riduce la formazione di impurità e punti neri.

    In farmacia.

  • 9 10
    Credits: TonyMoly

    L'azione specifica

    Egg Pore, soluzione anti punti neri di TONYMOLY

    Balsamo a effetto riscaldante per aprire i pori, assorbire l'eccesso di sebo ed eliminare le cellule morte.

    Le particelle esfolianti agiscono su punti neri e impurità assorbendo l'eccesso di sebo per una pelle morbida e purificata.

  • 10 10
    Credits: Assia Medica

    Il panno anti punti neri

    Manopola Zona-T Clean, pannetto in microfibra di ASSIA Medica

    Si passa inumidito sulle zone critiche dopo aver lavato il viso con un un detergente e acqua tiepida. Massaggiare dolcemente con movimenti circolare. Asciugare e far seguire da un tonico astringente.Adatto per pelli giovani e mature che presentano punti neri e comedoni, a prescindere dal tipo di pelle.

    Le pelli grasse potranno farne un uso più frequente rispetto a quelle normali e sensibili.

    In farmacia.

/5

Beauty routine per una pelle priva di imperfezioni e impurità, come ad esempio comedoni e punti bianchi

Odiosi punti neri! A 15 anni, come a 25, 30 e (ancora) 50 e oltre sono tra gli inestetismi più frequenti della pelle del viso. In genere compaiono soprattutto su pelle mista e grassa, ma non sono rari sulla pelle normale e secca, soprattutto in assenza di una detersione mirata. È sbagliato per esempio rinunciare alle maschere di pulizia con il pretesto che la propria pelle secerne poco sebo: il segreto per non seccarla ulteriormente è usare maschere delicate.

Punti neri: come eliminarli

Una delle regole principali è non schiacciarli mai "a crudo", cioè con le dita sporche, magari con unghie lunghe e su pelle "asciuttissima": è molto probabile che ti procurerai delle cicatrici e infetterai i pori che poi potrebbero evolvere in brufoletti. Soprattutto se non sei riuscita ad eliminare l'odioso punto nero (e hai lasciato l'operazione a metà)!

Se proprio desideri spremere i punti neri, ammorbidisci prima la pelle con acqua tiepida e una mousse detergente e poi proteggi le dita da garze o fazzolettini di carta.

Per rendere l'operazione più confortevole, l'ideale è fare i bagni di vapore con la classica bacinella di acqua calda e l'asciugamano sulla testa. Ma dopo l'operazione "schiaccia-punti neri" ricordati di restringere con un tonico astringente i pori dilatati dal vapore. Attenta, inoltre, a non scottarti!

Punti neri: dove si formano

Di solito sono confinati nella zona T: fronte, naso e mente, ma in caso di pelle grassa si allargano alle guance. Sono decisamente sgradevoli da vedere, e così la tentazione di schiacciarli è forte, oseremmo dire divertente, quasi catartica! Eppure non va fatto, meglio eliminarli con dolcezza e prevenirli con i cosmetici adatti.

Quali sono le cause

I punti neri si formano quando il canale del follicolo pilifero della ghiandola sebacea si ostruisce a causa di una eccessiva cheratinizzazione, cioè il normale processo di formazione dello strato corneo dell'epidermide, che funzione come una barriera difensiva dagli agenti esterni. Le lamine cornee si ispessiscono e formano una sorta di "tappo" che ostruisce l'apertura del dotto ghiandolare, impedendo la fuoriuscita del sebo. Il "tappo" poi scurisce a causa di depositi di melanina e dell'azione ossidante dell'ossigeno. Ecco formato il punto nero!

Pulizia? Sì, purché delicata!

Per prevenire i punti neri, è fondamentale pulire bene la pelle con prodotti delicati e esfoliare il viso almeno una volta alla settimana.

Se la pelle è grassa, si può aggiungere alla questa beauty routine una maschera di pulizia da fare una volta alla settimana, che si dirada ad una media di 2 volte al mese se la pelle è normale. E ricorrere a cosmetici locali: cerotti, lozioni specifiche, balsami riscaldanti per far espellere il punto nero ecc. (vedi la gallery).

I detergenti per il viso aggressivi o troppo schiumogeni possono seccare la pelle, provocando il famigerato effetto rebound: la pelle viene stimolata a produrre più sebo, e quindi il risultato ottenuto è opposto a quello desiderato.

Cosa fare contro i punti neri...

Oltre a fattori costituzionali, i punti neri possono dipendere da un'insufficiente pulizia. Sciacquarsi il viso al mattino solo con acqua non è così efficace: di notte la pelle espelle le tossine che si accumulano in superficie, ostruendo i pori.

Se vai di fretta, alterna l'uso di un panetto di non sapone specifico per la cute sensibile del viso al semplice getto di acqua tiepida.

...e cosa non fare

Predispongono alla formazione di punti neri, le seguenti azioni sbagliate:

- struccarsi sempre e solo con le salviettine, e mai con un detergente ad azione più profonda;

- non detergere mai la pelle, anche se non si ha l'abitudine di truccarsi;

- usare creme grasse, inadatte al proprio tipo di pelle: controlla che sulla confezione ci sia scritto "non comedogenica";

- e, ovviamente, andare a letto con i residui del trucco.

Gli altri metodi per eliminare i punti neri? Scoprili nella gallery.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te