Cosmesi: glossario dei termini più comuni 

A volte il lessico cosmetico può essere incomprensibile o ingannevole. Ti facilitiamo il compito con la nostra guida ai termini più comuni che trovi sulle confezioni

di Laura D'Orsi

Molte volte, sulle confezioni dei cosmetici ci sono scritte parole difficili, delle quali non conosci l'esatto significato, e a stento intuisci a cosa si riferiscono. Spesso, non le trovi nemmeno sul dizionario. Eppure sono importanti perché indicano caratteristiche del prodotto che è meglio conoscere. Anche per non crearsi false illusioni

Ipoallergenico

Cosa vuol dire

Che il prodotto è stato formulato per ridurre al minimo i rischi di allergie. In genere, non contiene alcol, profumo, coloranti, conservanti e nichel.

Cosa non vuole dire

«Ipoallergenico non significa antiallergico, perché nulla è totalmente a prova di allergie» dice la dermatologa Magda Belmontesi. Le reazioni, infatti, dipendono dalla sensibilità personale e si possono manifestare per qualunque tipo di sostanza.

Il prodotto consigliato

Gel detergente PureActive di Garnier (5,99 euro), ipoallergenico e adatto alle pelli sensibili.

Detossinante

Cosa vuol dire

Significa che il prodotto aiuta a ossigenare meglio i tessuti, ingrigiti da fumo e inquinamento, grazie all'azione di vitamina E, C e dei cosiddetti agenti SOD. Sono degli enzimi che contrastano l'azione dei radicali liberi, responsabili dell'invecchiamento delle cellule.

Cosa non vuole dire

Non significa che la crema sia disintossicante, o che purifichi in qualche modo la pelle. E non vuol dire che abbia un'azione preventiva sugli effetti dello smog.

Il prodotto consigliato

Siero notte detox di Korff (49 euro), durante il riposo notturno neutralizza le tossine epidermiche e dà luce al viso.

Seboregolatore

Cosa vuol dire

Il termine indica la capacità di regolare la produzione di sebo. Di solito, i prodotti contengono tiolisina o derivati vegetali, per esempio di salice e ortica. Aiutano a prevenire l'acne perché agiscono a monte del problema.

Cosa non vuole dire

Non significa che questi cosmetici asciugano i brufoli, né che li disinfettano o li disinfiammano. Riducendo la produzione di sebo, però impediscono la formazione di foruncoli sulle pelli miste.

Il prodotto consigliato

Effaclar, maschera sebo-regolatrice di La Roche Posay (15 euro) rende opaca e vellutata la pelle grassa.

Ridensificante

Cosa vuol dire

Che restituisce spessore alla pelle. Dopo i 50 anni, infatti, la pelle perde compattezza perché si impoverisce il tessuto connettivo che la sostiene. Le creme ridensificanti contengono elastina, collagene e sali di calcio e magnesio, che servono a ridarle consistenza.

Cosa non vuole dire

Che sia un antietà completo. Per le pelli mature occorre agire su più fronti: anche idratare e combattere le rughe.

Il prodotto consigliato

Lift Effect 45+, crema ridensificante giorno di Somatolone Cosmetic (33 euro) ricompatta l'epidermide assottigliato dall'età.

Non comedogenico

Cosa vuol dire

Che non favorisce la formazione di comedoni, ossia di punti neri. «I cosmetici portano questa scritta quando non contengono oli minerali, che possono occludere i pori» spiega la cosmetologa Antonella Antonini.

Cosa non vuole dire

Non significa che cura l'acne, anche se certamente non peggiora la situazione. In compenso, va bene per tutti i tipi di pelle. Anche per quelle più mature perché i punti neri possono spuntare a qualsiasi età e anche quando la pelle tende a disidratarsi.

Il prodotto consigliato

Moisture Surge Concentrato idratante di Clinique (30 euro) idrata senza soffocare la pelle.

Whitening o sbiancante

Cosa vuol dire

Indica che la crema, da applicare su tutto il viso, illumina la carnagione, rende il tono più uniforme, toglie il grigiore o i residui olivastri dell'abbronzatura. Ma anche previene le macchie e attenua quelle che ci sono già.

Cosa non vuole dire

Non significa ritrovarsi con un colorito bianco pallido (o ottenere l'effetto Michael Jackson). La crema sbiancante non agisce in profondità, semplicemente rende meno definite le discromie del viso, conferendo un aspetto più luminoso alla pelle.

Il prodotto consigliato

Lozione siero illuminante alla Vitamina C di Diego Dalla Palma (29,90 euro), tonifica e rinfresca il viso risvegliandone la luminosità.

Effetto filler

Cosa vuol dire

La terminologia è rubata alla medicina estetica. Indica che, nel prodotto, ci sono componenti, come grosse molecole di acido ialuronico o proteine della seta, che "riempiono" dall'esterno le rughe. Agiscono come fibre che, infilandosi nei solchi del viso, li appianano visivamente.

Cosa non vuole dire

Trattandosi di un effetto ottico, le rughe non vengono realmente trattate. A meno che la crema contenga anche sostanze antirughe più specifiche.

Il prodotto consigliato

Hyaluron-Filler di Eucerin (34 euro) riempie le rughe grazie all'acido ialuronico.

Lifting o liftante

Cosa vuol dire

Si dice di alcuni prodotti che contengono sostanze, come gli oligopeptidi, che creano una specie di reticolo in grado di distendere la pelle. È un effetto puramente meccanico.

Cosa non vuole dire

Le creme liftanti non cancellano le rughe, ma danno un risultato provvisorio, che dura fino a quando la crema rimane sul viso. Molti prodotti, però sono più completi: fanno un lifting istantaneo e contengono anche sostanze antirughe che agiscono nel tempo.

Il prodotto consigliato

Revitalift Laser X3 crema liftante contorno occhi di L'Oréal Paris (15,49 euro) distende le rughe e dà un'aria riposata allo sguardo.

Depigmentante

Cosa vuol dire

Che schiarisce le macchie scure. Le creme depigmentanti contengono sostanze come l'arbutina, l'acido cogico e oli vegetali, che favoriscono il riassorbimento della melanina e ne controllano l'eccessiva produzione. Vanno messe direttamente sulle macchie.

Cosa non vuole dire

Che cancelli del tutto le macchie. Solo se si sono formate da poco tempo, infatti, esiste la possibilità che diventino praticamente invisibili.

Il prodotto consigliato

D-Clar gocce depigmentanti di Rilastil (39 euro) correggono le macchie del viso e delle mani.

Dermatologicamente testato

Cosa vuol dire

Significa che il prodotto è stato valutato da un'equipe di dermatologi che ne hanno dato un giudizio complessivo positivo in termini di sicurezza e di efficacia.

Cosa non vuole dire

Non significa che sia curativo, né tanto meno che sia un farmaco. Inoltre, non è garanzia di ipoallergenicità. Sicuramente, però questa dicitura avvicina alla fascia dei prodotti un po' più medici che cosmetici.

Il prodotto consigliato

Il fluido anti inflamm-aging antirughe protettivo spf 20 della linea Filler Suprema di EuPhidra (62 euro) va bene anche alle pelli più sensibili.

Il consiglio in più

Un termine che si trova sempre più spesso sulle creme è "botox like". Significa che il prodotto serve a distendere le rughe d'espressione superficiali. Ma non vuol dire che contiene botulino: per legge questa sostanza è proibita nelle creme.

Guarda la gallery per scoprire tutti i prodotti citati!

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
bellezza/viso-e-corpo/sai-cosa-vuol-dire-ipoallergenico$$$Cosmesi: glossario dei termini più comuni
Mi Piace
Tweet