Sole, 8 risposte salva viso

Credits: Shutterstock
/5

Estate tempo di tintarella. Ma non abbassare troppo la guardia, il sole fa bene, ma ha anche delle insidie. Segui i consigli della dermatologa per non danneggiare la pelle del tuo viso

Rughe precoci, macchie scure, arrossamenti: questi alcuni dei segni che il sole lascia sulla nostra pelle del viso, più delicata rispetto a quella del corpo, se non ci proteggiamo scrupolosamente. E non solo dai raggi UVA e UVB ma anche dall'ozono. Ecco perchè dobbiamo prestare attenzione anche quando il sole è coperto dalle nuvole.

Senza voler demonizzare la tintarella, ci sono però alcune regole che è bene seguire per non trovarsi a fine estate con brutte sorprese.

Per una perfetta - e protetta - abbronzatura abbiamo rivolto 8 domande alla dottoressa Elisabetta Sorbellini, specialista in Dermatologia e Venereologia ed esperta nelle terapie con l’impiego di laser.

Ecco i suoi preziosi consigli.

1-    Come preservare l'integrità della pelle e rallentare gli effetti dannosi del sole?
Evitando l'esposizione prolungata alla luce solare, soprattutto nelle ore più calde e proteggendo la cute con filtri solari adeguati (30 - 50 SPF). È importante applicare la crema solare anche quando non si è in spiaggia e soprattutto quando il cielo appare nuvoloso perché lo strato d’ozono che ci protegge dai raggi ultravioletti è piu pericoloso. Infine, seguendo una dieta ricca di antiossidanti come frutta e verdure, per prevenire i danni cellulari.

2-    Spesso sul viso si formano macchie scure quando ci si espone al sole: le protezioni alte (SPF 30 e più) sono sufficienti per evitare queste discromie?
I filtri solari danno una protezione alta per i raggi UVB che sono responsabili degli eritemi e scottature, ma proteggono anche dall’azione dei raggi UVA che abbronzano. I raggi ultravioletti possono provocare danni alla pelle permanenti se non contrastati adeguatamente: invecchiamento precoce, macchie scure e tumori della pelle. Per potenziare l’effetto delle creme solari sarebbe opportuno assumere un integratore solare con antiossidanti specifici da un mese prima dall’esposizione a tutto il periodo di esposizione solare, al fine di rendere le cellule della pelle in grado di ripararsi dai danni.

3-    Prima della protezione solare bisogna comunque mettere siero e crema idratante quotidiana?
Si, un'idratazione di base è fondamentale nel rendere la pelle più elastica, tonica e quindi più difesa nei confronti dei fattori ambientali esterni come inquinamento, sole e salsedine.

4-    Per le pelli grasse che tipo di protezioni sono più indicate?
I gel sono più adatti a chi ha la pelle grassa, perché il veicolo in cui è disperso il filtro solare non è comedogenico. Se la pelle non è particolarmente grassa, ma esiste comunque un problema di acne infiammatoria, si può scegliere un crema con una texture fluida e leggera che non ostruisce i pori e favorisce la traspirazione.

5-    E per le pelli sensibili o magari con couperose?
Una buona protezione solare per pelli sensibili dovrebbe proteggere sia dai raggi UVA che dai raggi UVB e aggiungere un effetto lenitivo e idratante. Pertanto sarebbe più opportuno scegliere un latte solare o una crema privi di profumo, conservanti e coloranti, poiché risulterebbero più tollerati dalla pelle e ridurrebbero il rischio di allergie cutanee causate dalla luce solare.

6-    Meglio una crema con filtri chimici o naturali?
In genere una crema contiene un abbinamento di chimici e fisici e, mentre i primi sono da un punto di vista cosmetico più gradevoli, su una pelle molto sensibile possono dare reazioni avverse. I filtri fisici, invece, conferiscono un effetto più sbiancante e sono meno facili da applicare.

7-    Contro le zampe di gallina bastano gli occhiali da sole?
No, non bastano, ma gli occhiali da sole sono fondamentali per una protezione completa poichè nei e melanomi possono venire anche negli occhi. Sarebbe opportuno applicare anche un contorno occhi con filtro solare.

8-    Cosa evitare assolutamente quando si prende il sole (per il viso)?
Creme troppo profumate e sostanze fotosensibilizzanti contenute nei profumi (es. bergamotto).  

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te