Impara l’arte del journaling

  • 1 6

    «Scrivere un diario è un atto di auto esplorazione». Così L’arte del journaling, manuale della collana americana The Blokehead, spiega un fenomeno di moda da alcuni anni nei Paesi anglosassoni e che sta prendendo piede anche in Italia. «Dalla scelta del taccuino fino al momento in cui riversi su carta pensieri, propositi ed emozioni, fare journaling è un modo per esprimere la tua intimità, uno spazio personale per prendere consapevolezza di ciò che sei» spiega la counselor Fabiana Pozzi, che si occupa di crescita personale al femminile.

    Se poi alla scrittura unisci anche il piacere di decorare le pagine con collage, fotografie, washi tape (nastri adesivi decorati) e disegni, la fantasia prende il volo. Vuoi provare anche tu? Ti suggeriamo due idee molto speciali da cui partire e prendere spunto.

  • 2 6

    L’AGENDA CREATIVA

    Ryder Carroll, digital product designer di Brooklyn, si è inventato un sistema a metà tra il diario personale e il planning per organizzare impegni e appuntamenti (bulletjournal.com). La base è un taccuino che decidi tu come suddividere in giorni e settimane e dove, utilizzando alcuni simboli (i bullets), segni impegni e promemoria. Ryder usa il triangolo per indicare un appuntamento e la freccia per segnalare qualcosa da rimandare.

    Veronica Bissoli, studentessa milanese che ha interpretato questo metodo nel suo BuJo (instagram.com/planwithnica) spiega la sua formula. «Si usa un quaderno a quadretti in cui segnare le attività da aggiornare, segnandole come completate, iniziate ma non finite o rimandate. Il layout è minimal: a te spetta personalizzarlo con disegni, aforismi, frasi scritte in bella calligrafia; oppure puoi aggiungere spazi dedicati ai libri che vorresti leggere, alle ricette da sperimentare, ai documentari da controllare, alle canzoni preferite».

    I benefici? Hai una visione chiara e completa di quello che devi fare, ma non sei vincolata a una pagina standard. Crei un’agenda utile ma anche bella da guardare, in cui ci sei tu, con i tuoi impegni e le tue passioni.

  • 3 6

    IL TRAVEL JOURNAL

    Se la tua passione è viaggiare, questo è un modo molto creativo per fermare i ricordi più belli con foto, racconti e memorabilia del posto. Ti aiuterà anche a riordinare le idee sui luoghi visitati e sulle avventure condivise con la famiglia o gli amici.

    Anna Drai, craft blogger di cafecreativo. it, ci racconta come ha realizzato il suo, dopo aver visitato il Marocco.

  • 4 6

    La preparazione

    «Ho scelto il formato 10x15, quello classico delle foto che è anche tascabile. Poi ho ritagliato la copertina (ho usato del cartone di recupero, l’ho dipinto con vernice acrilica e ho realizzato il titolo con un alfabeto adesivo) e ho utilizzato cartonicini bianchi e colorati per le pagine; per la rilegatura l’ideale sono due anelli apribili, che trovi in vendita nei negozi di articoli per ufficio o, in alternativa, si possono usare nastro o spago. Questa struttura è molto pratica perché puoi aggiungere pagine quando vuoi» spiega Anna.

  • 5 6

    Come raccontare il viaggio

    Deciso lo scheletro, si definisce la storia. «A me piace partire descrivendo, in modo schematico, l’itinerario di viaggio e poi divido il diario in sezioni (magari con delle etichette che spuntano dal travel journal chiuso), in base ai luoghi visitati o ai giorni» dice la craft blogger. Puoi costruire il tuo diario prima di partire, poi prendere appunti durante il viaggio, raccogliere i souvenir in una busta e, una volta tornata a casa, aggiungere le foto più belle per costruire un carnet personale.

  • 6 6

    I corsi per gli aspiranti artisti

    Se hai un minimo di predisposizione al disegno e vuoi creare un carnet de voyage illustrato simile a quello dei grandi viaggiatori dell’Ottocento, puoi seguire i seminari della Scuola del viaggio (scuoladelviaggio. it) un’associazione nata da un corso dell’università di Lugano che oggi conta 4 sedi nel nord Italia. A insegnarti i rudimenti dello schizzo e dell’acquarello sarà l’artista Stefano Faravelli.

    L’appuntamento da non perdere, invece, Rendez-vous du carnet de voyage, si svolge a Clermont-Ferrand, in Francia dal 18 al 20 novembre (rendezvouscarnetdevoyage.com).

/5

Il vecchio diario è tornato di moda perché aiuta a sviluppare la creatività e a organizzarsi le giornate. Vuoi provare?

Le immagini sono tratte da Instagram, journalbean.

Su Instagram
Se cerchi ispirazione, consulta l’account @journalbean dove Brianna, studentessa di 21 anni, pubblica le pagine del diario, iniziato su consiglio della analista per curare l’ansia. Il suo journal è un mix artistico di collage, foto e disegni sugli argomenti più svariati, dalle piante ai ricordi.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te