Cinque soluzioni facili per il giardinaggio 

Mentre sistemi il balcone ti accorgi di non avere tutto ciò che serve? Scopri cosa si riesce a fare con gli oggetti più comuni

di Annamaria Botticelli  - 06 Aprile 2005

Quante volte, facendo giardinaggio, viene voglia di fare un lavoretto non programmato, per esempio attaccare i rami del gelsomino o preparare una piccola talea? In genere si rinuncia perché manca l’accessorio giusto. Ma basta sostituirlo. Ecco cinque idee da sfruttare subito.

>>La bottiglia che fa da nursery

Mentre pulisci o sistemi sul tutore le piante di casa, dal potos al singonio, può accadere che un rametto si spezzi. Ne puoi ricavare una talea. Se non hai lo speciale idrovaso dove mettere a radicare il piccolo tralcio, usa una bottiglia vuota dei liquori che hanno il collo stretto, perfetto per sostenere i piccoli tralci. Scegline una con disegni e scritte in rilievo: è più decorativa. Riempila d’acqua  e metti a bagno il rametto. Quando spuntano le radici, lo pianterai nella terra.

>>Un portauovo? No una seminiera

Hai tolto dei semi da una pianta che ti piace e non sai dove farli germogliare? Il  contenitore (di plastica o di cartone) in cui vengono vendute le uova può sostituire l’apposita seminiera. Aprilo a libro e usane una metà: riempi le nicchie con terra. Spruzza acqua per inumidirla, spargi i semi e coprili con una spolverata di sabbia. Abbassa la parte sopra, ma senza chiuderla. Bagna ogni giorno. Appena spuntano i germogli, togli il coperchio e metti la seminiera alla luce. Quando le piantine sono alte circa cinque centimetri, estrai le piccole zolle dall’incavo del portauovo e trapiantale in un vaso.

>>La pianta grassa nel vaso del bonsai

Se coltivi piante grasse e ti accorgi che hanno tanti piccoli polloni con radici, puoi toglierli dalla pianta madre per fare nuove piantine. Per realizzare una composizione, se non hai acquistato un vaso apposta, recupera il recipiente di un vecchio bonsai. Ha la profondità giusta per queste varietà. Usa della terra per piante grasse. Raggruppa da tre a cinque piantine in un angolo del recipiente e copri con ghiaietto la superficie di terra libera.

>>Mollette promemoria

Dopo avere seminato ti accorgi che non hai le etichette promemoria dove scrivere il nome del fiore che crescerà. Non è un problema. Con un pennarello indelebile scrivi su una molletta da bucato che cosa hai piantato nel vaso e pinzala sul bordo del recipiente. In alternativa puoi usare i bastoncini di legno che recuperi da ghiaccioli e gelati. Piantali nella terra, lungo il bordo del contenitore.

>>Ferri da maglia per i pomodorini

Se vuoi creare un sostegno a piramide per le piantine di pisello odoroso o di pomodorini, e hai dimenticato di acquistare delle canne di bambù, puoi usare dei vecchi ferri da maglia (dal numero 5 in su), meglio se sono di legno o di metallo plastificato così non arrugginiscono. Inseriscine tre o quattro nella terra agli angoli della tua fioriera e riuniscili in cima, per ottenere una composizione a forma di capanna, legandoli saldamente con la rafia o, se non ce l’hai, con un elastico. Guida quindi i tralci del rampicante attaccandoli lungo i loro sostegni.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
casa/giardinaggio/cinque-soluzioni-facili-per-il-giardinaggio$$$Cinque soluzioni facili per il giardinaggio
Mi Piace
Tweet