Tutti pazzi per i semi! 

Anche tu senti il pollice verde germogliare dentro di te? Un orticello privato può dare tanta soddisfazione: ecco qualche consiglio su come far crescere le tue piantine in casa

di Caterina Moretti
 

Il semenzaio è quel piacevole soprammobile in grado di illuminare una stanza e al tempo stesso di assorbirne tutta la luce. I semenzai servono a proteggere e tenere al caldo le piantine neonate. Ancora troppo deboli per essere trapiantati in orto o in vaso, i germogli crescono nel terriccio sterile (quindi privo di spore o parassiti), in un ambiente caldo che gli permetterà di creare delle radici dure.

La durata della crescita e il momento del trapianto del seme sono due fattori che dipendono dalla tipologia di pianta che si sta cercando di far crescere. Ad ogni modo, questa tecnica di semina è possibile per quasi tutti gli ortaggi; fanno eccezione bulbi, tuberi e alcune verdure come la carota e la pastinaca, che soffrirebbero a nascere in vaso ed esser poi trapiantate.

Fondamentali per la costruzione del tuo semenzaio saranno: il sole, il calore, l'acqua. E naturalmente, l'amore per le tue piante!

Semenzaio all'aperto o in serra

I semenzai da esterno hanno due grandi differenze rispetto a quelli da interno: sono grandi e non sono riscaldati. Infatti, i semenzai all'aperto sono tipici di quegli ortaggi che compiono il loro ciclo vitale direttamente nel terreno di coltivazione. Il periodo in cui potrete vedere le piantine crescere nel semenzaio a cielo aperto è in primavera inoltrata, quando le temperature raggiungo i 20°C circa.

I semenzai in serra invece vi permettono di tenere al riparo le vostre piante durante l'inverno. Generalmente è meglio costruire una serra a ridosso di un muro della casa: l'ambiente chiuso e la vicinanza con il calore della casa faranno germogliare più velocemente le tue piantine, sebbene la serra non sia un ambiente riscaldato. Ci sono piantine, come i pomodori, che possono essere piantate a febbraio, quando ancora fuori fa troppo freddo per permettere loro di crescere, e poi essere trapiantate fuori dalla serra a giugno. Nel frattempo, se ti sarai presa cura di loro, ti daranno dei bei risultati.

Il semenzaio in casa

Ami le piante ma non hai abbastanza spazio per farle crescere? Fai parte del "clan del pollice verde"? Abbiamo qualche verdissimo consiglio per te.

I semenzai biologici possono essere oggettini davvero piacevoli: oltre a permetterti di coltivare in casa, posso essere un coloratissimo modo di decorare la tua finestra! Infatti la posizione migliore dove appoggiare il tuo semenzaio è su un davanzale o su un mobile vicino alla finestra, per catturare e riflettere quanta più luce possibile, grazie anche al coperchio che, solitamente, è in vetro. Però anche altri materiali, purché rigidi e trasparenti, possono offrire una valida alternativa. Il coperchio in vetro sarà una finestra sul mondo per la tua scatola, fondamentale perché permette alla luce di entrare e al tempo stesso protegge i germogli dagli agenti atmosferici (o eventuali troppo "amorevoli" animali domestici). Il tuo semenzaio può avere la forma di un cassetto, a fondo unico o a più scomparti, ma ricordati sempre di fare dei fori per il drenaggio, o rischierai di annegare i tuoi germogli quando li annaffi!

I vasetti da semina, simili a piccole campane, sono generalmente costruiti in alluminio. Esistono però anche quelli biodegradabili, e sono davvero funzionali: vanno riempiti con del terriccio sterile, ben concimato e morbido. Quando al tatto ti ricorderà la sabbia, sarà giunto il momento di inserire i semi. Dopo aver piantato i i semini ricordati di non buttare le bustine che li contenevano: possono tornarti utili per creare una parete di calore attorno ai vasetti e per non fare confusione fra le tue piantine.

Il Semenzaio bio e fai da te

Se sei amante del fai da te e vuoi costruire il tuo semenzaio biologico e sostenibile, non temere: è più semplice di quanto pensi! Bastano pochi semplici materiali e un pizzico di fantasia. Una buona idea per iniziare è prendere uno scatolone (di cartone o di polistirolo) e mettere sul fondo degli stracci o vecchie magliette. Il calore dei tessuti aiuterà a creare il micro-clima adatto ai germogli.

Un'altra proposta eco friendly è quella di utilizzare dei vasetti di yogurt e le confezioni dei gelati, adeguatamente puliti e disinfettati, come piccoli semenzai per la crescita delle tue piantine: riempi il fondo dei vasetti con dell'ovatta, aiuterà a trattenere calore e liquidi. Ricordati di fare dei buchi sul fondo per permettere il drenaggio dell'acqua.

Non posizionare il semenzaio sotto la luce del sole prima che le piantine spuntino, e anche quando sono nate ricordati di coprirle spesso. Puoi aiutare i tuoi germogli a crescere dritti legandoli con un pezzetto di spago a degli stuzzicadenti, o delle vecchie matite. Se insieme all'arte del fai da te ami anche quella del découpage, lascia carta bianca alla tua fantasia e decora come preferisci il tuo piccolo orto casalingo!

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
casa/giardinaggio/come-costruire-un-semenzaio-bio$$$Tutti pazzi per i semi!
Mi Piace
Tweet