Come si prepara il compost

Credits: Corbis
1 10

Dimezzi la raccolta dell’umido, risparmi sulla tassa rifiuti e puoi nutrire fiori e verdure a costo zero. Sono i vantaggi del compostaggio domestico, cioè di quella tecnica che salva dalla pattumiera fondi di caffè e scarti di frutta e verdura, trasformandoli in un ottimo concime per le tue piante.

Con l’aiuto di Andrea Pavan, tecnico della gestione rifiuti della Cooperativa per l’educazione e la ricerca ambientale Erica (cooperica.it), scopriamo come si fa.

/5

Non è vero che serve un grande giardino o che dovrai sopportare i cattivi odori. Con queste regole produrre il terriccio per le tue piante è proprio facile. E ti aspetta una bella sorpresa: lo sconto sulla tassa rifiuti

Alcuni Comuni forniscono gratuitamente la compostiera a chi ne fa richiesta. In alternativa, altre amministrazioni ne rimborsano l’acquisto. La spesa? Da 50 a 200 euro, a seconda dei modelli e delle dimensioni.

Parola d'ordine: riciclare. Con l'aggiunta di un po' di creatività, il gioco è fatto

CI SONO ANCHE GLI INCENTIVI
In tanti comuni, come Roma, Bologna o Genova, chi pratica il compostaggio domestico ha diritto a uno sconto fiscale e paga meno la tassa sui rifiuti urbani. Ecco come muoversi.

QUANTO RISPARMI  In media, lo sgravio fiscale è di circa il 10 per cento. Con punte del 20 (come a Fiumicino, Roma, e a Tortoreto, in provincia di Teramo).

LE CONDIZIONI  Per ottenere questo vantaggio basta aver avviato il compostaggio da almeno tre mesi (il Comune effettua periodiche visite di controllo).

A CHI CHIEDERE INFORMAZIONI  Il referente giusto è l’Ufficio ecologia del proprio Comune. O, in alternativa, il consorzio che in zona gestisce la raccolta e il riciclo dei rifiuti.

COMPOSTIERA: SCEGLILA COSÌ

● Una compostiera da 300 litri è sufficiente per riciclare l’umido prodotto da una famiglia di 3-4 persone.

● Sceglila quadrata o rettangolare, non conica. Così mescolare il contenuto sarà molto più facile.

● Controlla che non manchino le prese d’aria alle pareti o la porticina sul lato. Altrimenti rischi la formazione di cattivi odori. E prendere il terriccio che si è formato diventa più difficile.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te