Come decorare casa con i gerani

  • 1 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Come minibouquet
    Un geranio reciso è un decoro d'effetto. Sul tagliere in melammina, geranio Imperiale mini e Angel. Intorno, dall'alto: geranio Imperiale mini, geranio Odoroso, Zonale, Parigino e foglia di geranio Zonale mini.

    Se volete questi fiori dovete sapere che...
    I gerani sono tra i fiori più facili da coltivare. In genere fioriscono da metà primavera fino a tardo autunno, da nord a sud. Le prime piante arrivarono dal Sudafrica più di quattrocento anni fa e da allora Inghilterra, Olanda, Germania e Stati Uniti detengono il primato per la creazione di nuovi incroci. Tra i più belli ci sono i gerani Imperiali con foglie frastagliate e compatte e corolle così grandi da sembrare azalee; gli Zonali, robusti e con infiorescenze a forma di palla, o i Parigini con fiori leggeri ma numerosissimi, e foglie simili a quelle dell'edera. Ma anche i gerani Odorosi, con foglie profumatissime, e gli Angel, creati in epoca vittoriana, con piante compatte e aggraziate e ricche di fiori.

    Come sceglierli
    Le qualità da considerare quando si acquista un geranio sono tre. La prima riguarda la robustezza della pianta, anche nelle varianti mini o ricadenti, solo apparentemente fragili. I rami devono essere verdi, duri al tatto, con foglie soffici e pelose o ruvide, ma consistenti. La seconda riguarda i fiori, che possono essere venati, screziati o punteggiati: le tonalità variano dal bianco al rosso acceso, con sfumature dal rosa fino al bordeaux scuro e intenso. Infine bisogna considerare il profumo. La maggior parte dei gerani ha un odore neutro ma fresco, che ricorda quello dell'erba appena tagliata; tantissime varietà, però, possiedono la qualità insospettata di sprigionare profumo dalle foglie e anche dai fiori.

    Dove coltivarli
    I gerani fanno bella figura ovunque, sul balcone o sul davanzale, oppure in casa, come piante fiorite o sotto forma di fiori recisi. Basta scegliere la varietà giusta.

    Quanto spendere
    Dipende dalla varietà: non sempre un geranio di taglia piccola costa meno di uno grande. Se si tratta di un geranio particolare e lo si acquista in un vivaio specializzato, si può spendere da 7 a 15 euro al massimo, contro i 3,5 euro del supermercato o della bancarella. A fare la differenza è la qualità della coltivazione: il prezzo più alto viene compensato da una maggior durata delle piante.

  • 2 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Freschi nel sacchetto
    Se avete appena acquistato dei gerani, prima di piantarli nel vaso definitivo preparate dei graziosi bouquet: mettete le piantine in vasetti di vetro della misura adeguata e infilateli in un sacchetto di carta del pane o della frutta.

  • 3 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Un orto in tavola
    Volete fare un pensiero a un'amica? Regalatele un contenitore di plastica per gli alimenti, con un miniorto. Con una piantina di pomodoro, una di rucola e una di geranio potrà profumare l'insalata e tenere lontane le zanzare.

  • 4 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Profumi speziati
    Un centrotavola profumato rende più elegante anche un pranzo informale. I vasetti portaspezie sul cesto in vimini lungo e stretto sono perfetti per sistemare tanti gerani recisi.

  • 5 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Cocktail fioriti
    Lo sapete che i gerani in piccole quantità sono commestibili? Se volete stupire i vostri ospiti preparate tanti cubetti di ghiaccio con i petali. Basta affondare nelle vaschette con l'acqua i fiori di geranio e servirli con bibite e cocktail freschi.

  • 6 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Geranio Odoroso
    con foglie piccole, frastagliate, rugose al tatto e molto profumate (nella foto Lemon Fancy). Questi gerani sono caratterizzati dal profumo delle foglie. Secondo la varietà, l'odore ricorda quello della mela verde, del cioccolato o della menta. Le piante, alte da 30 a 70 centimetri, sono simili a piccoli cespugli compatti e aggraziati. I fiori semplici, con cinque petali, variano dal bianco al rosa fucsia intenso; spesso i due petali superiori sono più grandi e di colore più intenso, con sottili venature più scure, rispetto agli altri tre.

  • 7 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Geranio Parigino
    con foglie divise in lobi appuntiti (nella foto geranio Millfield Gem). Sono i classici gerani ricadenti, detti anche Edera per la forma delle foglie. Sui rami lunghi e robusti i fiori sbocciano a mazzolini fitti e sono solitamente formati da cinque petali di colore uniforme; alcune varietà hanno fiori doppi o stradoppi, con tantissimi petali. Le tonalità variano dal bianco puro al rosso più acceso, ma il malva è quella più diffusa. Vivono bene all'aperto; al Nord, durante l'inverno, vanno messi al riparo.

  • 8 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Geranio Imperiale Mini
    con foglie fitte e frastagliate, ruvide al tatto (nella foto Nighting Eyes). È la miniatura dei gerani Imperiali, spettacolari per la vivacità e la densità dei fiori, conosciuti anche come gerani Azalea. Le piante assomigliano a piccoli cespugli molto compatti; i fiori grandi hanno petali ondulati, colori decisi e macchie e venature in contrasto (più frequenti sui petali superiori). Si tengono all'aperto solo nei mesi più caldi dell'anno, all'ombra, altrimenti avvizziscono. Negli altri mesi stanno bene in casa, vicino alla finestra.

  • 9 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Geranio Zonale Mini
    con foglie piccole, 10 cm di diametro (nelle foto Timoty Clifford). Assomiglia agli Zonali normali, ma è più piccolo: le piante non superano i 25-30 centimetri di altezza. I fiori a forma di rosa sono abbastanza grandi, con tanti petali rosa, rossi, bianchi o arancio, compatti o sfumati. I boccioli sono tondi, i fusti robusti. Spesso, le foglie hanno una striscia più scura (una "zona", da cui il nome Zonali) a ferro di cavallo. È una varietà molto fiorifera; può stare all'aperto o in casa.

  • 10 10
    Credits: Alvise Silenzi

    Geranio Angel
    con foglie piccole molto seghettate e leggermente profumate (nella foto Swedish Angel). Poco conosciuti, questi gerani alti al massimo 30 centimetri erano molto ricercati in epoca vittoriana. I fiori sono piccoli, semplici, con cinque petali: quelli superiori sono più grandi e di colore più intenso, i tre inferiori spesso sono orlati di bianco. Adatti per balconi esposti a est, non amano il sole diretto e temono il freddo e gli sbalzi di temperatura. Durante l'inverno vanno tenuti in casa.

/5

Pensi che possano stare solo affacciati ai balconi? Non è così. Prova a metterli in un cesto al centro della tavola o nei cubetti di ghiaccio per i drink: sarà un successo

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te