È ora di cambiare i fiori 

Tornati dalle ferie è il momento di rinnovare il balcone. Qui ti diamo le cinque dritte per acquistare le piante migliori

di Annamaria Botticelli  - 01 Settembre 2006

Colpa della mancanza di acqua e della poca luce, al rientro dalle vacanze è facile trovare le piante di casa secche. Da qui la necessità di sostituirle. La via più semplice è quella di andare per vivai, mercati rionali o supermercati, dove i fiori costano decisamente meno. E va bene che sia così.
Il problema, però, è un altro: ci si serve da soli. Per questo bisogna fare molta attenzione e controllare che i fiori siano non soltanto belli, ma anche sani. Qui di seguito vi diamo i cinque particolari da tenere d'occhio.

Il vaso

Se è pulito, senza neppure una macchiolina di calcare o di terra, significa che la pianta è stata rinvasata da pochi giorni e che le sue radici non si sono ancora ambientate nel nuovo contenitore. Se si acquista, va lasciata com'è, senza rinvasarla.

I rami

Un solo stelo spezzato non è un problema. Ma se i rametti mancanti sono più di tre, è meglio scartare la pianta: non crescerà in modo armonioso.

Le foglie

Se le foglie sono sbiadite, significa che le radici sono state innaffiate troppo. Per capire se sono sufficientemente verdi, basta mettere vicino tre piante dello stesso tipo e confrontarle. Altri sintomi di malessere sono le foglie arricciate: segno che sono state attaccate dal ragnetto rosso. Quando hanno le punte marroni e secche, vuol dire, invece, che sono disidratate. È da scartare anche la pianta che ha foglie bucherellate: sono state mangiucchiate da insetti notturni che, di giorno, stanno nascosti nella terra.

Le radici

Occorre controllare che non escano dal foro di scolo dell'acqua. Infatti, se le radici sono diventate troppo voluminose, una volta a casa bisogna rinvasare la pianta. È importante anche provare a sfilare di qualche centimetro la zolla dal contenitore. Se è compatta, si può fare l'acquisto. Se invece la terra si sfalda, la pianta è stata rinvasata da poco. Il rischio, in questo caso, è che non riesca ad attecchire bene nel nuovo recipiente. Da non comprare, quindi.

I boccioli

Le piante con molte corolle aperte attraggono, ma non è sempre bene sceglierle. Se i fiori sono stati fatti sbocciare prima del tempo, vuol dire che la pianta è stata sottoposta a trattamenti che l'hanno stressata. Di conseguenza è debole ed è possibile che non sopravviva a lungo. Molto meglio, allora, sceglierne una con tante foglie e boccioli: presto fioriranno, regalandoci un balcone bellissimo.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
casa/giardinaggio/e-ora-di-cambiare-i-fiori$$$È ora di cambiare i fiori
Mi Piace
Tweet