Coltivare le fragole in balcone  

Le fragole sono buonissime e decorative. Ma, soprattutto, si possono coltivare anche sul balcone: per la gioia di grandi e piccini

di Serena Allevi
Credits: 

Ansa

 

Le fragole sono una delle varietà di frutta più amate, sia dai grandi sia dai piccini. Ormai disponibili in ogni stagione, grazie alla coltivazione in serra, le fragole si possono coltivare anche sul balcone. Le radici delle fragole, infatti, non necessitano di profondità essendo piuttosto superficiali e, dunque, non hanno bisogno di grandi terreni. Una serie di vasi, delle giuste dimensioni, è sufficiente a produrre un buon raccolto di fragole.

Partire dai semi

Come accade per ogni tipo di coltivazione, ma soprattutto per ortaggi e frutti, partire dalla semina può non essere semplicissimo. Però, seguendo con attenzione il raccolto e le istruzioni, si può ottenere davvero una grande soddisfazione.

Il consiglio è di seminare del terriccio già ben concimato in precedenza e di attendere la nascita delle prima foglioline. Spuntate le prime foglie, sarà necessario selezionare le piantine radicate e trapiantarle in un vaso ampio alla distanza di una spanna circa l'una dall'altra.

Partire dalla piantina

Per chi non se la sente di partire dal seme, e anche per chi desidera fare giardinaggio insieme ai bambini (che hanno poca pazienza), si consiglia sicuramente di partire dalle piantine già radicate. Quest'ultime si possono acquistare in ogni tipo di vivaio e, a volte, persino al supermercato.

Le piantine hanno già le radici e vanno piantate sempre a distanza di una spanna l'una dall'altra. Proprio come si fa con la semina.

Quando si seminano (o si piantano) le fragole

Per quanto riguarda la coltivazione delle fragole sul balcone, è necessario seguire il naturale decorso delle stagioni. Dunque, le fragole coltivate in vaso hanno un loro tempo e non si possono gustare tutto l'anno (però si possono sempre preparare marmellate per conservare a lungo il profumo della bella stagione).

Sia la semina sia la piantumazione (trapiantare le piantine già radicate) vanno fatte a cavallo tra luglio e agosto, dunque in piena estate. Le fragole, nonostante si piantino nella stagione estiva, non amano particolarmente il sole diretto né il caldo. È bene, quindi, scegliere un balcone (se si dispone di più balconi) o una zona del terrazzo che siano spesso ombreggiati e si mantengano ben ventilati.

Il terriccio deve restare completamente umido e le fragole vanno riparate dal sole diretto soprattutto nelle ore centrali della giornata. La terra dovrebbe essere concimata prima di ogni semina o piantumazione con un concime specifico (ad esempio, con stallatico maturo). In inverno, poi, le piante vanno protette dal gelo coprendole con un telo in plastica traforato.

Coltivazione: cosa richiedono le fragole?

Le piantine di fragole necessitano di essere annaffiate molto spesso, il terriccio infatti non deve diventare mai secco. Quindi, si tratta comunque di una varietà di pianta che ha bisogno di cure costanti (leggi: non adatta a chi si dimentica di innaffiare le piante sul balcone un giorno sì e uno no).

Inoltre, va innaffiata direttamente la terra e non bisogna bagnare le foglie. Questo tipo di accortezza è fondamentale per la buona riuscita del raccolto considerando che permette al terriccio di restare sempre perfettamente umido.

Il raccolto

Quando si raccolgono le fragole? È necessario avere un po' di pazienza: il raccolto avviene infatti la primavera successiva alla semina. Come prima cosa, saranno visibili i caratteristici fiorellini bianchi della pianta e poi arriveranno finalmente le fragole.

Per ottenere un buon raccolto, è dunque necessario seguire per bene tutte le istruzioni e non dimenticarsi mai di prendersi cura delle piante. Proprio come si farebbe con un bambino.

 

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
casa/giardinaggio/fragole-coltivare$$$Coltivare le fragole in balcone
Mi Piace
Tweet