Il troppo stroppia. Anche con i fiori 

Se si esagera con le innaffiature o il concime si combinano guai. E le piante ne risentono. Ma rimediare si può. Ecco i consigli dell'esperto

di Annamaria Botticelli  - 15 Giugno 2008

Le piante, a volte, sconcertano chi le cura. Si concimano, si innaffiano, si lasciano al sole e, nonostante queste amorevoli attenzioni, si ammalano o si seccano. Sembra impossibile, ma il motivo di questo malessere è spesso dovuto a una cura eccessiva. Troppa acqua o troppo fertilizzante possono provocare danni seri. Un po' come capita a noi: se mangiamo o beviamo troppo. Ecco perché è importante capire per tempo quando si sta esagerando. Ecco i segnali da cogliere. E come rimediare.

TROPPA ACQUA

Le varietà come la dieffenbachia, il potos e soprattutto le piante grasse non amano vivere nel terreno umido. E, se si esagera con le innaffiature quotidiane, in poco tempo le foglie ingialliscono e si afflosciano. È il primo segnale del loro malessere: significa che le radici stanno marcendo. Per salvarle, bisogna subito correre ai ripari.

Il rimedio

Se c'è acqua nel sottovaso, va svuotato. Poi le piante non si bagnano fino a quando la terra non è asciutta. Quando si riprende, meglio innaffiare la mattina per fare assorbire l'acqua. Occhio alla dose: deve essere minima. E non ne va data altra finché la terra è umida.

TROPPO FERTILIZZANTE

Per noi vale la regola: più mangiamo più ingrassiamo. Così, può capitare che, nella speranza che la pianta cresca in fretta, la si imbottisca di concime, magari di tipi diversi: i bastoncini, il fertilizzante liquido e, al cambio di stagione, le ampolline di ricostituente. Il risultato di questa "sovralimentazione"? Nel giro di un mese sulle foglie di gardenia, spatifillo, ficus beniamina compaiono macchie scure con aloni gialli. Colpa dell'eccesso di sali minerali.

Il rimedio

Sospendere ogni tipo di fertilizzante per due mesi. Le foglie rovinate cadranno e saranno sostituite da altre perfette.

TROPPI ANTIPARASSITARI

Se sulla pianta si nota la presenza di parassiti come afidi o cocciniglie, si può cedere alla tentazione di spruzzare dosi massicce di prodotto. Facendo così, nel giro di una settimana, alcune foglie si seccano e i boccioli delle piante, in particolare della violetta africana, della rosellina, dell'azalea e della glossinia, appassiscono ancora prima di schiudersi. La colpa non è solo dell'eccesso di prodotto, ma anche della bassa temperatura del liquido che esce dalle bombolette spray.

Il rimedio

Non resta che togliere i boccioli avvizziti e aspettare che la pianta, dopo essersi ripresa dallo stress, rifiorisca. E se si ripresenta qualche parassita, prima di usare di nuovo lo spray, è bene staccarlo con un getto d'acqua o passando sulle foglie un batuffolo di cotone.

TROPPO SOLE

Con la bella stagione, sembra un'ottima idea avvicinare alle finestre le piante che vivono in casa (come la kenzia, il tronchetto della felicità o le orchidee). Errore. In pochi giorni, sulle foglie compaiono delle macchie violacee perché il vetro potenzia i raggi solari e quindi il calore, che brucia e disidrata la pianta.

Il rimedio

Si rimette il vaso dov'era e, per salvare le foglie, si spruzza con un po' di acqua ogni giorno per aumentare l'umidità.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
casa/giardinaggio/il-troppo-stroppia-anche-con-i-fiori$$$Il troppo stroppia. Anche con i fiori
Mi Piace
Tweet