5 oggetti di casa da sostituire (molto!) spesso

  • 1 6
    Credits: Shutterstock

    La regola generale, per rispettare l'ambiente in cui viviamo e il periodo di crisi generalizzata, è cercare di risparmiare il più possibile e di non cedere al consumismo. Per esempio, organizzando scambi con le amiche e sbarazzandosi in modo costruttivo di arredi e suppellettili che hanno fatto il loro tempo e che, altrove, potranno rinascere a nuova vita.

    Così come è importante imparare a pulire correttamente, senza sprechi, gli oggetti che abitano nelle nostre case. Vi sono, però, alcune cose che andrebbero comunque sostituite molto spesso. E questi oggetti si trovano soprattutto in cucina e in bagno. Il motivo di questa necessità è che si tratta di veri e propri ricettacoli di batteri.

    A tal proposito, nelle nostre case ci sono anche altri oggetti che, invece, andrebbero lavati con frequenza assidua. Per esempio, tappeti, asciugamani, federe dei cuscini del divano o tende.

  • 2 6
    Credits: Shutterstock

    Spugnette bye bye

    La cucina è il luogo in cui maneggiamo e prepariamo ciò che poi mangeremo, quindi si tratta di una stanza che va mantenuta perfettamente pulita e in ordine. Oggetti compresi.

    Dunque, è importante ricordarsi di lavare molto spesso strofinacci, tovaglie e tovagliette. Inoltre, è bene sostituire con molta frequenza le spugnette per lavare piatti e ripiani. Questo perché si tratta di oggetti che diventano veri e propri ricettacoli di batteri con estrema facilità.

    Le spugnette sono piuttosto economiche e, quindi, non dovrebbero incidere in modo grave sul bilancio familiare. Chi desiderasse mantenerle in buono stato più a lungo, può lavarle e lasciarle asciugare nel microonde. Un altro trucchetto è versare qualche goccia di olio essenziale di tea tree sulla spugnetta dopo ogni utilizzo.

  • 3 6
    Credits: Shutterstock

    Scope e mocio

    Anche ciò che utilizziamo per pulire casa è importante che sia in condizioni perfette. Prima di tutto per una questione di igiene e poi perché, per pulire con efficacia, è necessario che gli attrezzi siano efficienti. Dunque, è consigliabile cambiare spesso le spazzole della scopa (che si avvitano sempre sullo stesso bastone) e la parte intercambiabile del mocio per detergere i pavimenti.

    Quest'ultima può essere anche detersa in lavatrice ma, dopo frequenti lavaggi, tende a perdere di efficacia nonché a lasciare pelucchi e filamenti nello scarico e nel filtro della lavatrice. Se si usa molto spesso l'aspirapolvere, è bene cambiare con altrettanta frequenza il sacchetto.

  • 4 6
    Credits: Shutterstock

    Filtri dei rubinetti

    Soprattutto in città, dove l'acqua è molto calcarea e quindi "dura", è importante ricordarsi di sostituire con frequenza i filtri dei rubinetti. Questi ultimi, infatti, tendono a otturarsi a causa del calcare e tutto ciò può portare a una diminuzione del flusso di acqua in uscita. Per cambiare i filtri, è sufficiente svitarli con l'apposita chiavetta.

    Il filtrino del rubinetto si può anche pulire dal calcare mettendolo a mollo nell'aceto e cercando di "aprire" i buchini con l'aiuto di uno stuzzicadenti.

  • 5 6
    Credits: Shutterstock

    Padelle e taglieri

    Sempre in cucina, è consigliabile passare in rassegna le condizioni di pentole, padelle e taglieri. Le padelle in teflon, per esempio, tendono a usurarsi molto facilmente e a diventare, così, malsane. Quindi, quando si fanno vivi i primi segni di usura, è bene cambiare pentole e padelle.

    Oppure, sceglierli di qualità migliore in modo che l'usura sia molto più lenta. Anche i taglieri diventano con facilità ricettacoli di batteri. Quelli di plastica possono essere sostituiti con maggiore frequenza ma quelli di legno tendono a occupare le nostre cucine per tempi lunghissimi.

    Dunque, è consigliabile lavarli con estrema attenzione (meglio se con spugnetta e aceto) per eliminare i batteri che possono depositarsi nelle microfessure (lasciate dai coltelli).

  • 6 6
    Credits: Shutterstock

    Tenda della doccia

    Quando non si ha a disposizione una vera e propria cabina doccia, si usa l'apposita tenda. Quest'ultima è realizzata in speciali materiali impermeabili. Ma, anche la tenda della doccia più curata e costosa, nel tempo tende a diventare un possibile luogo amato da batteri e muffe.

    Quindi, il consiglio è di sostituirla abbastanza frequentemente e, soprattutto, di cambiare l'aria dopo ogni doccia. Il tutto, aprendo per bene la tenda in modo che l'umidità possa svanire e che il tessuto si asciughi perfettamente in ogni sua parte.

    In bagno, inoltre, andrebbero lavati continuamente asciugamani, accappatoi e tappetini. Questi ultimi ad alte temperature.

/5

Tra cucina e bagno, ci sono alcuni oggetti che sarebbe meglio sostituire con frequenza

La tendenza, nel rispetto dell'ambiente e del budget familiare, è quella del risparmio e del riciclo. Ben vengano quindi riutilizzi, pulizie ecologiche e baratti di oggetti inutilizzati con gli amici. Però, soprattutto in cucina e in bagno, ci sono alcuni oggetti che vanno sostituiti molto spesso.

Per esempio, non tutti sanno che le spugnette della cucina (ma anche le spugne dedicate all'igiene personale) andrebbero cambiate con assidua frequenza poiché diventano veri e propri ricettacoli di batteri. Anche la tenda della doccia va sostituita ogni tanto, così come è importante passare periodicamente in rassegna lo stato di pentole e padelle in teflon.

Poi, ci sono quegli oggetti che andrebbero lavati molto, molto spesso: asciugamani, tappeti, tende sono da disinfettare e arieggiare frequentemente per evitare la formazione di colonie batteriche, la proliferazione degli acari o la nascita di muffe anche invisibili.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te